Giacomo Manzù - Tra segno e colore 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva RACCOLTA MANZU' ​ Via Laurentina 72 Ardea 00040

Ardea (RM) - dal 18 aprile al 27 settembre 2009

Giacomo Manzù - Tra segno e colore

Giacomo Manzù - Tra segno e colore
RACCOLTA MANZU'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Laurentina 72 (00040)
+39 069135022
gnam@arti.beniculturali.it
www.museomanzu.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Selezione di quaranta tra dipinti ad olio e bozzetti teatrali della Raccolta Manzù, incentrata sul rapporto tra lo scultore bergamasco e il binomio segno-colore nelle opere. In questa occasione Antonella Lefevre presenta la monografia di Vittorio Crespi Morbio, Giacomo Manzù alla Scala,edita da Umberto Allemandi.
orario: lunedì: ore 14 - 19
martedì - domenica: ore 09 - 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 18 aprile 2009. ore 18
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: Electa Mondadori
Dott.ssa Gabriella Gatto
E-mail: press.electamusei@mondadori.it
Telefono: 06/42029206
curatori: Marcella Cossu, Carla Michelli
autori: Giacomo Manzù
note: In occasione della XI Settimana della Cultura. In collaborazione con la Fondazione Manzù
genere: arte contemporanea, personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Selezione di quaranta tra dipinti ad olio e bozzetti teatrali della raccolta Manzù, incentrata sul rapporto tra lo scultore bergamasco e il binomio segno-colore. In mostra, dipinti dal 1953 al 1958 riguardanti due tra le principali tematiche dell’artista, il “sacro”- I Cardinali – e il “profano” – Pittore con modella- in un’interpretazione cromatica e compositiva del soggetto che tende a discostarsi dal Manzù più noto delle sculture e della grafica in bianco e nero; riproposta, stavolta a causa dell’approfondimento delle tematiche legate all’impiego del colore, una selezione dei bozzetti teatrali dal ’64 al ’72, tratti da Oedipus Rex, Histoire du Soldat,(I.Strawinsky) La follia d’Orlando (G.Petrassi),Tristano e Isotta:(R.Wagner) Elektra (R.Strauss).

Contestualmente, si propone in apertura la performance Il finito non esiste mai. Performance per attori, versi, prose, incantamenti e contrabbasso dedicata a Giacomo Manzù a cura di Maria Sandrelli e Riccardo della Pietra, King Kong Studios-Arte Studio di Roma, nel corso della quale, accompagnati dalle improvvisazioni al contrabbasso, gli attori leggono in maniera rapsodica pagine tratte da più versioni di Ifigenia in Tauride,Tristano e Isotta, La follia d’Orlando, Edipo Re, Il pomeriggio di un fauno, in rapporto con le opere e i balletti teatrali per i quali lo stesso Manzù ha curato scenografie e costumi dei personaggi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram