Barbara Duran - Dimora del tempo 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Bologna via alla raccolta fondi e alla mostra per aiutare Esmeralda
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva POLO MUSEALE CIVICO DIOCESANO - EX CONVENTO DI SANTA CHIARA ​ Piazza Giuseppe Garibaldi Sulmona 67039

Sulmona (AQ) - dal 28 marzo al 9 maggio 2009

Barbara Duran - Dimora del tempo

Barbara Duran - Dimora del tempo
In sospeso (monade)
 [Vedi la foto originale]
POLO MUSEALE CIVICO DIOCESANO - EX CONVENTO DI SANTA CHIARA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Giuseppe Garibaldi (67039)
+39 0864212962
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Avatars Gallery ha immaginato una mostra circolare e ha scelto due città che rappresentano la complessità della nostra quotidianità, ma anche la sintesi di ciò che vorremmo fosse la misura dell’esistenza: Roma – stimolante, caotica e multiculturale - e Sulmona, città di provincia a misura d’uomo che vanta una storia antica e nobile. Due città per due momenti di riflessione intorno al tempo e al ricordo, un omaggio alla forza del dolore e al coraggio della vita.
orario: tutti i giorni: 9.00-13.00 15.00-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 28 marzo 2009. ore 18
curatori: Pasquale Di Loreto, Anna Gioioso
autori: Barbara Duran
note: Presentazione di Renato Miracco, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York e una poesia dedicata di Patrizia de Rachewiltz. Dal 15 aprile al 9 maggio avverrà lo scambio di mostre fra le due città. Sedi: Polo museale - ex Convento di S. Chiara, P. Garibaldi, Sulmona, Avatars Gallery, P. XX Settembre, 21, Sulmona, Studio Urbana, Via Urbana, 110 Roma,
genere: arte contemporanea, serata - evento, personale, disegno e grafica
email: avatars.g@alice.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La “Dimora del tempo” non ha un luogo, ma è in più luoghi. Nel tentativo di raccontare il senso di questo ultimo ciclo di lavori di Barbara Duran, Avatars Gallery ha immaginato una mostra circolare e ha scelto due città che rappresentano la complessità della nostra quotidianità, ma anche la sintesi di ciò che vorremmo fosse la misura dell’esistenza: Roma – stimolante, caotica e multiculturale - e Sulmona, città di provincia a misura d’uomo che vanta una storia antica e nobile. Due città per due momenti di riflessione intorno al tempo e al ricordo, un omaggio alla forza del dolore e al coraggio della vita.

La mostra è costituita da una serie di lavori ad olio su tavola, tecniche miste su carta e da due opere filmiche dedicate al senso del dolore dovuto alla perdita e alla separazione.

Il grande polittico “Forma corporeitatis (à las madres) con cui si inaugura a Sulmona una delle due parti della mostra, è dedicato alle madri dei desaparecidos e al loro coraggio, a quelle donne che con i loro corpi e la loro presenza hanno occupato il vuoto dell’assenza per non far dimenticare tutti coloro che nel passato, nel nostro drammatico presente e nel futuro sono scomparsi, scompaiono e scompariranno per mano della violenza di altri, per l’oppressione e la sopraffazione di chi colpisce e annienta coloro che lottano per la libertà e la dignità del vivere. Un omaggio alla forza delle donne, all’attaccamento alla vita e allo spirito di sacrificio, alle speranze e al disincanto che da sempre hanno accompagnato l’esistenza femminile.

“Non mi lasciare”, mediometraggio a tecnica mista in super8 e digitale, da cui prende il titolo la parte della mostra esposta a Roma e successivamente a Sulmona, vuole essere per l’autrice una sequenza di “…immagini astratte, oniriche, immaginifiche di stati inconsci e profondi dell’essere: lo scorrere della vita, il succedersi dei giorni, delle stagioni, dei colori, dei luoghi”, il prisma della vita. Pennellate che raccontano e avvolgono, continui rimandi dove si svelano e subito si celano - in un avvolgersi/rincorrersi - pathos e tenerezza, eros e sofferenza, mito e natura. Emozioni evocate magistralmente da Patrizia de Rachewiltz con “A lume audace”, un’ode inedita che ha voluto dedicare a questo ultimo ciclo di lavori di Barbara Duran e che sarà letta il giorno dell’inaugurazione.

Un progetto complesso, dunque, che oltre alla mostra nel suo duplice percorso, prevede la lettura ad alta voce di una selezione di poesie e brani di autori contemporanei. La mostra, inoltre, offrirà al pubblico un’opportunità per esprimere le proprie emozioni, lasciando un post su un pannello all’interno dello spazio espositivo, un dono con le proprie riflessioni, citazioni o poesie ispirate al tema della mostra, delle quali verrà data lettura a conclusione dell’evento.
 
documenti
documento Word  Duran progetto [366 kb] 

(03/02/2009 16.46.56)
documento Word  DURAN - CURRICULUM VITAE 2009 [40 kb] 

(03/02/2009 16.46.19)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram