Maria Cristina Chiusa - Gli affreschi di Correggio 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALA BORSA ​ Piazza Del Nettuno 3 Bologna 40124

Bologna - dom 27 settembre 2009

Maria Cristina Chiusa - Gli affreschi di Correggio

Maria Cristina Chiusa - Gli affreschi di Correggio

 [Vedi la foto originale]
SALA BORSA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Nettuno 3 (40124)
+39 0512194400 , +39 0512194420 (fax)
bibliotecasalaborsa@comune.bologna.it
www.bibliotecasalaborsa.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per la collana “in primo piano”, edita da Electa, è in libreria il volume Gli affreschi di Correggio. Attraverso la campagna fotografica realizzata per apprezzare da vicino l’opera dell’artista, Correggio si rivela in tutta la sua forza espressiva che nulla ha da invidiare ai grandi maestri del Rinascimento fiorentino e romano.
biglietti: free admittance
vernissage: 27 settembre 2009. ore 11.30-13 auditorium Biagi
editore: ELECTA
curatori: Maria Cristina Chiusa
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Per la collana “in primo piano”, edita da Electa, è in libreria il volume Gli affreschi di Correggio. Attraverso la campagna fotografica realizzata per apprezzare da vicino l’opera dell’artista, Correggio si rivela in tutta la sua forza espressiva che nulla ha da invidiare ai grandi maestri del Rinascimento fiorentino e romano.

I tre cicli di affreschi che Correggio dipinge a Parma nella seconda parte della sua vita rappresentano un crescendo nella capacità di organizzare la composizione nello spazio; intrecciare le figure in un sapiente gioco di gesti e sguardi; cogliere la naturalezza nelle pose; rappresentare la nuditas con una forza paragonabile forse solo a Michelangelo.

Sulla fine del secondo decennio del Cinquecento, una colta badessa, Giovanna Piacenza, commissionò a Correggio la decorazione della volta di una stanza nei suoi appartamenti privati. L’iconografia della cosiddetta “Camera della Badessa” – ispirata alla figura di Diana cacciatrice che troneggia sul camino – è tutta compresa in un pergolato che intreccia fra il rigoglioso fogliame festoni di fiori e frutti, ovati abitati da putti giocherelloni e figure monocrome. La composizione, di rara freschezza e vivacità, concorre a celebrare il tema della caccia metaforica. Pochi anni dopo, tra il 1520 e il 1524, Correggio affronta uno spazio ben più complesso: la cupola della chiesa benedettina di San Giovanni Evangelista. Cristo scende dall’alto verso la cerchia degli apostoli tra nubi popolate di amorini, sotto lo sguardo di san Giovanni Battista. Osservata dal basso, la scena risulta impressionante per la forza del trattamento anatomico dei corpi. Visti nei dettagli ravvicinati i volti hanno un’espressione e una forza psicologica tali da conferire a ogni personaggio una sua inconfondibile identità. Ma è con la cupola dell’Assunta nel Duomo di Parma (1526-1530) che Correggio giunge al culmine del suo virtuosismo. Proprio lì si trovano “dodici figure prodigiose, tratteggiate con un'audacia inaudita, le quali si librano in modo talmente veridico, talmente prospettico, che di sicuro non è mai stato fatto niente di simile in quest'ambito”. Avvolto dalla luce, Cristo accoglie la Vergine circondata da beati e putti in un turbinio di nuvole. La dimensione spirituale dell’Assunzione si raccorda a quella terrena attraverso una balconata dipinta, nella quale Correggio colloca apostoli ed efebi.

La documentazione fotografica sistematica, appositamente realizzata per il libro in occasione del restauro della cupola, mette a fuoco dettagli che la visione diretta dell’opera non consente, come, fra il resto, la fitta trama di testine di cherubini che animano lo spazio dorato intorno a Gesù.

Guidati da Maria Cristina Chiusa, esperta del Cinquecento, che commenta ogni tavola, si coglie appieno il genio di Correggio nella verosimiglianza dei personaggi che, nell’azzardo delle posture e negli scorci da sotto in su, sembrano osservati dal vero.
Sommario



Correggio: da Paul Ponce Antoine Robert de Sery al Président de Brosses

Pierre Rosenberg


I cieli del Correggio: le cupole di Parma

La Camera di San Paolo

Il nudo e la mitologia fra paganesimo e cristianesimo

Parete nord

Parete est

Parete sud

Parete ovest

San Giovanni Evangelista

Dagli specimini benedettini alla nuditas ideale

La cupola, prima sezione

La cupola, seconda sezione

Il fregio del tamburo

I pennacchi

Il Duomo

Nel cielo più alto: verso il sublime

La cerchia dei beati, prima sezione

La cerchia dei beati, seconda sezione

La balconata

Ipennacchi

BIOGRAFIA

MARIA CRISTINA CHIUSA

Studiosa del Rinascimento italiano, Maria Cristina Chiusa ha reso importanti contributi sulla pittura italiana del Quattro e del Cinquecento, grazie ai quali si colloca come specialista nel quadro della critica internazionale. Ha svolto attività di ricerca e di insegnamento presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze. Attualmente è impegnata presso alcuni atenei statunitensi e canadesi per ricerche e conferenze sulle collezioni dei dipinti italiani nel Nord America e sulla pittura italiana del Quattro e Cinquecento (Binghamton State University of New York; Bowling Green University, Ohio; University of Toronto; Brock University, St. Catharines, Ontario). Ha partecipato a numerosi Symposium: tra gli interventi più recenti si ricordano Parmigianino The culture of the Difference (Binghamton University, 2004), e Re-Discovery of the Ancient Past in the 16th Century Art and from the northern plain: Nudity, Vagueness and realistic comical touches (Brock University, 2008). Fra i convegni internazionali da lei curati sono da ricordare Studi parmigianineschi (Parma, 2003), e Bertoja, un artista al servizio dei Farnese (Parma, 2005). Come presidente dell’Associazione per le Arti Francesco Mazzola - Gli Amici del Parmigianino, ha fondato la rivista internazionale “Belle Arti. Saggi di Storia e di Stile”. Ha pubblicato numerosi contributi monografici ed antologici su riviste nazionali ed internazionali, e i volumi Sant’Angelo in Milano. I cicli pittorici dei Procaccini (Milano, 1990) e Parmigianino (Milano 2001, ried. 2002)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram