Simone Turra 3108 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MUDIMA ​ Via Alessandro Tadino 26 Milano 20124

Milano - dal 12 al 22 maggio 2009

Simone Turra

Simone Turra
FONDAZIONE MUDIMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Tadino 26 (20124)
+39 0229409633 , +39 0229401455 (fax)
info@mudima.net
www.mudima.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Fondazione Mudima presenta una selezione di opere del giovane artista trentino in occasione dell’uscita del volume curato da Flaminio Gualdoni per le edizioni Skira.
orario: lunedì-venerdì 15,30/19,30, chiuso sabato e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 12 maggio 2009. ore 18.30
editore: SKIRA
curatori: Flaminio Gualdoni
autori: Simone Turra
note: La Fondazione Mudima presenta una selezione di opere del giovane artista trentino in occasione dell’uscita del volume curato da Flaminio Gualdoni per le edizioni Skira
genere: giovane arte, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Fondazione Mudima presenta una selezione di opere del giovane artista trentino in occasione dell’uscita del volume curato da Flaminio Gualdoni per le edizioni Skira.



“Occorre partire da Naturale, opera che nel 2005 segna il raggiungimento di un punto fermo nel percorso di Simone Turra; e da qui risalire à rebours per un decennio, alle radici di un rovello espressivo che, poco propenso ad acquattarsi nella misura confortevole delle mode decennali, muove da una posizione deliberatamente e polemicamente eccentrica, quasi ridicendo con Montale, nella sua appartatezza ruvida, “codesto solo oggi possiamo dirti / ciò che non siamo, ciò che non vogliamo”.

Una figura stante, una figura sdraiata, e il loro spazio. Uno spazio marcato, schiarito, ad ammettere l’impossibilità di abolire l’alterità definitiva dell’opera rispetto all’ambito fisico di esperienza dello spettatore, ma insieme facendolo simile, ovvero rinunciando alla clausola automatica di sacrazione dell’opera, figlia di una tradizione ormai atavica, ma ritrovandone la diversità specifica nello stesso elaborante processo del fare: una sacralità dell’opera conquistata dunque, e ciò è matter specifica della scultura che voglia dirsi tale, non postulata.

Due figure umane. In rapporto. Forse. Una femminile, stante; una maschile, reclinata. Entrambe in posa: pose tra le più storicamente tipiche dell’arte antropomorfa. Da Fidia a Moore a Baselitz, per dire.”

Flaminio Gualdoni



Martedì 19 maggio alle ore 18,30 presso la fondazione si terrà un incontro per la presentazione del libro a cui parteciperanno l’artista e l’autore.







Orario: Durata della mostra:

lunedì-venerdì - 15,30/19,30 12 maggio - 22 maggio 2009

chiuso sabato e festivi

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram