Brian Eno - Presentism 3085 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MEMMO - PALAZZO RUSPOLI ​ Via Della Fontanella Di Borghese 56B Roma 00186

Roma - dal 20 febbraio al 15 marzo 2009

Brian Eno - Presentism

Brian Eno - Presentism
FONDAZIONE MEMMO - PALAZZO RUSPOLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Della Fontanella Di Borghese 56b (00186)
+39 0668136598
info@fondazionememmo.it
www.fondazionememmo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un grande artista contemporaneo mostra i limiti, le contraddizioni e la grandezza del Futurismo, riattualizzandolo nel nostro lungo, interminabile presente. Tecnologie digitali, suoni e visioni. Il mondo aperto di Brian Eno.
orario: dal martedì alla domenica ore 10.00 – 20.00 (chiuso il lunedì)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 febbraio 2009. ore 20
ufficio stampa: ZETEMA
autori: Brian Eno
patrocini: Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione. Un progetto di Artache per il Comune di Roma
telefono evento: +39 060608
note: Nell'ambito di Futuroma. la mattina del 20 febbraio una conferenza stampa con la presenza di Brian Eno.
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Esclusivamente per FUTUROMA - iniziativa che raccoglie gli eventi promossi dal Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione dal 20 febbraio 2009 per celebrare il Centenario della pubblicazione del primo Manifesto Futurista (1909-2009) - Brian Eno offre alla città di Roma “Presentism, Time and Space In The Long Now”, una sintesi audiovisiva che nelle sale della prestigiosa Fondazione Memmo in Palazzo Ruspoli darà vita ad una molteplicità di sensazioni all’interno di uno spazio totale. L’evento sarà aperto al pubblico dalle 20.00 di venerdì 20 febbraio fino al 15 marzo 2009. Il progetto di Artache per il Comune di Roma è un’installazione con design e produzione by Lumen London Ltd e Wom Records S.L. con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. Oggi del Futurismo musicale non resta quasi nulla: i futuristi hanno invocato la distruzione delle prove, delle biblioteche, dei musei e delle città per reagire alla cultura del momento, trasformare l’arte in vita, il presente in un futuro non ancora vissuto. Anche la musica, di natura immateriale, è stata sottoposta a questa distruzione, non facendo scomparire gli strumenti ma creandone di nuovi. Degli intonarumori ideati dal pittore-musicista futurista Luigi Russolo resta viva l’influenza su tutta la musica che possiamo ascoltare. Questo grazie alla distruzione del muro tra suono e rumore e alla nuova idea di strumenti musicali come oggetti provenienti dalla tradizione ma anche direttamente dalla natura, un passaggio che ha aperto la musica alle infinite potenzialità delle tecnologie digitali. Così la con-fusione tra uomo e macchina, profetizzata dai futuristi, ha portato alla con-fusione tra tradizione e tecnologia. Se i futuristi volevano creare un ambiente emotivo, evitando l’eccessiva astrazione cui era giunta la musica accademica, Brian Eno è stato il primo a concepire musica per spazi non convenzionali “immergendo” l’ascoltatore in uno specifico ambiente e mantenendo in stretta relazione la mente, il corpo e gli strumenti offerti dalla tecnica. Presentism si offre quindi come una contaminazione, una tavolozza di sensazioni dilatate nello spazio dell’ascolto come pure della visione: timbro e colore vengono fusi in una sintesi audiovisiva che offre un’immagine “presentista” di Roma. Allo stesso tempo Presentism esprime la relatività dello spazio e del tempo nell’universo sonoro che ci avvolge, immergendoci nel Long Now di cui è fatto il nostro oggi. “Il tempo e lo spazio sono morti ieri. Noi viviamo già nell’Assoluto poiché noi abbiamo già creato l’eterna velocità onnipresente” (Tommaso Marinetti).
 
documenti
documento Word  Biografia Brian Eno [68 kb] 

(20/02/2009 17.24.45)
documento Word  Presentism [29 kb] 

(20/02/2009 17.24.05)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram