Il Gatto con gli stivali, e senza 3099 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA DELL'ACCADEMIA DEI CONCORDI - PALAZZO ROVERELLA ​ Via Giuseppe Laurenti 8/10 Rovigo 45100

Rovigo - dal 12 settembre al 30 dicembre 2009

Il Gatto con gli stivali, e senza

Il Gatto con gli stivali, e senza

 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA DELL'ACCADEMIA DEI CONCORDI - PALAZZO ROVERELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Laurenti 8/10 (45100)
+39 0425460093 , +39 042527993 (fax), +39 3483964685
info@palazzoroverella.com
www.palazzoroverella.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il testo della fiaba (in questo caso è stata scelta la versione di Perrault trascritta da Carlo Collodi) è illustrato dalle tavole originali di due grandi illustratori, Maria Sole Macchia e Eric Battut, due modi molto diversi, entrambi originalissimi, di rappresentare il medesimo testo narrativo.
orario: Aperto dal martedì alla domenica, chiuso i lunedì non festivi. Orario: mattino 9,00-13,00; pomeriggio 15,30-19,00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 12 settembre 2009. ore 11
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Leo Pizzol
autori: Eric Battut, Francesca Chessa, Paolo Domeniconi, Maria Sole Macchia, Giovanni Manna, Tony Ross
patrocini: Mostra promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, dal Comune di Rovigo e dall'Accademia dei Concordi.
note: Curata dalla Fondazione Mostra Internazionale d'Illustrazione per l'Infanzia di Sàrmede. Direttore: Leo Pizzol.
genere: collettiva, disegno e grafica
email: info@fondazionecariparo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Difficile dire chi sia più popolare tra Pinocchio e il gatto. Certo il burattino di Collodi ha fatto il giro del mondo conquistandosi ovunque il cuore dei bambini, ma è altrettanto certo che i felini domestici, protagonisti di fiabe o di semplici coccole, sono tra gli animali più amati, e non solo dai più piccini.

Un gatto, del resto, compare tra i protagonisti anche della fiaba di Collodi, in coppia con la volpe, ad indicare astuzia, intelligenza e furbizia.
Caratteristiche che si riscontrano anche nel celeberrimo protagonista de "Il gatto con gli Stivali", la fiaba cui sarà dedicata la seconda edizione dei "Racconti illustrati", a Rovigo, in Palazzo Roverella, dal 12 settembre al 30 dicembre 2009.
La proposta è della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, del Comune di Rovigo con l'Accademia dei Concordi e la Fondazione Mostra internazionale d'illustrazione per l'infanzia di Sàrmede.

La formula della mostra è semplice ed efficace: il testo della fiaba (in questo caso è stata scelta la versione di Perrault trascritta da Carlo Collodi) è illustrato dalle tavole originali di due grandi illustratori, Maria Sole Macchia e Eric Battut, due modi molto diversi, entrambi originalissimi, di rappresentare il medesimo testo narrativo. Da sottolineare che al Gatto di Battut, edito da Bohem Press, è andato il Premio Andersen 2002 come miglior libro illustrato.

Accanto a questa parte "monografica" verranno esposte numerose altre tavole originali di altri illustratori che si sono impegnati con il medesimo soggetto con, in più, uno spettacolare omaggio ai gatti, con e senza stivali. Felini disegnati da Francesca Chessa, Tony Ross, Paolo Domeniconi, Giovanni Manna e da altri protagonisti del mondo internazionale dell'illustrazione.

Meravigliose, coloratissime tavole dovute a illustratori di notorietà mondiale, a testimonianza della popolarità universale sia del felino di casa sia dello stesso in fiabesca versione con tanto di stivali.




La storia del Gatto con gli stivali, come annota Collodi in calce alla sua versione, insegna che "Godersi in pace una ricca eredità, passata di padre in figlio, è sempre una bella cosa: ma per i giovani, l'industria, l'abilità e la svegliatezza d'ingegno valgono più d'ogni altra fortuna ereditata.
Da questo lato, la storia del gatto del signor marchese di Carabà è molto istruttiva, segnatamente per i gatti e per i marchesi di Carabà".

La fiaba che racconta le vicende del furbo felino con gli stivali (in realtà, nelle prime versioni si trattata del gatto "dagli" stivali) è di antica origine. La prima versione scritta risulterebbe essere quella di Giovanni Francesco Straparola che nel 1553 pubblicò a Venezia "Le piacevoli notti" dove, tra le altre, compare il racconto delle fortunate vicende di un Costatino, ovviamente, Fortunato, perfetto antesignano del più famoso Marchese di Carabas. Prima delle celeberrime versioni di Charles Perrault e dei Fratelli Grimm, la storia del gatto con gli stivali era stata raccontata anche da un altro italiano, Giambattista Basile.
Le astuzie feline tese al riscatto del giovane e squattrinato futuro Marchese, hanno affascinato davvero tutti diventando piece di teatro, canovaccio per i marionettisti della dinastia dei Colla, soggetto di trasposizioni come quella del poeta romantico tedesco Tieck che ne trasse una piece di satira sul teatro; Mario Tutino ne ha invece tratto un musical, mentre nella celebre serie di "Shrek 2" e "3" il felino si esprime con la voce di Antonio Banderas. Ma la sua prima uscita sul grande schermo è del 1969 con "Nagagutsu o haita neko", il film d'animazione del giapponese Koro Yabuki.
Ma cos'è che affascina così tanto e così tanti? Il racconto di come intraprendenza ed intelligenza, condite da un po' di fortuna, possano realizzare il sogno di tutti che è sempre il medesimo: "e vissero per sempre felici e contenti".

Una sezione della mostra è dedicata al tema del Natale: le illustrazioni intorno a questo argomento sono state create dai giovani artisti della Scuola Internazionale d'Illustrazione di Sarmede, fondata da Stephan Zavrel, uno degli illustratori più importanti e rappresentativi del panorama europeo di questi ultimi trent'anni. Dal "vivaio" di Sarmede sono cresciuti artisti che oggi pubblicano in molti Paesi.
Saranno oltre trenta le tavole originali proposte in questa speciale sezione, a rappresentare una ricorrenza letta in chiave diversa, multiculturale e alla fine universale.

In concomitanza con la mostra è previsto un ampio programma di letture animate, rappresentazioni teatrali, laboratori per scuole e famiglie.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram