Il nudo tra ideale e realtà 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALA MAGGIORE EX GAM ​ Piazza Della Costituzione 3 Bologna 40128

Bologna - dal 22 gennaio al 9 maggio 2004

Il nudo tra ideale e realtà
[leggi la recensione]

Il nudo tra ideale e realtà
[leggi la recensione]
SALA MAGGIORE EX GAM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Della Costituzione 3 (40128)
+39 051502859 , +39 051371032 (fax)
infogam@comune.bologna.it
www.galleriadartemoderna.bo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un avvincente percorso fra oltre 400 opere, spesso capolavori celebri, talvolta scoperte sorprendenti capaci di accompagnare il visitatore nella storia di un “genere” centrale nell’arte degli ultimi due secoli.
orario: 10 – 19 dal martedì alla domenica; 13-19 il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 7,5; ridotto e gruppi € 5; scuole € 3,00
vernissage: 22 gennaio 2004.
editore: SKIRA
autori: Marina Abramoviæ, Louise Burgeois, Antonio Canova, Paul Cézanne, Jean Désiré Gustave Courbet, Edgar Degas, Paul Delvaux, Otto Dix, Jean Dubuffet, Marcel Duchamp, George Foreman, Lucian Freud, Nan Goldin, David Hochney, Jean-Auguste Ingres, Yves Klein, Gustav Klimt, Robert Mapplethorpe, Arturo Martini, Amedeo Modigliani, Hermann Nitsch, Pablo Ruiz Picasso, Man Ray, Pierre-Auguste Renoir, Auguste Rodin, Egon Schiele, Alfred Stiegliz, Gaspard-Félix Tournachon, Andy Warhol, Edward Weston
genere: fotografia, arte moderna e contemporanea, collettiva
web: www.ilnudoidealerealta.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una sezione principale raccoglierà oltre 200 tra dipinti, sculture e disegni, mentre un’esposizione parallela di altrettante opere darà conto della centralità del tema anche nella storia della fotografia. Una distinta sezione, infine, sarà dedicata alla performance, con la proiezione di filmati che documenteranno circa venti famose azioni compiute, dagli anni Sessanta ad oggi, dai più noti artisti che hanno operato in quest’ambito.
L’esposizione, realizzata in collaborazione con ArtificioSkira, è il secondo appuntamento di un ciclo, proposto e curato dal Direttore della Galleria Peter Weiermair, dedicato agli sviluppi dei generi classici nell’arte: la natura morta, il nudo, il paesaggio e il ritratto. Ancora più ampia della prima manifestazione espositiva, dedicata alla natura morta e realizzata nel 2001, la prossima mostra ripercorrerà un arco temporale di oltre duecento anni, proponendosi come la più estesa ricognizione sul tema mai realizzata fino ad oggi.
La mostra raccoglierà capolavori dei maggiori autori del periodo considerato, come Canova, Rodin, Martini, Bourgeois nella sezione scultura; Ingres, Degas, Courbet, Renoir, Cézanne, Picasso, Schiele, Klimt, Modigliani, Dix, Delvaux, Dubuffet, Freud, Hockney, Warhol fino a Baselitz e alle ultime generazioni per la pittura; per la fotografia Nadar, Stieglitz, Man Ray, Weston, fino a Mapplethorpe e Goldin, e per la sezione performance Duchamp, Klein, Abramovic, Nitsch.
La maggior parte delle opere proviene da grandi musei internazionali come la Tate Gallery, il Victoria & Albert Museum di Londra, il Musée de l’Orangerie, il Musée d’Orsay, il Centre Georges Pompidou di Parigi, il Museum Ludwig di Colonia, il Metropolitan Museum di New York, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e il Von Der Heydt-Museum di Wuppertal.
Il tema del nudo ha sempre esercitato un particolare fascino sugli artisti e sul pubblico e da sempre la rappresentazione della figura umana è, per eccellenza, l’esercizio di maggior prestigio nell’ambito dell’arte figurativa. Benché strettamente connesso, nelle sue origini e nelle sue evoluzioni, alla “pittura di storia”, evidentemente più profana che religiosa, il nudo è comunque sopravvissuto al pressoché totale abbandono dell’arte di ispirazione storico-letteraria da parte delle avanguardie della seconda metà dell’ottocento, diventando anzi, accanto ai generi del paesaggio e della natura morta, uno dei principali campi della sperimentazione formale. Non è sicuramente un caso che molte delle opere-bandiera rappresentino figure nude, dalle Baigneuses di Courbet alle Demoiselles d’Avignon di Picasso, passando per il Déjeuner sur l’herbe di Manet e le Grandes baigneuses di Cézanne.
Soggetto fra i più problematici e stimolanti dell’intera tradizione artistica, il nudo non ha perso il suo fascino neppure nel periodo in cui l’arte ha iniziato, con le avanguardie di inizio Novecento, a istradarsi su percorsi decisamente alternativi alla mimesis, mostrando una versatilità inattesa e un potere di suggestione inalterato perfino nei momenti di maggiore conflitto con qualsiasi ipotesi tradizionale di figurazione, come accadde nel periodo dell’informale.
Se, infatti, il corpo nudo possiede da un lato un enorme potenziale di significati simbolici, esso rappresenta anche, in periodi di tramonto delle certezze religiose e di angosce esistenziali, l’unico dato invariabile nell’esperienza umana, il terreno primario della costituzione dell’identità e il mezzo ineludibile di ogni relazione con il mondo.

Sul piano teorico, soprattutto grazie alle acute analisi di Foucault, si è dato nel XX secolo un adeguato riconoscimento anche al ruolo esercitato dal corpo e dalla sua concezione nella formazione e nell’esercizio di strutture e strumenti di potere, all’interno dei meccanismi di controllo sociale così come nelle rivendicazioni di libertà individuale. La rappresentazione del nudo in particolare, nelle sue infinite varianti, denota quindi sempre una posizione ideologica, restando, in questo senso, il meno neutrale fra i generi artistici. Coinvolgendo inevitabilmente problematiche connesse all’uso del corpo e all’espressione della sessualità, il nudo è implicato in un sistema di ricezioni complesso e polimorfo, che si espande dall’estetica alla politica. Al di là delle preoccupazioni formali e delle soluzioni di stile, la storia del nudo è anche una storia della sua presentazione e del suo utilizzo, che testimonia la continua metamorfosi di pregiudizi, tabù e trasgressioni relativi tanto alla bellezza quanto alla salute, ai ruoli di genere come alla sessualità.
La mostra, promossa dal Comune di Bologna, dalla Galleria d’Arte Moderna, da ArtificioSkira, dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dalla Fondazione Carisbo si avvale di illustri patrocini come quelli della Presidenza del Senato, della Presidenza della Camera, della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Bologna, dell’Università degli Studi di Bologna e del Prof. Romano Prodi.
La mostra sarà corredata da due distinti cataloghi pubblicati da ArtificioSkira che conterranno saggi di Luca Beatrice, Penelope Curtis, Paolo Fabbri, Claudia Gian Ferrari, Peter Gorsen, Claudio Poppi, Alison Smith, Peter Weiermair per il volume dedicato alle arti figurative e Claudio Marra, Ulrich Pohlmann e Peter Weiermair per il volume sulla fotografia.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram