Thierry Geoffroy/Colonel - Emergency Room Napoli 3134 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA ​ Via Dei Mille 60 Napoli 80121

Napoli - dal 13 marzo al 20 aprile 2009

Thierry Geoffroy/Colonel - Emergency Room Napoli
[leggi la recensione]

Thierry Geoffroy/Colonel - Emergency Room Napoli
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Mille 60 (80121)
+39 0817958600
pan@comune.napoli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le linee di ricerca tracciate dalla mostra My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico?’, si completano con il coinvolgimento dell’artista franco-danese Thierry Geoffroy, conosciuto anche con il nome Colonel, che aprirà al Pan il progetto Emergency Room Napoli.
orario: feriali: 9.30 > 19.30 | festivi: 9.30 > 14.00 |chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 13 marzo 2009. ore 19
autori: Thierry Geoffroy/ Colonel
note: Piano Primo. Preview stampa venerdì 13 marzo ore 12,00
genere: arte contemporanea, personale
email: adelaide.auriemma@palazzoartinapoli.com
web: www.emergencyrooms.org/napoli

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Le linee di ricerca tracciate dalla mostra My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico?’ si completano con il coinvolgimento dell’artista franco-danese Thierry Geoffroy, conosciuto anche con il nome Colonel, che dal prossimo 13 marzo, aprirà al PAN il progetto Emergency Room Napoli.

L’idea del “format” Emergency Room - già presentato al P.S.1 di New York nel 2007, e poi ancora a Berlino, Atene, Toronto, Parigi - trova origine dalla constatazione dell’artista che la società contemporanea è dominata da un costante stato di ”emergenza”: agli artisti, dunque, da sempre “termometri” delle trasformazioni della realtà e interpreti delle sue inquietudini, alla maniera di un giornalista che svolge un'inchiesta, Geoffroy affida il compito di scansionare tale condizione attraverso la realizzazione di una stanza, Emergency Room, appunto, una piattaforma che coinvolge artisti italiani e internazionali, invitati a riflettere su notizie d’attualità, e a presentare giornalmente opere prodotte ad hoc nelle 24 ore precedenti.

Tra gli artisti che fino adesso hanno aderito al progetto ci sono: Andrea Nacciarriti, Anja Puntari, Anna Fusco, Anna Maria Pugliese, Baptiste Debombourg, Celesta Bufano, Christian Costa, Ciro Vitale, Corrado Folinea, Daniela Politelli, Danilo Correale, David Marin, Diego Valentino, Dionisis Christofilogiannis, Domenico Antonio Mancini, Eugenio Tibaldi, Federico Maddalozzo, Giulia Piscitelli, Giulio Delvé, Guillaume Dimanche, Helidon Gjergji, IABO, Mara M, Marco Zezza, Maria Adele Del Vecchio, Maurizio Savini, Marinella Senatore, Melina Peña, Melita Rotondo, Peter Lind, Peter Ravn, Pietro Ruffo, Raffaella Crispino, Raffaela Mariniello, Roberto Paci Dalò, Rosaria Iazzetta, Rosy Rox, Roxy in the Box, Salvatore Manzi, Siw Amina Bech, Sophie Hjerl, Stanislao Di Giugno, Susanne Schuricht, Valentina Miorandi, Vincenzo Rusciano, Walter Picardi.

Nel sistema dell’arte contemporanea, un artista, solitamente, attende anni, prima di esporre all’interno di istituzioni d'arte, trovare i finanziamenti, sedi e collaboratori. Attraverso il dispositivo di Emergency Room, gli artisti possono invece operare quotidianamente, interagendo con il pubblico e i mezzi di comunicazione di massa, condividendo domande e tensioni, ma anche risposte e nuove idee.

Dal 13 marzo al 20 aprile lo scenario di Emergency Room cambierà quotidianamente: alle 12.30 in punto, dal mercoledì al lunedì, gli artisti che di volta in volta si succederanno nella partecipazione al progetto porteranno i lavori realizzati nelle 24 ore precedenti. Le opere, pubblicate in tempo reale sul sito internet dedicato (www.emergencyrooms/napoli), resteranno in esposizione fino alle 12.30 del giorno successivo per poi essere riposizionate in un secondo spazio denominato Delay Museum.

Emergency Room Napoli risponde così alle tre linee guida della mostra My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico?: ovvero all’idea del museo come luogo pubblico, al ruolo dell'artista come figura pubblica, e ai mezzi di comunicazione telematica come nuovi spazi d'espressione per gli artisti.

Inoltre, il 12 marzo alle ore 17.00, Thierry Geoffroy invita tutti, artisti e non, a partecipare all’iniziativa Critical Run che da anni lo vede correre in diverse città del mondo (New York, Londra, Istanbul, Atene, Parigi, Siberia, Copenhagen). Una vera e propria corsa cittadina che si svolgerà all’interno della Villa Comunale di Napoli, con cui - come dice l’artista - sarà possibile allenare i muscoli della consapevolezza!

Il concept della Critical Run napoletana è: Is it dangerous to be critical in Naples
 
trovamostre
@exibart on instagram