Love Me Fender 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO INTERNAZIONALE E BIBLIOTECA DELLA MUSICA ​ Strada Maggiore 34 Bologna 40125

Bologna - dall'undici dicembre 2009 al 31 gennaio 2010

Love Me Fender
[leggi la recensione]

Love Me Fender
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MUSEO INTERNAZIONALE E BIBLIOTECA DELLA MUSICA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Strada Maggiore 34 (40125)
+39 0512757711 , +39 0512757728 (fax)
museomusica@comune.bologna.it
www.museomusicabologna.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione presenta lavori inediti realizzati da oltre venti artisti che compongono un mosaico multidisciplinare giocato sulle interconnessioni tra arte e musica.
vernissage: 11 dicembre 2009. ore 18 SOLO su invito
ufficio stampa: PAOLA MANFREDI
curatori: Luca Beatrice
autori: Massimiliano Alioto, Andy, Gabriele Arruzzo, Matteo Basilè, Alessandro Bazan, Nicola Bolla, Cristian Bugatti, Crash, Francesco De Molfetta, Nicola Di Caprio, Pablo Echaurrren, Daniele Galliano, Fausto Gilberti, Daniele Girardi, Hubertus Hohenlohe, Marcello Jori, Thorsten Kirchhoff, Francesco Lauretta, Marco Lodola, Bartolomeo Migliore, Laurina Paperina, Tom Porta, Laboratorio Saccardi, Mauro Sambo, Maurizio Savini, Nicola Verlato
patrocini: Comune di Bologna
note: promossa da M.Casale Bauer, in collaborazione con il Museo internazionale e biblioteca della musica
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Propone l’esplorazione di un mito, un viaggio attraverso molteplici linguaggi della contemporaneità, la mostra d’arti visive Love Me Fender, che dal 12 dicembre 2009 al 31 gennaio 2010 si svilupperà lungo le sale del Museo internazionale e biblioteca della musica a Bologna.



A cura di Luca Beatrice, promossa da M.Casale Bauer, in collaborazione con il Museo internazionale e biblioteca della musica e con il patrocinio del Comune di Bologna, la mostra è dedicata all’universo Fender. Fender, come la casa di produzione di strumenti musicali fondata nel 1946 da Leo Fender, che dopo aver accompagnato e segnato le rivoluzioni in seno al Rock’n’Roll ha saputo evolversi costantemente entrando inevitabilmente nella storia e nell’immaginario collettivo del XX secolo. Ma non solo. Fender come stile di vita, come identità collettiva, capace ancora oggi di arrivare trasversalmente a persone di ogni età.



L’esposizione presenta lavori inediti realizzati da oltre venti artisti che compongono un mosaico multidisciplinare giocato sulle interconnessioni tra arte e musica.

Gli artisti in mostra sono: Massimiliano Alioto, Andy, Gabriele Arruzzo, Matteo Basilé, Alessandro Bazan, Nicola Bolla, Bugo (Cristian Bugatti), Crash, Francesco De Molfetta, Nicola Di Caprio, Pablo Echaurren, Daniele Galliano, Fausto Gilberti, Daniele Girardi, Hubertus Hohenlohe, Marcello Jori, Thorsten Kirchhoff, Francesco Lauretta, Marco Lodola, Bartolomeo Migliore, Laurina Paperina, Tom Porta, Laboratorio Saccardi, Mauro Sambo, Maurizio Savini, Nicola Verlato.



Una sezione della mostra è dedicata ai memorabilia, provenienti dalla collezione Fender e da altre collezioni private: fotografie, strumenti musicali, riviste, manoscritti, manifesti, LP, 45 giri e altri oggetti unici, datati a partire dagli anni Cinquanta, che raccontano una parte importante della storia della musica del’ 900, legata agli oggetti e alla vita quotidiana.



Red Ronnie, rinomato conoscitore del panorama musicale italiano e internazionale dagli anni Settanta, partecipa all’organizzazione della mostra mettendo a disposizione oggetti della sua personale collezione e la sua decennale esperienza, che lo ha visto attivo prima come dj nelle radio libere e poi come presentatore di programmi televisivi su emittenti nazionali.



In occasione di Love me Fender saranno organizzati due concerti, espressione tangibile del crossover tra arte e musica, che vede la prima entrare nella vita di chi non frequenta solitamente i Musei e la seconda rendere accessibile a tutti un luogo che spesso ispira soggezione a un pubblico non esperto di arte contemporanea.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram