Corpo. Automi. Robot - Tra arte. Scienza e tecnologia 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE ​ Riva Antonio Caccia 5 Lugano 6900

Lugano - dal 24 ottobre 2009 al 21 febbraio 2010

Corpo. Automi. Robot - Tra arte. Scienza e tecnologia
[leggi la recensione]

Corpo. Automi. Robot - Tra arte. Scienza e tecnologia
[leggi la recensione]
Raymond Meier, Senza titolo, 1990 ca
 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riva Antonio Caccia 5 (6900)
+41 0588667214 , +41 0588667497 (fax)
info.mda@lugano.ch
www.mda.lugano.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra affronta con un approccio interdisciplinare il rapporto tra il corpo umano e la rappresentazione che di esso è stata data da parte delle arti, della scienza e della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la dinamica dell’imitazione del corpo (con gli automi) e della sua sostituzione (con i robots).
orario: martedì – domenica e 28 dicembre 10.00 – 18.00
24 dicembre 10.00 – 16.00
1 gennaio 14.00 – 18.00
chiuso lunedì e 25-26 dicembre
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Ingresso alle due sedi
Intero Fr. 18 / € 12
Ridotto, AVS e over 65 anni,
gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 12 / € 8
ragazzi fino a 16 anni Fr. 0 / € 0
Ingresso a una sede
Intero Fr. 12 / € 8
Ridotto, AVS e over 65 anni,
gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 8 / € 5
ragazzi fino a 16 anni Fr. 0 / € 0
vernissage: 24 ottobre 2009. ore 17
catalogo: contributi critici dei curatori Bruno Corà e Pietro Bellasi
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: Sabina Bardelle tel. +41 (0)58 866 7090, e-mail. sbardelle@lugano.ch, www.mda.lugano.ch
curatori: Pietro Bellasi, Bruno Corà
patrocini: Credit Suisse Casinò Lugano
Ginsana
Repubblica e Cantone Ticino
note: Sedi: Villa Ciani, Parco Ciani; Museo d’Arte, Riva Caccia 5, Lugano. Il Museo d’Arte, nell’ambito delle iniziative promosse dal Polo Culturale della Città di Lugano, organizza, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano e il Museo Cantonale d’Arte di Lugano la mostra “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia”.
genere: documentaria, arte contemporanea
email: stampa@museoscienza.it
web: www.museoscienza.org

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Museo d’Arte, nell’ambito delle iniziative promosse dal Polo Culturale della Città di Lugano, organizza, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano e con la partecipazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano e del Museo Cantonale d’Arte di Lugano la mostra “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia”, la quale affronta con un approccio interdisciplinare il rapporto tra il corpo umano e la rappresentazione che di esso è stata data da parte delle arti, della scienza e della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la dinamica dell’imitazione del corpo (con gli automi) e della sua sostituzione (con i robots). L’esposizione allestita al Museo d’Arte e a Villa Ciani, è a cura di Bruno Corà (Direttore del Museo d’Arte e Coordinatore del Polo Culturale di Lugano), Pietro Bellasi (Curatore della Fondazione Antonio Mazzotta e Professore di sociologia presso l’Università di Bologna), Gilles Caprari (Ricercatore in robotica ETHZ e Diretore della GCtronic Robotica, Mendrisio), Christoph Hänggi (Direttore del Museum für Musikautomaten, Seewen ), Mario G. Losano (Professore di Filosofia del Diritto e Informatica giuridica, Università del Piemonte Orientale), Carlo Piccardi (Musicologo), Pio Pellizzari (Direttore della fonoteca nazionale svizzera, Lugano), Renato Reichlin (Direttore del Settore Spettacoli della Città di Lugano), Vivi Vassillopoulou (Direttrice delle Antichità e del Patrimonio Culturale della Grecia, Ministero greco della cultura, Atene). Il Museo Cantonale d’Arte, collabora al progetto approfondendo la tematica del volto con una mostra intitolata “Guardami. Il volto e lo sguardo nell’arte 1969-2009” a cura di Marco Franciolli, (Direttore, Museo Cantonale d’Arte) e Bettina Della Casa (Curatrice, Museo Cantonale d’Arte). La mostra si articola in due sezioni: la prima, allestita a Villa Ciani, ripercorre la storia degli automi, proponendo un excursus dalla Grecia classica ai nostri giorni e includendo alcuni prodotti della più avanzata tecnologia quali robot, androidi, ecc. La seconda, presentata al Museo d’Arte dà spazio alla riflessione sulla creazione artistica dell’età moderna e contemporanea incentrata sul rapporto corpo-macchina e corpo-tecnologia. Reperti archeologici, disegni, libri a stampa, documenti relativi, al teatro, al cinema e alla musica, varie tipologie di automi -fra i quali il celebre disegnatore di Jacquet-Droz- realizzati nel XVIII secolo, giocattoli, dipinti, sculture, video, installazioni, robot industriali e ludici sono presentati seguendo un allestimento a carattere prevalentemente cronologico, senza peraltro escludere ibridazioni di tipo tematico, tali da consentire la messa in dialogo delle opere esposte, provenienti da diverse raccolte sparse in tutto il mondo. Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano partecipa con sei modelli storici di macchine costruite negli anni ‘50 partendo dall’interpretazione dei disegni di Leonardo da Vinci e dedicate allo sviluppo di automatismi o alla traduzione di forme animali e umane, come le strutture alari e il palombaro. “Corpo, automi, robot. Tra arte, scienza e tecnologia” costituisce l’offerta culturale più rilevante della Città di Lugano nell’autunno 2009. Il progetto infatti prevede numerose manifestazioni collaterali tra cui una rassegna cinematografica a cura del cineclub Luganocinema93, una serie di iniziative organizzate da Oggi Musica e una serie di spettacoli teatrali nell’ambito della stagione teatrale luganese. 2 Il catalogo bilingue (italiano/inglese) edito da Mazzotta contiene la riproduzione a colori di tutte le opere presenti in mostra e i contributi critici dei curatori e di esperti di diverse discipline (dalla storia all’arte, alla musica, al teatro, al cinema, all’ingegneria): Marco Antonetto, Rossella Baldi, Pietro Bellasi, Gilles Caprari, Bruno Corà, Gian Luca Farinelli, Claudio Giorgione, Christoph Haengii, Automi e automi musicali, Miroslava Hayek, Mario Losano, Guido Magnaguagno, Carlo Piccardi, Renato Reichlin, Fulvio Simoni, Vivi Vassilopoulou. Scheda tecnica Corpo, Automi, Robot. Tra arte scienza e tecnologia 25 Ottobre 2009 - 21 Febbraio 2010 Museo d’Arte, Riva Caccia 5 Villa Ciani, Parco Civico Lugano Orari martedì – domenica e 28 dicembre 10.00 – 18.00 24 dicembre 10.00 – 16.00 1 gennaio 14.00 – 18.00 chiuso lunedì e 25-26 dicembre Ingresso alle due sedi Intero Fr. 18 / € 12 Ridotto, AVS e over 65 anni, gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 12 / € 8 ragazzi fino a 16 anni Fr. 0 / € 0 Ingresso a una sede Intero Fr. 12 / € 8 Ridotto, AVS e over 65 anni, gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 8 / € 5 ragazzi fino a 16 anni Fr. 0 / € 0 Presentando il biglietto d’ingresso alla mostra si avrà diritto all’ingresso ridotto al: - Museo Cantonale d’Arte, Via Canova 10, Lugano, www.museo-cantonale-arte.ch, che completa il progetto approfondendo la tematica del volto con la mostra “Guardami. Il volto e lo sguardo nell’arte 1969-2009”, e viceversa. - Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Via San Vittore 21, Milano, www.museoscienza.it, e viceversa. Biglietto RAILAWAY (Treno + entrata) Biglietto con riduzione del 20% su viaggio in treno e ingresso ottenibile alla stazione di partenza oppure telefonando a Rail Service 0900 300 300 (CHF 1.19/min.). www.railaway.ch Visite guidate e proposte didattiche per gruppi e scuole alle due sedi in italiano Fr. 250 / € 167 in francese, tedesco e inglese Fr. 300 / € 200 a una sede in italiano Fr. 150 / € 100 in francese, tedesco e inglese Fr. 200 / € 133 Supplemento fuori orario per le due sedi Fr. 300 / € 200 per una sede Fr. 150 / € 100 Le attività didattiche per le scuole del Cantone Ticino sono gratuite Visite guidate per singoli visitatori 8.11 / 22.11 / 6.12 / 20.12.2009 10.1 / 24.1 / 7.2 / 21.2.2010 3 Ingresso e visita guidata alle due sedi Intero Fr. 28 / € 19 Ridotto, AVS e over 65 anni, gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 22 / € 15 ragazzi fino a 16 anni Fr. 10 / € 7 Ingresso e visita guidata a una sede Intero Fr. 17 / € 11 Ridotto, AVS e over 65 anni, gruppi e studenti 17-25 anni Fr. 13 / € 9 ragazzi fino a 16 anni Fr. 5 / € 3 Prenotazione obbligatoria
 
immagini
Antony Gormley, Fill, 1984, piombo, gesso e fibra di vetro, 25 x 203 x 205 cm, Collezione privata, Courtesy Galleria Salvatore + Caroline Ala, Milano
Henri-Louis Jacquet-Droz, Le Dessinateur, 1774, automa, 141 x 47 x 51, Musée d’art et d’Histoire, Neuchâtel. Foto S. Iori
Martin Müller, Geige, 2008, metallo, legno, plastica, componenti elettroniche e elettriche, 120 x 120 x 70 cm, Collezione privata
Foto Daniel Infanger
 
immagini
Pittore di Talos, Cratere a volute Attico, fine V sec a. C., h 85,5 cm, Museo Nazionale Jatta, Ruvo di Puglia Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia
Enrico Prampolini, La geometria della voluttà, 1922-1923, olio su tela, 100 x 150 cm, Collezione privata
Simone Racheli, Motocicletta, 2007, ferro, gesso, cartapesta e cera, 106 x 160 x 63 cm, Courtesy Galleria Enrico Astuni, Bologna – Pietrasanta Foto Marco Ravenna
 
immagini
Man Ray, Etiquette (Coat Stand), 1919-1920, fotografia vintage print, 23,7 x 15,6 cm, Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Man Ray Trust
Oskar Schlemmer (1888 – 1943), Das Triadische Ballett, Goldkugel, 1922, 193 x 79 x 93 cm, Bühnen Archiv Oskar Schlemmer Foto Archiv C. Raman Schlemmer
Clemente Susini, Statua in cera di giovane donna giacente con parti anatomiche scomponibili, detta “Venerina”, 1782 ca., cera, 160 x 65 x 25 cm, Museo di Palazzo Poggi, Università di Bologna
© Foto Museo di Palazzo Poggi
 
immagini
Jean Tinguely, Méta-Matic no.14, 1959, metallo, legno, fili metallici e cinghie di gomma, 38 x 69 x 41 cm, Museum Tinguely, Basel © ProLitteris
Kenji Yanobe, Atom Suit Project. Antenna of the Earth, 2000-2001, installazione, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram