Americas latinas. Las fatigas del querer 3049 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO OBERDAN - CINETECA ​ Viale Vittorio Veneto 2 Milano 20124

Milano - dal 20 maggio al 4 ottobre 2009

Americas latinas. Las fatigas del querer

Americas latinas. Las fatigas del querer
Jackie y la ilusión de Fatima
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO OBERDAN - CINETECA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Vittorio Veneto 2 (20124)
+39 0277406300
www3.provincia.mi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra ha per contenuto le evoluzioni delle arti figurative dell’America Latina nella contemporaneità ed è basata su alcuni nuclei tematici “chiave”: sangue, morte, anima, natura, città
orario: tutti i giorni 10-19.30, martedì e giovedì fino alle 22, chiuso il lunedì mostra aperta durante tutto il mese di agosto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 4, ridotto 2,50; gruppi scolastici €1,50. Ingresso libero il primo martedì di ogni mese
vernissage: 20 maggio 2009. ore 18
catalogo: in mostra
editore: MAZZOTTA
curatori: Elena Agudio, Jean Blanchaert, Philipe Daverio
autori: Nada Alvarado, Arthur Bispo do Rosario, Tania Bruguera, Ivan Capote, Los Carpinteros, Nicola Costantino, Regina José Galindo, Louis Gonzàles Palma, Antonio González Paucar, Ana Mendieta, Alejandra Mettler, Beatriz Milhares, Vik Muniz, Iván Navarro, Ernesto Neto, Rosangela Renno, Mika Rottenberg, Josè Rufino, Martín Sastre, Demian Schopf, Eduardo Srur, Javier Téllez, Adriana Varejão
patrocini: mostra promossa e organizzata dalla Provincia di Milano in collaborazione con Adac/Associazione Diffusione Arte Cultura di Modena
telefono evento: +39 0277406358
note: vernice stampa ore 11.30 del 20 maggio
genere: fotografia, arte contemporanea
email: p.merisio@provincia.milano.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’arte contemporanea latinoamericana è una delle più interessanti realtà del panorama artistico internazionale: la difficile situazione politico-economica del Continente Sud-americano ha generato pulsioni e passioni artistiche estremamente dense. Per lo più si tratta di un’arte politica, di ribellione e di rivoluzione. Un’arte forte, come ancora rimane forte in America Latina la memoria della conquista e dell’evangelizzazione europea, e violenta come violente furono le sanguinarie usanze dei popoli indigeni precolombiani. Un’arte contemporanea tendenzialmente barocca, figlia di una mentalità complessa e di una cultura di osmosi: quella tra le tradizioni indigene e quelle occidentali-europee.

Durante il lavoro di ricerca sono emersi alcuni temi stabili attorno ai quali si coagulano energie molto precise di artisti con provenienze disparate. L’indagine sulla natura, l’attenzione alla mutazione dei popoli, il rapporto con la vita, con la morte, con il sangue. Essi si declinano dall’intellettualità alla passionalità, dall’istintività ad una ipotesi di razionalità, in modo ben diverso tra un luogo e l’altro del continente. La stessa evoluzione dei rapporti fra popoli preesistenti e immigrati di varie origini, europee e interamericane, la mescolanza e talvolta il conflitto tra religioni, cosmogonie e evangelizzazioni portano a nodi problematici paralleli ma non necessariamente similari.

Parlare di un’arte latinoamericana come di un’unità generale coerente e specifica appare però come una semplificazione. E’ difficile parlare di un’arte pan-latino-americana, se non forzando un po’ le cose: poco ha a che vedere il Cile con Panama, come quasi nulla ha a che fare il Brasile con il Messico o un argentino con un boliviano.

La mostra “Las Americas Latinas. Las fatigas del querer” infatti, come recita il titolo stesso (“Americhe Latine”), offre un panorama multiplo, diversificato e complesso, come è quello della



Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.



realtà politica economica sociale e creativa del continente sudamericano. Non un’interpretazione univoca e definitiva, bensì spunti poetici per avvicinarsi alla comprensione di un paese così lontano e così vicino a noi. Una mostra che lascia aperto l’enigma e si limita solo ad essere una documentazione delle più significative correnti e qualità artistiche. Un ritratto variegato che, con la presenza sia di Maestri ormai defunti sia di artisti dell’ultima generazione, sarà una narrazione personale di Philippe Daverio sulla sua percezione dell’America Latina.

La mostra ha per contenuto le evoluzioni delle arti figurative dell’America Latina nella contemporaneità ed è basata su alcuni nuclei tematici “chiave” (sangue, morte, anima, natura, città), che saranno anche declinati e ripercorsi, allo Spazio Oberdan, attraverso contributi di autori e incontri rappresentativi della letteratura latino-americana.

Si passa dalla truculenta crudezza delle opere della cubana Tania Bruguera alla sottile spietatezza delle opere dell’argentina Nicola Costantino, senza trascurare le impressionanti visioni sanguinose della brasiliana Adriana Varejão. Dalle installazioni filamentose di Ernesto Neto, alle performance (fotografate) di Ana Mendieta, alle ispirazioni folli di Arthur Bispo do Rosario, fino a Beatriz Milhares, Vik Muniz, al fotografo guatemalteco Louis Gonzales Palma, ai giovani cubani Los Carpinteros, Ivan Capote, al cileno Demian Schopf, al brasiliano Josè Rufino, per citarne alcuni. Non mancano artisti poco frequentati dal mercato.

L’artista argentina Alejandra Mettler nei mesi precedenti all’apertura della mostra ha lavorato con le donne indigene di Salta – una provincia al nord-est dell’Argentina, ai piedi delle Ande – per la produzione di un’enorme bandiera latinoamericana. L’opera rientra nel progetto comunitario Banderas Unidas, e per lo Spazio Oberdan è coordinata da Jean Blanchaert.

Sempre allo Spazio Oberdan, accanto alla parte espositiva, sono previsti una sezione letteraria e un programma di film e incontri con registi e autori.

Nei mesi di maggio e settembre si potranno incontrare e ascoltare alcuni dei più importanti rappresentanti letterari del Nuovo Mondo: dall’argentino Alberto Manguel al cileno Luis Sepúlveda, dall’ispano-messicano Paco Ignacio Taibo II al cubano Leonardo Padura Fuentes, al colombiano Héctor Abad, all’argentina Elsa Osorio. La rassegna è coordinata da Paolo Collo, esperto e editor di letteratura ispano-americana e lusitana, e viene proposta in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Milano.

Il focus sarà proprio arte e letteratura, un connubio che nelle Americhe è riuscito a intersecarsi e a influenzarsi reciprocamente, che ha creato stili e modi di scrivere e di creare tra i più originali. Ben al di là, quindi, dell’immagine ormai un po’ frusta della letteratura di quel Continente, che non è solo Borges e Cent’anni di solitudine, realismo magico e tango, ma molto di più.

Primo incontro martedì 19 maggio, ore 18, con lo scrittore Alberto Manguel.

La rassegna cinematografica, organizzata in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana, prende invece il via a giugno. Programma in via di definizione.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram