La mente di Leonardo. Nel laboratorio del Genio Universale 3046 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO VENEZIA ​ Via Del Plebiscito 118 Roma 00186

Roma - dal 30 aprile al 30 agosto 2009

La mente di Leonardo. Nel laboratorio del Genio Universale
[leggi la recensione]

La mente di Leonardo. Nel laboratorio del Genio Universale
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO VENEZIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Plebiscito 118 (00186)
+39 0669994299
palazzovenezia.dir@arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione accompagna il visitatore alla scoperta del genio di Leonardo, invitandolo ad esplorare il suo modo di pensare attraverso filmati e riproduzioni ad alta definizione, modelli funzionanti costruiti con rigore e con tecniche e materiali storicamente plausibili, postazioni digitali che danno accesso a contenuti interattivi, visualizzazioni virtuali di opere perdute di Leonardo.
orario: Tutti i giorni, escluso il lunedì dalle ore 10 alle ore 19 (la biglietteria chiude alle ore 18.00)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: €9,00 Ridotto: €7,00 (gruppi oltre 15 persone, minori di 18 anni, maggiori di 65 anni, universitari con tesserino, possessori apposite convenzioni e coupons Ridotto speciale: €4,00 (scuole) Cumulativo Mostra+Museo: €11,00 Gratuito: minori di anni 6, disabili e accompagnatore, guide professionali, giornalisti con tesserino, dipendenti del MIBAC.
vernissage: 30 aprile 2009. ore 18
catalogo: in mostra
editore: GIUNTI
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Paolo Galluzzi
autori: Leonardo Da Vinci
patrocini: promossa dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma, dal Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione; organizzata da Civita e Opera Laboratori Fiorentini con il contributo di Ericsson.
genere: documentaria, arte antica
email: artirm.uffstampa@arti.beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo lo straordinario successo riscosso da La mente di Leonardo nella sua prima presentazione alla Galleria degli Uffizi (2006) e nei successivi allestimenti in Giappone (a Tokyo, al Museo Nazionale, ebbe quasi novecentomila visitatori in soli tre mesi, risultando la mostra del 2007 più visitata in assoluto nel mondo), in Ungheria e in California, la mostra approda a Roma nella prestigiosa sede di Palazzo Venezia perché possa essere ammirata dai romani e dai numerosi turisti della capitale, con l’auspicio che possa riscuotere il successo che ha incontrato nelle sedi internazionali, contribuendo a diffondere un’immagine affascinante e scientificamente corretta della cifra molto speciale che caratterizza la genialità di un personaggio senza eguali nell’intera storia della cultura.

L’esposizione accompagna il visitatore alla scoperta del genio di Leonardo, invitandolo ad esplorare il suo modo di pensare e la sua concezione unitaria della conoscenza, come sforzo di assimilare le leggi che governano tutte le meravigliose operazioni dell’uomo e della natura.

Nonostante Leonardo venga abitualmente definito “Genio universale”, le esposizioni a lui dedicate hanno quasi sempre lumeggiato solo un ambito specifico della sua attività: l’arte, l’anatomia, la tecnologia, gli studi d’acqua, oppure del volo, per ricordare solo i più importanti. Con questa mostra si propone al visitatore un punto di vista diverso: una mente protesa nella caparbia decifrazione dei processi squisitamente razionali che presiedono ai fenomeni del mondo fisico e ai moti del pensiero, guidata dall’intento di conseguire una perfetta imitazione della natura in disegno e in pittura.

L’allestimento romano della mostra, curata dal prof. Paolo Galluzzi, direttore dell’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, è promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Roma, dal Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione; organizzato da Civita e Opera Laboratori Fiorentini

con il contributo di Ericsson. Il catalogo è edito da Giunti.

L’attenzione è focalizzata sul fatto che l’intera produzione di Leonardo, pur nella sua infinita varietà di argomenti e direzioni di ricerca, è caratterizzata dall’unitarietà dei criteri di concettualizzazione e dei metodi d’analisi. Questo rappresenta senz’altro l’aspetto più originale e affascinante del suo contributo e spiega in maniera eloquente il fondamento oggettivo della definizione largamente acquisita di Leonardo come “Genio universale”. La mente di Leonardo è il frutto della collaborazione tra eminenti studiosi e giovani ricercatori.

Il percorso espositivo è costituito da filmati e riproduzioni ad alta definizione, modelli funzionanti costruiti con rigore e con tecniche e materiali storicamente plausibili, postazioni digitali che danno accesso a contenuti interattivi, visualizzazioni virtuali di opere perdute di Leonardo.



Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.










L’allestimento romano è impreziosito dall’eccezionale presenza di alcune testimonianze della creatività artistica di Leonardo, che esprimono eloquentemente la dimensione trasversale della sua mente.

Assolutamente eccezionale, nella mostra di Palazzo Venezia, è la presenza di uno splendido disegno e di due frammenti autografi poco conosciuti provenienti da Los Angeles (facevano parte un tempo del Codice Atlantico).

Il prezioso foglio documenta il progetto di un teatro dal palcoscenico e dalle scene mobili, grazie a sofisticati meccanismi, concepito da Leonardo intorno al 1506-1508 per la rappresentazione dell’Orfeo di Poliziano a Milano. I due frammenti danno idea della complessa e suggestiva scenografia ideata da Leonardo per lo spettacolo. La macchina scenica era concepita per simulare l’apertura di una montagna con la contemporanea ascesa di Plutone dagli inferi. In mostra viene presentato anche il modello funzionante del teatro mobile descritto nel disegno di Leonardo.

E’ importante sottolineare, inoltre, la simultanea presenza di due opere pittoriche che documentano l’intensa applicazione di Leonardo al tema della Leda. Il genio di Vinci riconcepì il mito classico di Leda e il cigno come icona espressiva della prorompente vitalità della natura, matrice dell’intera varietà di tutte le forme animate, generate da una forza sensuale che presenta una dimensione cosmica. La visione naturalistica che impregna la lettura leonardiana del tema della Leda, portata a maturazione durante il suo secondo soggiorno fiorentino, emerge lampante nelle due testimonianze pittoriche, la Leda Spiridon (Galleria degli Uffizi, Firenze) e la Leda Borghese (Galleria Borghese, Roma), opere entrambe di altissima qualità uscite dalla sua bottega.

Oltre ai due dipinti della Leda, a Palazzo Venezia viene esposta anche una tavola poco conosciuta, conservata nei depositi di Palazzo Pitti, opera di un anonimo artista fiorentino che trasse ispirazione dagli studi di Leonardo per una Madonna col Bambino e San Giovannino, o che ebbe modo di vedere il dipinto che Leonardo forse eseguì ma che poi è andato perduto.

Accanto a queste eccezionali testimonianze pittoriche, la mostra romana presenta altri due disegni di Leonardo conservati presso il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. I disegni documentano la precocità dell’interesse manifestato da Leonardo per la macchina volante, contengono alcuni studi preparatori per l’Adorazione dei Magi e attestano la scrupolosa applicazione con la quale il grande Maestro si applicò alla definizione in ogni dettaglio della grande pittura murale della Battaglia di Anghiari, purtroppo perduta.


Gli sviluppi più recenti delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno reso possibile l’ideazione e la realizzazione di un progetto che si propone di divulgare un’immagine chiara, ma rigorosamente fedele alla realtà storica, dell’avventura intellettuale di Leonardo. Il fine non è tanto quello di enfatizzare la straordinaria ampiezza e varietà dei suoi interessi, quanto di evidenziare il suo costante ricorso ad alcuni principi e concetti fondamentali, arditamente trasferiti attraverso analogie visive e strutturali da un campo di ricerca all’altro.



 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram