KayOne - Caratteri Mobili 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE BOVISA ​ Via Raffaele Lambruschini 31 Milano 20156

Milano - dal 15 settembre al 2 ottobre 2009

KayOne - Caratteri Mobili

KayOne - Caratteri Mobili

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE BOVISA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Raffaele Lambruschini 31 (20156)
+39 02724341 , +39 0236577801
biglietteria.bovisa@triennale.it
www.triennalebovisa.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Caratteri Mobili come quelli dei primi Graffiti sui treni della metropolitana di New york, caratteri mobili come la stampa di Gutenberg, caratteri mobili come quelle lettere che nei quadri di KayOne fluttuano in uno spazio di colore ed energia gestuale e materica. Uno dei writer italiani della prima ora, KayOne, classe 1972, ha cominciato nel 1988 a 16 anni.
orario: Mar. - Dom. 11.00/21.00 - Giov. 11.00/23.00 - Lun. chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 settembre 2009. ore 18.30
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: MANTOVANI ADV
curatori: Marco Vernaschi
autori: Kayone KayOne
patrocini: produzione: Mantovani ADV
patrocinio: Comune di Milano Cultura
note: Concept Daniele Salomone
genere: arte contemporanea, personale, disegno e grafica
email: ufficio.stampa@triennale.it
web: www.caratterimobili.eu

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mantovani ADV, con il patrocinio del Comune di Milano Cultura, presenta alla Triennale Bovisa la mostra dell’artista KayOne, Caratteri Mobili.



Caratteri Mobili come quelli dei primi Graffiti sui treni della metropolitana di New york, caratteri mobili come la stampa di Gutenberg, caratteri mobili come quelle lettere che nei quadri di KayOne fluttuano in uno spazio di colore ed energia gestuale e materica.

Uno dei writer italiani della prima ora, KayOne, classe 1972, ha cominciato nel 1988 a 16 anni.



Pioniere a Milano quando il graffiti writing comparivano solo nelle serie riciclate dei telefilm americani. Marco Mantovani oggi ha 37 anni e passa gran parte del suo tempo negli uffici dell’agenzia pubblicitaria Mantovani ADV, fondata insieme con suo fratello lavorando come

art director e dipingendo quadri. Fondatore agli inizi degli anni ‘90 della prima rivista italiana di Graffiti Writing Tribe Magazine, non ha mai abbandonato la sua passione per l’arte ed il Writing, che fa parte ancora oggi della sua quotidianità, organizzando e partecipando a numerose manifestazioni di Writing ed eventi artistici in tutta Italia.



La mostra raccoglie la ricerca di KayOne dalla partecipazione nel 2007 alla mostra Street Art, Sweet Art presso il PAC di Milano ad oggi e la traduce in gesto pittorico, confrontandosi con molteplici supporti, partendo dal muro per arrivare alla tela, al metallo e ai tessuti tecnici Eastpak.



Sotto la curatela di Marco Meneguzzo, KayOne trasporta nel contesto istituzionale della Triennale Bovisa il sapore della strada e del suo fermento artistico, coinvolgendo il pubblico in un percorso che l’artista vive sui muri delle strade nazionali e internazionali da oltre 20 anni.

in collaborazione con partner media partner

w w w . h e l i o s i t a l i a . e u



KayOne la cui opera è caratterizzata da accostamenti di colore piacevoli e audaci, caos energetico di linee, forme che richiamano le arterie urbane, il respiro della città e dell’arte che la colora, su tela ritrova una forma più gestuale e istintiva del dipingere. Senza abbandonare l’impatto visivo classico del Writing, che su muro esprime tutta la sua forza con colori e dimensioni, nei suoi lavori mantiene uguale forza del colore e della materia realizzando con la gestualità della pennellata scritte, lettere ed esplosioni di colore, simili a scosse di energia provenienti da un Big Bang dell’universo stradale. Realizzando opere polimateriche con colori intensi e cromatismi capaci di dare vita ad armonie di colori dall’equilibrio perfetto, che evidenziano un talento artistico capace di trasportare su tela l’emozioni della strada, il sapore del vissuto e dei muri di periferia.



Lavori istintivi che trasmettono un percorso pluridecennale di Writing in strada e che, grazie alle sue opere, KayOne porta in ambienti chiusi con la stessa forza ed energia. Da questo mix di studiato dinamismo e di calcolatissima gestualità, di calore e di freddezza, di calcolo quasi matematico e di fortissima emotività, da questo incrocio di straripante energia visiva e di perfetta tenuta dell’immagine finale, nasce l’originalità e la forza della pittura di KayOne: alchimista della visione e formidabile creatore di universi funambolici e di immaginari mondi pazzi, coloratissimi e dinamici.



EASTPAK SUPPORTA L’ARTE DI KAY ONE

Da sempre vicino al mondo della street art – sia con sponsorizzazioni autorevoli che con prodotti in limited edition con alcuni dei più grandi nomi della scena mondiale - Eastpak sponsorizza Caratteri Mobili e il talento di KayOne. Il brand icona nel fashionstreet style ha creato un tipo di collaborazione che renderà l’opera dell’artista milanese un progetto itinerante nei migliori store d’Italia, grazie a 6 tele in cordura trasformate in opera d’arte da KayOne. La cordura, materiale ‘built to resist’ e simbolo del mondo Eastpak - con il quale vengono realizzati gli zaini più famosi al mondo come il Padded Pak’r - diventa la materia sulla quale la creatività di KayOne troverà un nuovo tipo di espressione ‘in tour’, un modo dinamico di avvicinare il pubblico all’arte e a un nome che è già scritto nella storia del writing italiano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram