Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010) 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AGNELLINI ARTE MODERNA ​ Via Arnaldo Soldini 6/A Brescia 25124

Brescia - dal 3 ottobre 2009 al 22 maggio 2010

Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010)
[leggi la recensione]

Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010)
[leggi la recensione]
Yves Klein, Le terre bleue, 1957, pigmento e resina su gesso, cm. 35,5x29,5x28

 [Vedi la foto originale]
AGNELLINI ARTE MODERNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Arnaldo Soldini 6/a (25124)
+39 0302944181 , +39 0302478801 (fax)
info@agnelliniartemoderna.it
www.agnelliniartemoderna.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Si possono ammirare oltre cinquanta opere realizzate a partire dagli anni ’60 dai cosiddetti “Nouveaux Réalistes”.
orario: da martedì a sabato 10/12.30 e 15.00/19.30. Chiuso lunedì. fino al 20 Dicembre rimarrà aperta anche la domenica dalle ore 15.30 alle 19.00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 ottobre 2009. ore 18.30
catalogo: edito da Shin Factory, con testi critici di Marc Dachy, Grazia Chiesa, Pierre Restany e Dominique St
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Dominique Stella
autori: Arman Arman, Cèsar César, Catherine Marie-Agnès de Saint Phalle, Gérard Deschamps, François Dufrêne, Raymond Hains, Yves Klein, Martial Raysse, Mimmo Rotella, Daniel Spoerri, Jean Tinguely, Christo Vladimirov Javasev
patrocini: Centro Culturale Francese di Milano.
note: Conferenza stampa venerdì 2 ottobre, ore 12
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’attività della Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia prosegue con fermento. Divenuta ormai saldo punto di riferimento e di fiducia per gli appassionati dell'arte, propone ora Il Nouveau Réalisme (I cinquant’anni, 1960-2010) un’interessante quanto esaustiva collettiva curata da Dominique Stella, che riunisce i più importanti esponenti di questo straordinario movimento.

La mostra è realizzata con il patrocinio del Centro Culturale Francese di Milano.


Si possono ammirare oltre cinquanta opere realizzate a partire dagli anni ’60 dai cosiddetti “Nouveaux Réalistes”: Arman, César, Christo, Gérard Deschamps, François Dufrêne, Raymond Hains, Yves Klein, Martial Raysse, Mimmo Rotella, Niki de Saint Phalle, Daniel Spoerri, Jean Tinguely e Jacques Villeglé.


Il Nouveau Réalisme nacque a Milano il 16 aprile 1960, quando dalla Galleria Apollinaire fu pubblicato e firmato da Pierre Restany il primo manifesto. Questa avventura ebbe inizio nell'immaginazione di Restany poco tempo prima: “A partire dal 1959, e in particolare in occasione della prima Biennale di Parigi in cui furono esposte una proposta monocroma di Yves Klein, la macchina per dipingere di Tinguely (Métamatic) e la Palissade di Raymond Hains, ho intuito il denominatore comune di queste ricerche estremamente diverse e che fino a quel momento avevano seguito evoluzioni indipendenti: un gesto fondamentale di appropriazione del reale, legato a un fenomeno quantistico di espressione (l’impregnamento del colore puro in Yves Klein, l'animazione meccanica in Tinguely, la scelta del manifesto lacerato in Hains)”.

Il manifesto del 16 aprile anticipa la creazione del gruppo che sarà fondato il 27 ottobre 1960 presso il domicilio di Yves Klein, a Parigi: Pierre Restany è proclamato teorico del gruppo.

Ciò che questi artisti propongono è chiarito ancora dalle sue parole: “L’appassionante avventura del reale colto in sé, e non attraverso il prisma della trascrizione concettuale o immaginativa. Qual è il suo segno? L'introduzione di un ricambio sociologico allo stadio essenziale della comunicazione. La sociologia viene in aiuto della coscienza e del caso, sia a livello di scelta o lacerazione del manifesto, dell’impronta di un oggetto, di un rifiuto o di un avanzo di cibo, dello scatenarsi dell’affettività meccanica, della diffusione della sensibilità al di là dei limiti logici della sua percezione”.

A partire dalla proclamazione del gruppo nel 1960 e fino al 1963, gli artisti del Nouveau Réalisme espongono collettivamente: «In tre anni i Nouveaux Réalistes hanno liquidato l’Informale e fatto esplodere i miti anacronistici della scuola di Parigi».

Il gruppo, inizialmente rappresentato dai soli Arman, Hains, Villeglé, Dufrêne, Klein, Tinguely si è successivamente allargato nella sua versione parigina.


Accompagna la mostra un catalogo edito da Shin Production con testi critici di Marc Dachy, Grazia Chiesa, Pierre Restany e Dominique Stella.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram