Leonardo - L’uomo vitruviano fra arte e scienza 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIE DELL'ACCADEMIA ​ Campo Della Carità Venezia 30123

Venezia - dal 10 ottobre 2009 al 10 gennaio 2010

Leonardo - L’uomo vitruviano fra arte e scienza
[leggi la recensione]

Leonardo - L’uomo vitruviano fra arte e scienza
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
GALLERIE DELL'ACCADEMIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo Della Carità (30123)
Venezia
+39 0415200345
www.gallerieaccademia.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il celeberrimo disegno Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci, diventato ormai l’icona della civiltà occidentale, è conservato alle Galleria dell’Accademia fin dal 1822. Finalmente, dopo sette anni dalla sua ultima esposizione al pubblico verrà nuovamente esposto
orario: lunedì ore 8.15-14; da martedì a domenica ore 8.15-19.15
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 10; ridotto € 7
vernissage: 10 ottobre 2009. ore 12
editore: MARSILIO
ufficio stampa: CIVITA GROUP
autori: Leonardo Da Vinci
genere: personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il celeberrimo disegno Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci, diventato ormai l’icona della civiltà occidentale, è conservato alle Galleria dell’Accademia fin dal 1822. Finalmente, dopo sette anni dalla sua ultima esposizione al pubblico verrà nuovamente esposto, dal 10 ottobre 2009 al 10 gennaio 2010. Il foglio (cm 34,4 x 24,5, carta bianca) rappresenta uno studio di proporzioni del corpo umano inserito nel cerchio e nel quadrato, le figure geometriche perfette, secondo Platone. Le figure non sono concentriche ma costruite in relazione tra loro secondo i modi della sezione aurea, dove il centro del cerchio coincide con l’ombelico, e quello del quadrato con i genitali; se questi indicano l’origine fisica, l’ombelico rimanda a quella spirituale. Proprio raffigurando contemporaneamente le due potenzialità umane e geometriche l’artista realizza una sintesi armonica insuperata. Il disegno nella critica non ha ricevuto altro che sporadici commenti: gli storici dell’arte considerandolo piuttosto illustrazione scientifica e gli storici della scienza privo di vero contenuto innovativo. Resta aperto, quindi, il problema dell’interpretazione. Le più recenti ipotesi sono finalmente documentate nel catalogo edito da Marsilio Editori a cura di Annalisa Perissa Torrini, che si avvale di contributi di storici dell’arte (Pietro C. Marani e Domenico Laurenza), architetti (Malvina Borgherini), filosofi (Stefano Maso), musicisti (Nicola Cisternino), fisici (Alba Zanini e Ruggero Pierantoni), restauratori (Loretta Salvador) e matematici (Rocco Sinisgalli).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram