Anthony Cragg 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BUCHMANN GALERIE ​ Via Gamee 6 Collina D'oro 6927

Collina D'Oro () - dal 20 giugno al 16 ottobre 2009

Anthony Cragg

Anthony Cragg
Sensory Devices, 2009, Murano Glass
 [Vedi la foto originale]
BUCHMANN GALERIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gamee 6 (6927)
+41 919800830 , +41 919800832 (fax)
buchmann.lugano@bluewin.ch
www.buchmanngalerie.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Negli spazi di Agra le creazioni in vetro di Murano sono accostate a due sculture in pietra che si contraddistinguono per il forte dinamismo reminiscente di un’espressività futurista.
orario: solo su appuntamento.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 20 giugno 2009.
autori: Anthony Cragg
genere: design, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A corollare una collaborazione che perdura da oltre un ventennio, la Buchmann Galerie è lieta di presentare una mostra dedicata alla produzione artistica più recente di Anthony Cragg.

Un’opportunità unica per confrontarsi con l’opera di uno dei maggiori interpreti dell’arte contemporanea inglese, che ha personalmente introdotto il suo lavoro in occasione dell’apertura in Collina lo scorso 20 giugno e che è appena stato nominato nuovo direttore della Kunstakademie di Düsseldorf.

Negli spazi di Agra le creazioni in vetro di Murano sono accostate a due sculture in pietra che si contraddistinguono per il forte dinamismo reminiscente di un’espressività futurista.

Nate dalla cooperazione dello scultore inglese con lo Studio veneziano di Adriano Berengo le opere in vetro sono il risultato di un connubio fra l’idea di Cragg e la realizzazione del maestro vetraio sotto l’occhio attento dell’artista.

Cragg sperimenta con un elemento tradizionale quale il vetro e vi traspone la sua personale ricerca legata alla forma e al materiale. Ne risulta un inedito linguaggio espressivo dove l’importanza della sagoma prevale su quella del colore.

Nelle sculture in pietra l’accento è posto oltre che sulla forma (cerchi assemblati in in un ripetuto movimento) e la materia (Diabas e marmo di Carrara: l’una invita al contatto con la mano del fruitore e l’altra lo nega) ma anche sulla giustapposizione di colore e di superficie.

Una mostra che sottolinea l’interesse di Cragg per una ricerca continua a favore di una sempre rinnovata espressività, proprio perché stando all’artista “il futuro della scultura è appena iniziato e le sue potenzialità sono più grandi che mai. Il suo linguaggio e le sue forme hanno appena cominciato a evolversi…”.

Breve biografia

Nato a Liverpool nel 1949, Anthony Cragg ha studiato alla Wimbledon School of Art e al Royal College of Art di Londra.

Alla prima mostra personale nel 1979 seguono le partecipazioni alla Documenta di Kassel nel 1982 e nel 1987. Anthony Cragg espone alla Biennale di Venezia (1986, 1997) dove nel 1988 è chiamato a rappresentare la Gran Bretagna.

Vincitore di vari premi (Turner Prize, Von-der-Heydt Prize, Chevalier des Arts et des Lettres, Prize for non-Chinese artists) fra cui il prestigioso Praemium Imperiale in Giappone, Cragg ha esposto nelle maggiori istituzioni internazionali fra le quali si segnalano il MACRO di Roma (2003), la Fondazione Stelline di Milano (2007) e il Belvedere di Vienna (2008).

Al momento il Museum der Moderne Mönchsberg di Salisburgo ospita un’importante retrospettiva dell’artista.

In Svizzera le opere di Cragg arricchiscono le collezioni pubbliche del Kunsthaus di Zurigo e del Kunstmuseum di Lucerna.

Anthony Cragg vive e lavora a Wuppertal.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram