Visivamente poetici in nome dell'Arte 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION ​ Via Ur Strdón 11 Cademario 6936

Cademario () - dal 30 giugno al primo agosto 2009

Visivamente poetici in nome dell'Arte

Visivamente poetici in nome dell'Arte
CWS1 - ricamato a mano, opera di Marie Perny
 [Vedi la foto originale]
NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ur Strdón 11 (6936)
+41 0919118809
info@nellimya-exhibition.ch
www.nellimya-exhibition.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il periodo espositivo prevede l'organizzazione di eventi collaterali il martedì e giovedì sera.
orario: da martedì a sabato ore 18 - 23
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 giugno 2009. ore 18:30
catalogo: in galleria. Mya_Lurgo_Gallery Edizioni
autori: Silvano Belloni, Mariapia Borgnini, Antonella Ottolina, Marie Perny
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
VISIVAMENTE POETICI IN NOME DELL’ARTE
Catalogo Mya_Lurgo_Gallery Edizioni
Testo del poeta Silvio Raffo

Introduzione a cura di Mya Lurgo

Visivamente poetici in nome dell’Arte: in questa mostra si è chiesto agli artisti di sognare ad occhi aperti senza pregiudizi e di lasciar sgorgare parole e immagini viscerali, affinché potesse compiersi la comunione-comunicazione con l’osservatore.
Vi sono sfere e atmosfere che riflettono pensieri e inglobano dubbi esistenziali, dai quali non possiamo dimetterci.
Vi sono parole ricamate e rimuginate, fino a diventare dolci e altre ancora invece, trattenute, ghiacciate e racchiuse in blocchi di plexiglass.
Vi sono poesie che sfidano il caso e dirompenti scivolano sul dorso di libri sovrapposti con logica coerenza.
Tutto può diventare poesia, se la volontà guida l’occhio interiore oltre il guardare già conosciuto e classificato.
Essere “visivamente poetici” è un modus vivendi per imparare a cogliere il bicchiere mezzo pieno, fino a riconoscere il miracolo nel quotidiano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram