Guido Pajetta - Catalogo generale ragionato dei dipinti 3060 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FAM - FONDAZIONE ANTONIO MAZZOTTA ​ Foro Buonaparte 50 Milano 20121

Milano - mar 24 marzo 2009

Guido Pajetta - Catalogo generale ragionato dei dipinti

Guido Pajetta - Catalogo generale ragionato dei dipinti

 [Vedi la foto originale]
FAM - FONDAZIONE ANTONIO MAZZOTTA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Foro Buonaparte 50 (20121)
+39 02878197 , +39 028693046 (fax)
informazioni@mazzotta.it
www.mazzotta.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Curata da Enrico Crispolti l’opera è divisa in due volumi a sua volta organizzati in dieci grandi capitoli ognuno dei quali relativo a un momento evolutivo della sua lunga avventura creativa durata una settantina d’anni (1914-1987). Ogni capitolo è introdotto da un saggio specifico e corredato da illustrazioni a colori, da un antologia critica e da alcuni testi dell’artista. L’ordinamento delle schede, realizzate con grande impegno dal figlio Giorgio con la collaborazione di Silvia Ferrari a partire dagli anni Novanta, segue quindi una cadenza strettamente cronologica.
biglietti: free admittance - fino a esaurimento posti
vernissage: 24 marzo 2009. ore 18
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: SPAINI & PARTNERS
curatori: Enrico Crispolti
autori: Guido Pajetta
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Presso la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano, martedì 24 marzo 2009 alle ore 18.00, si terrà la presentazione del catalogo generale ragionato dei dipinti di Guido Pajetta a cura di Enrico Crispolti.

Guido Pajetta (1898 – 1987) è un artista singolare e anomalo nel panorama dell’arte italiana del ‘900. Pittore eclettico, consapevolmente disposto ad ogni forma di contaminazione formale si colloca sempre trasversalmente rispetto ai modi ed alle mode correnti. La sua è una vita ricchissima di vicende che, dalle radici nella pittura ottocentesca del nonno Paolo e degli zii, Pietro e Mariano, attraversano il ‘900 toccandone i nodi vitali.

Curata da Enrico Crispolti l’opera è divisa in due volumi a sua volta organizzati in dieci grandi capitoli ognuno dei quali relativo a un momento evolutivo della sua lunga avventura creativa durata una settantina d’anni (1914-1987). Ogni capitolo è introdotto da un saggio specifico e corredato da illustrazioni a colori, da un antologia critica e da alcuni testi dell’artista. L’ordinamento delle schede, realizzate con grande impegno dal figlio Giorgio con la collaborazione di Silvia Ferrari a partire dagli anni Novanta, segue quindi una cadenza strettamente cronologica.

Il primo volume è dedicato agli anni dal 1914 al 1963: dalle esperienze giovanili e dai contatti con il Novecento (1914-33) alla conquista della modernità che lo spingono a sperimentare prima un tipo di figurazione legata al surrealismo (1934-38) e da qui una figurazione chiarista e “neo-fauve” legata alla frequentazione dei compagni d’Accademia Lilloni e Del Bon e all’amicizia con Dufy e Friesz (1934-46). La tragedia esistenziale del secondo dopoguerra porta Pajetta ad una svolta decisiva verso una pittura di ascendenza espressionista, prima vicina alle esperienze francesi (1947-50) poi, dopo un primo soggiorno a Londra, vicina alle tematiche della nuova figurazione inglese espressa da artisti come Bacon, Sutherland e in particolare Henry Moore (1951-57), fino a un tipo di pittura sempre più radicale nel segno grafico (1958-63).

Il secondo volume è dedicato alla pittura degli ultimi venti anni (1964-1987) vissuti nel totale isolamento alla ricerca di una nuova figurazione assolutamente privata degli strumenti retorici della rappresentazione, in un viaggio impossibile alla fonte dell’apparizione dell’arte. Sono gli anni della maturità artistica dove si nota prima, verso la fine degli anni ’60, una gestione graffitista dell’immagine con l’uso dei colori acrilici, a cui si aggiunge negli anni ’70 un uso del colore più estremo e radicale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram