Morena Antonucci - Complesse sintonie 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO MEDIEVALE DI GAMBERALE ​ Gamberale 66040

Gamberale (CH) - dal 9 al 20 agosto 2009

Morena Antonucci - Complesse sintonie

Morena Antonucci - Complesse sintonie
CASTELLO MEDIEVALE DI GAMBERALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(66040)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale
orario: ore 10,00 – 13,00 17,30 – 20,00 tutti i giorni
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 agosto 2009. ore 18
autori: Morena Antonucci
patrocini: Comune di Gamberale
telefono evento: +39 0872987108
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Profilo artistico

Morena Antonucci (Latina, 1965).

Nel 2001 espone alla Galleria Il Gianicolo di Perugia, partecipando alla 23ª edizione di Expo Arte di Bari. Nel 2002 riceve la Targa D’Argento al XXIX° Premio Sulmona”, Rassegna Internazionale d’Arte Contemporanea. Le personali che tiene nel 2003, sono alla Galleria Civica Guzzini, di Recanati, presentata da Lucio Del Gobbo e Colore come energia, presentata da Leo Strozzieri. Appartiene a questo momento l’elaborazione di Proiezioni sostenibili, ciclo di dipinti, esposto nel 2004, con il Patrocinio dell’Ente Parco Nazionale della Majella, al Museo Michetti di Francavilla al Mare, a Lanciano, Latina, Guardiagrele, Chieti. Nel 2005 espone a Lussemburgo, al Théatre des Capucins, con una mostra promossa dalla Regione Abruzzo in collaborazione con l’ Associazione Culturale “Trifoglio” di Chieti e patrocinata dal Consolato d’Italia, con presentazione in catalogo di Maria Cristina Ricciardi. Nel 2006 esce la monografia Proiezioni sostenibili, con introduzione critica di Carlo Fabrizio Carli, che accompagna le personali tenute al Palazzo degli Studi a Lanciano, all’Istituto Italiano di Cultura di Colonia, e ancora a Guardiagrele, Colledimacine, Palena, Lussemburgo. Nel 2006 l’opera presentata alla manifestazione Un Mosaico per Tornareccio, vince la selezione e diviene un mosaico esposto perennemente nel centro storico del paese. Nel 2007 tiene una personale alla Galleria Orange Studio di Porto San Giorgio ed espone a Castelbasso nella collettiva DE-FORMA a cura di Chiara Materazzo. Nel 2008 partecipa, su invito, al XXXII Premio Internazionale “Emigrazione” di Pratola Peligna. Nel 2009 è invitata dal Soroptimist International Club di Chieti a partecipare al Progetto Sacralità dell’acqua, sacralità di vita. 21 artisti abruzzesi per il Soroptimist, patrocinato dalla Provincia di Chieti, con esposizione al Museo Archeologico Nazionale di Chieti, catalogo e testo critico di Maria Cristina Ricciardi. Le sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche, fra cui la Pinacoteca Internazionale d’Arte Francescana delle Marche (Falconara Marittima) e l’ Istituto Italiano di Cultura di Köln (Colonia).



Profilo critico

Il lessico pittorico di Morena Antonucci, affidato alla mobilità del gesto che costruisce il gioco complesso degli addensamenti e delle velature, dei grumi aggettanti e delle trasparenze, nel piacere infinito della pennellata, quanto del tratteggio veloce del disegno, si precisa, sin dagli esordi, nel rapporto con le forze primigenie e mutevoli degli elementi naturali e con le dinamiche interne che governano tali vitali energie, restituendoci un principio di mistero, sfuggito alla antropizzazione, che l’artista sa cogliere nella sua fuggevolezza. Percepire e lasciarsi coinvolgere da questa straripante vigoria, dai suoi colori, dai battiti più leggeri come dai ritmi più profondi, è il perno centrale di una poetica fondata sulla partecipazione vera ed esistenziale all’azione esercitata dalla natura. In tal senso, attraverso la qualità della trattazione pittorica, dominano nei suoi quadri la leggerezza dell’aria, la forza statica e massiccia della roccia, la freschezza versatile dell’acqua, la tenerezza delle vite vegetali che spuntano all’improvviso, come se tutto fosse letto alla luce di un prisma che deforma e dissolve le forme, rendendole poco riconoscibili, accendendo una nuova dimensione del colore, tanto vivo e palpabile da farci “sentire” più che “vedere”, la voce multiforme e coinvolgente della natura. Dopo il ciclo “Proiezioni sostenibili”, presentato in numerose occasioni, nasce oggi quello delle “Complesse sintonie”, che segna il passaggio dalle “dinamiche interne”, ai principi di indeterminazione della meccanica quantistica che esplora i mondi delle infinite possibilità offerte dai fenomeni. Queste recenti tele vanno dunque lette come affascinanti “ finestre”, spalancate su linguaggi ancora non esplorati, ma anche come coscienza aperta del nostro limite, ricerca necessaria di una nuova autenticità che sappia trovare il suo fondamento nella complessità, piuttosto che nel semplice rapporto di causa-effetto. “L’esperienza più bella che possiamo avere - affermava il fisico Albert Einstein - è il mistero. E’ l’emozione fondamentale alla base della vera arte e della vera scienza. Chi non sa più sognare o meravigliarsi è come morto e il suo sguardo è spento”.

Maria Cristina Ricciardi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram