One Planet 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MARCOTULLI ​ Via Garibaldi Rieti 02100

Rieti - dall'otto al 17 maggio 2009

One Planet

One Planet
Valentina Crivelli
 [Vedi la foto originale]
PALAZZO MARCOTULLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Garibaldi (02100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La rassegna organizzata in occasione delle celebrazioni del bimillenario di Vespasiano, affronta e indaga la relazione tra uomo e ambiente attraverso le opere di ventidue artisti.
orario: tutti i giorni ore 11-13, 16-20, 21-23
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 maggio 2009. 18
catalogo: in mostra
curatori: Simone Fappanni, Barbara Pavan
autori: Giugi Bassani, Chiara Belloni, Fabrizio Berardi, Stefano Bergamo, Daniela Caciagli, Stefano Cioffi, Valentina Crivelli, Roland Ekstrom, Massimo Falsaci, Sara Forte, Eliana Frontini, Viola Lorenza Savarese, LuBott, Cate Maggia, Roberto Mariani, Federico Mazza, Claire Nelson, Giuliano Pastori, Monica Scafati, Raffaella Simone, Mariarosaria Stigliano, Riccardo Zuliani
patrocini: Regione Lazio, Provincia di Rieti, Comune di Rieti, CCIAA di Rieti
telefono evento: +39 3204571690
genere: arte contemporanea, collettiva
email: barbarart@tiscali.it
web: www.associazionestudio7.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si inaugura venerdì 8 maggio 2009 alle ore 18.00 a Palazzo Marcotulli, via Garibaldi 241, a Rieti, One planet, una mostra d’arte contemporanea promossa e coordinata da Studio7.it, a cura di Simone Fappanni e Barbara Pavan, con il Patrocinio di Regione Lazio, Provincia di Rieti, Comune di Rieti e CCIAA di Rieti.

La rassegna organizzata in occasione delle celebrazioni del bimillenario di Vespasiano, affronta e indaga la relazione tra uomo e ambiente attraverso le opere di ventidue artisti: Giugi Bassani, Chiara Belloni, Fabrizio Berardi, Stefano Bergamo, Daniela Caciagli, Stefano Cioffi, Valentina Crivelli, Roland Ekstrom, Massimo Falsaci, Sara Forte, Eliana Frontini, LuBott, Cate Maggia, Roberto Mariani, Federico Mazza, Claire Nelson, Giuliano Pastori, Viola Lorenza Savarese, Monica Scafati, Raffaella Simone, Mariarosaria Stigliano, Riccardo Zuliani

‘La filosofia che sottende il pensiero ecologico – scrive il curatore Simone Fappanni nel testo introduttivo al catalogo della mostra - ha chiarito, in maniera davvero inconfutabile, che la relazione fra l’essere umano e l’ambiente che lo circonda è bidirezionale in senso assoluto: entrambi, infatti, creano una interrelazione che assume caratteri dinamici, entro i quali si può evincere il carattere di un’assoluta plasticità. Ed è proprio da questa constatazione che è possibile ottenere le chiavi d’accesso a un percorso tanto affascinante quanto sfaccettato esemplarmente proposto dalla rassegna One planet, che coincide con il Bimillenario della nascita dell’imperatore romano Vespasiano, al potere fra il 69 e il 79 a.C., a cui va il merito aver dato corso all’edificazione del Colosseo, inaugurato sotto il regno del figlio Tito… Risulta alquanto manifesto il fatto che l’arte, e in modo decisamente confortante, quella contemporanea, stia ponendo una notevole attenzione a ciò che accade fra l’uomo e l’ambiente, non mancando di evidenziarne aspetti positivi accanto ad altri, che forse potrebbero risultare in quantità maggiore, che costituiscono problemi aperti e talvolta persino preoccupanti…Scriveva Kandinskij ne Lo spirituale nell’arte: ‘Ogni opera d’arte è figlia del suo tempo, e spesso è madre dei nostri sentimenti’

Gli artisti invitati hanno attinto dal passato e documentato il presente per immaginare un futuro in cui questo pianeta possa ospitare in un nuovo equilibrio l’uomo e l’ambiente, in cui possano trovare posto la meravigliosa architettura della natura e la bellezza creata dall’uomo, un luogo che accolga tutti gli esseri viventi in uno spazio adeguato per tutti. Questa mostra ci porta ancora una volta a riconsiderare che o ci salviamo tutti o nessuno e che le generazioni future troveranno ciò che avremo loro lasciato.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram