Roberto Comelli - L'arte nuova: la scomposizione visiva 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MONICA BENINI ARTE ​ Contrada Della Rosa 36-38-40 Ferrara 44100

Ferrara - dal 9 al 30 maggio 2009

Roberto Comelli - L'arte nuova: la scomposizione visiva

Roberto Comelli - L'arte nuova: la scomposizione visiva
Roberto Comelli, Can-Can, cm.70x100
 [Vedi la foto originale]
MONICA BENINI ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Contrada Della Rosa 36-38-40 (44100)
+39 0532210337 , +39 0532210337 (fax), +39 3487802336
Monica.Benini@libero.it
www.monicabenini.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'innovazione visiva - la somma delle parti
orario: Mattino: dalle 9.30 alle 12.30
Pomeriggio: dalle 16.00 alle 19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 maggio 2009. ore 16.00
curatori: Giancarlo Bonomo
autori: Roberto Comelli
patrocini: Teatro Comunale di Ferrara
note: Giovedì 7 maggio 2009 ore 21.30 al Teatro Comunale di Ferrara serata speciale di arte plastica, musica, ballo ed azione teatrale
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
L’Innovazione visiva – la somma delle parti.
La scomposizione visiva è l’autentica rivoluzione nell’indagine di questo artista che non si contenta e che crede nel summenzionato divenire dell’estetica delle arti. Il consenso può essere conquista facile se deriva da una pittura facile, magari d’effetto, ma scontata, superata. Comelli ne è consapevole e guarda avanti.
Pensa al valore delle Cose d’arte che è tale quando coinvolge, suscita entusiasmo e passione … E’ imperativo cogliere i segnali, i fermenti, le direzioni di un’epoca seppur controversa e caotica come la nostra. Perché non scomporre e poi sovrapporre, dunque? Perché non tracciare una strada nuova nella concezione del vedere in pittura? L’idea prevede la suddivisione di una scena o uno scorcio in tre parti, ognuna delle quali riproduce circa un terzo della composizione totale. Normalmente ogni singola parte, nella sua incompletezza formale, anzi informale, appare illeggibile, rarefatta.
Ma è comunque una porzione importante , essenziale, finalizzata al risultato ultimo. A questo punto il problema è prettamente tecnico e riguarda la materia del supporto da impiegare per la realizzazione. L’artista opta per il plexiglas, da sempre materiale d’eccellenza per le installazioni, grazie alle sue caratteristiche di trasparenza e resistenza. A quel primo strato viene sovrapposto il secondo e poi il terzo. La figurazione così ottenuta per sommatoria ovvero con la coincidenza delle singole parti, si completa e nella visione frontale è riconoscibile il soggetto rappresentato con un particolare effetto di profondità che si accentua man mano che ci si avvicina al centro dell’opera. Però se ci spostiamo dall’asse frontale verso una direzione angolare destra o sinistra, ci accorgiamo che, a seconda del punto di vista prescelto, ognuno ha la facoltà di scegliere la sua visione preferita e costruirsi mentalmente la sua opera, aldilà delle intenzioni di colui che l’ha concepita.
Vi è il coinvolgimento, la libera interpretazione, in una parola l’azione non tanto del pittore quanto del fruitore che vive una sorta di situazione visiva “ad personam”, frutto della sua personalissima scelta di percezione. Si realizza così la collaborazione interattiva tra pittore e spettatore.

(estratto da “La scomposizione visiva” - testi per uno sguardo nuovo – Giancarlo Bonomo)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram