Gianni Bolis - Tra un solco e l’altro 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 14 febbraio all'undici aprile 2009

Gianni Bolis - Tra un solco e l’altro

Gianni Bolis - Tra un solco e l’altro
Vite
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra propone una ventina di lavori recenti, prevalentemente disegni a china perché tecnica di predilezione di Bolis, che ripercorrono i temi artistici più cari all’artista lombardo: spaccati di vita quotidiana scanditi dalle necessità semplici dell’esistenza e al contempo attraversati dalle ansie e dalle ineluttabili, perenni domande sul significato più profondo dell’umano vivere.
orario: giovedì 15.00-19.00, sabato 10.00-17.00 e domenica 10.00-14.00 o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 14 febbraio 2009. ore 17
curatori: Mauro Paolocci
autori: Gianni Bolis
note: Alcune opere saranno esposte contemporaneamente, nei normali orari di apertura, presso:
Libreria DAL LIBRAIO, Via Pontico Virunio 7, Mendrisio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 14 febbraio al 11 aprile l’artista di Calolziocorte (LC) Gian Battista Bolis (detto da sempre Gianni), sarà ospite dello Spazio d’arte Stellanove di Mendrisio con una personale dal titolo : tra un solco e l’altro. La mostra propone una ventina di lavori recenti, prevalentemente disegni a china perché tecnica di predilezione di Bolis, che ripercorrono i temi artistici più cari all’artista lombardo: spaccati di vita quotidiana scanditi dalle necessità semplici dell’esistenza e al contempo attraversati dalle ansie e dalle ineluttabili, perenni domande sul significato più profondo dell’umano vivere.

Un abbandonato casolare contadino perso tra le colline, una vite senza grappoli di uva, spoglia perché colta nel momento della tregua e del silenzio invernali, la civetta che tranquilla scruta il mondo dal ramo su cui si è appollaiata, un prete di campagna (trasfigurazione del manzoniano Don Abbondio) raffigurato nell’atto di impartire una benedizione, sono alcuni dei soggetti attorno a cui ruota la ricerca pittorica di Bolis e sono leggibili sia come rappresentazioni che aspirano ad uscire dalla durata normale del tempo per riconfermare invece la ciclicità dell’esistenza, sia come il tentativo di esorcizzare, riportandola alla sua dimensione più naturale, quella scadenza finale con cui tutti dovremo confrontarci alla fine del nostro transito terreno.

Le sue opere, che per raffinatezza tecnica e per potenza figurativa si rifanno ai modi dei grandi artisti della pittura umanistico-rinascimentale senza tuttavia cadere mai nella trappola della facile riproduzione o dell’anacronismo, irradiano una forza e una vigoria impressionanti capaci di svelare all’occhio dell’osservatore l’armonia che il creato possiede, quell’armonia e quella bellezza insite nei minuti ritagli della quotidianità e di cui raramente ci accorgiamo nel nostro vagabondare frenetico ma attraverso le quali però prorompe e si afferma, grazie alla maestria di Bolis, l’eterno, l’autentico senso dell’esistenza, il solo in grado di rinnovare la nostra attitudine al mondo anche al di là dell’incedere del tempo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram