Mimmo Rotella - Roma Parigi New York 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA TEGA ​ Via Senato 20 Milano 20121

Milano - dal 5 maggio al 20 giugno 2009

Mimmo Rotella - Roma Parigi New York
[leggi la recensione]

Mimmo Rotella - Roma Parigi New York
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA TEGA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Senato 20 (20121)
+39 0276006473 , +39 02799707 (fax)
info@galleriatega.it
www.galleriatega.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra che pone in relazione l’indagine di Mimmo Rotella con quella di artisti con cui ha condiviso importanti esperienze linguistiche come Arman, Alberto Burri, Christo e Jeanne-Claude, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Gastone Novelli, Achille Perilli, Antoni Tàpies e Cy Twombly.
vernissage: 5 maggio 2009. ore 18 Inaugurazione mostra e presentazione libro. Interviene Mimmo Calopresti, l’autore de L’ora della Lucertola,
il film-confessione dedicato alla vita di Rotella
catalogo: in mostra, a cura di Alberto Fiz
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
curatori: Alberto Fiz
autori: Mimmo Rotella
genere: arte contemporanea, presentazione, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione dell’uscita, nei tipi di Skira, dell’importante volume Mimmo Rotella Roma Parigi New York a cura di Alberto Fiz, ideato da Piero Mascitti e realizzato con la collaborazione della Fondazione Mimmo Rotella e della galleria Tega, lo spazio milanese presenta, dal 6 maggio al 20 giugno 2009, una mostra che pone in relazione l’indagine di Mimmo Rotella con quella di artisti con cui ha condiviso importanti esperienze linguistiche come Arman, Alberto Burri, Christo e Jeanne-Claude, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Gastone Novelli, Achille Perilli, Antoni Tàpies e Cy Twombly.

L’esposizione si sviluppa coerentemente con i contenuti del libro che affronta una linea d’indagine del tutto innovativa collocando la figura di Mimmo Rotella in rapporto dialettico con il contesto del dopoguerra secondo un percorso cronologico che inizia nel 1948 per concludersi con il 1970.

Si crea, così, un dialogo a più voci dove gli interlocutori sono, di volta in volta, i protagonisti della Roma anni Cinquanta, gli esponenti del Nouveau Réalisme o gli autori americani della Pop art, da Robert Rauschenberg a Andy Warhol, da Claes Oldenburg a Robert Indiana.

Come scrive Alberto Fiz nel saggio che introduce il volume “Rotella impone un proprio modello iconografico in grado di dialogare con le due realtà, quella europea e quella americana. Ciò è reso possibile dal fatto che i décollage sviluppano nuove ipotesi interpretative dove la lacerazione inverte il senso assumendo un aspetto ricostruttivo. L’immagine, del resto, eternizza la sua presenza effimera sacrificando la propria integrità sino a porre in discussione i modelli imposti dalla società dei consumi, così come dalla stessa Pop art.”

Intorno al maestro del décollage e alle sue tre città di riferimento, Roma, Parigi e New York si svolge una ricerca approfondita, evidenziata da un ricco apparato iconografico di oltre quattrocento immagini e una serie di documenti inediti.

Non manca nemmeno la ricostruzione di mostre determinanti come A 40° au-dessus de Dada alla galleria J di Parigi, The Art of Asemblage al Moma di New York, New Realists alla Sidney Janis Gallery di New York che sancisce il primo incontro ufficiale tra Pop art e Nouveau Réalisme o la Biennale di Venezia del 1964 dove Rotella partecipa con una sala personale nell’edizione che rivela in Europa la Pop art e consegna a Rauschenberg il primo Premio. Proprio in quell’occasione Pierre Restany scriveva: “Io penso che la presenza di Rotella sia un elemento capitale nella situazione artistica dell’Italia di oggi sia per tutto ciò che egli ci fa vedere che per ciò che ci spinge a pensare”.

Il volume si conclude emblematicamente con il decennale del Nouveau Réalisme celebrato a Milano nel 1970.

L’opera è arricchita dalle testimonianze inedite di alcuni artisti che hanno descritto Rotella con irriverenza e ironia ma sempre riconoscendone il valore artistico e il ruolo di provocatore estetico. Tra questi Christo e Jeanne-Claude, suoi compagni d’avventura nel movimento del Nouveau Réalisme, che ne fanno un’affettuosa descrizione umana definendolo “uno dei maggiori artisti italiani del dopoguerra”.

Tra i testimoni ci sono anche Getulio Alviani, Agostino Bonalumi Giosetta Fioroni, Gino Marotta e Achille Perilli. Quest’ultimo, insieme a Piero Dorazio, nel marzo 1951 aveva presentato la prima mostra personale di Rotella alla galleria Chiurazzi di Roma.

La mostra e il libro vengono presentati nello spazio della galleria Tega di Milano martedì 5 maggio alle ore 18. Per l’occasione intervengono il curatore Alberto Fiz, il direttore della Fondazione Mimmo Rotella Piero Mascitti, il gallerista Giulio Tega e il regista Mimmo Calopresti, autore de L’ora della Lucertola (2004), il film-confessione dedicato alla vita di Mimmo Rotella.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram