Milena Barberis 3144 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE MUDIMA ​ Via Alessandro Tadino 26 Milano 20124

Milano - dall'undici al 27 novembre 2003

Milena Barberis

Milena Barberis

 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE MUDIMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Tadino 26 (20124)
+39 0229409633 , +39 0229401455 (fax)
info@mudima.net
www.mudima.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Si tratta di lavori recenti dell'artista che utilizza, in modo nuovo e personale, le più innovative tecniche di elaborazione al computer delle immagini con stampa digitale su tela.
vernissage: 11 novembre 2003.
autori: Milena Barberis
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Le immagini Dal nuovo mondo di Milena Barberis arrivano come bollettini da un fronte avanzato, da un luogo in cui naturale e artificiale si sovrappongono. Da qui le forme naturali e insieme straniate delle facce e dei corpi.

'Milena Barberis - scrive Achille Bonito Oliva - opera una sorta di cosmesi dell'immagine, ma senza l'illusione di poterla riscattare dalla sua negatività'. In lei - continua - 'tutto diventa occasione per una pratica creativa, intesa da una parte come cleptomania, sottrazione fisica dell'oggetto reale, dall'altra come intervento strettamente pittorico che introduce la cifra del colore.'

'Con lo splendente accumulo dei segni del quotidiano che mimano la vorace vitalità della produzione e del consumo', Milena Barberis fonda il suo 'incubo cordiale', la sua 'simulazione onesta'.
Sia si tratti della grande 'pala' ascensionale di 7,5 metri o delle sequenze longitudinali di piedi e volti, di grande formato, dei ritratti o delle strutture, l'orientamento del lavoro è, in ogni caso, sempre netto: nessun effetto speciale da computer, ma un uso del mezzo destinato a comporre e colorare liberamente, a creare mondi 'realistici' (di materia non di sogno) ma diversi, veri mondi paralleli, 'artificiali'.

Una tecnica nuova per uno scopo classico: ricominciare, ogni volta, a vedere al di là dell'abitudine quotidiana. E classiche, infatti, sono anche talune 'ricomposizioni' di questi lavori.
 
trovamostre
@exibart on instagram