Gianfranco Notargiacomo - Le nostre divergenze 1971-2009 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LA GALLERIA NAZIONALE ​ Viale Delle Belle Arti 131 Roma 00196

Roma - dal 12 novembre all'otto dicembre 2009

Gianfranco Notargiacomo - Le nostre divergenze 1971-2009

Gianfranco Notargiacomo - Le nostre divergenze 1971-2009

 [Vedi la foto originale]
LA GALLERIA NAZIONALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Delle Belle Arti 131 (00196)
+39 06322981
gan-amc.uffstampa@beniculturali.it
lagallerianazionale.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Dopo trentotto anni la Galleria Nazionale d'Arte Moderna ripropone la prima mostra di Gianfranco Notargiacomo presentata a Roma presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis nel 1971. Intitolata Le nostre divergenze, l’istallazione viene riproposta a cura di Mariastella Margozzi, nella Sala delle Colonne della Galleria, dove si assiepano i piccoli omini in Pongo, seduti, in piedi, sdraiati, tutti in un muto ma coinvolgente colloquio con lo spettatore, chiamato a partecipare a questa silenziosa adunata.
biglietti: free admittance
vernissage: 12 novembre 2009. alle ore 18.00
catalogo: riunisce i contributi di Mariastella Margozzi, Luigi Ficacci, Giacomo Marramao e Barbara Martusciell
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Mariastella Margozzi
autori: Gianfranco Notargiacomo
note: Con il sostegno di Lottomatica - Pongo
genere: arte contemporanea, personale
email: press.electamusei@mondadori.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dopo trentotto anni la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ripropone la prima mostra di Gianfranco Notargiacomo, presentata a Roma presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis nel 1971.
Recensita allora dall’International Herald Tribune come “the most surprising show” (Edith Schloss), l’installazione, sperimentale e davvero anticipatrice, prevedeva oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadevano l’intero ambiente della galleria, atteggiati in una molteplicità di pose, occupando non solo il pavimento, ma anche ogni altro spazio disponibile, pareti, finestre.
Intitolata Le nostre divergenze, l’istallazione viene riproposta a cura di Mariastella Margozzi, nella Sala delle colonne della Galleria Nazionale, nella quale si assieperanno i piccoli omìni in Pongo, seduti, in piedi, sdraiati, tutti in muto ma coinvolgente colloquio con lo spettatore, chiamato a partecipare a questa silenziosa adunata.
Le posizioni dei duecento omìni, oggi come allora, li differenziano a tal punto l’uno dall’altro da annullare il loro aspetto identico e volutamente omologato anche nei volti e nelle teste e contribuiscono a connotare non una massa inerte, ma una moltitudine diversificata di individui.
L’artista non ha plasmato un materiale tradizionale della scultura, ma un materiale nuovo, la plastilina colorata, riuscendo a sublimare il gesto semplice di replicare il mondo a proprio piacimento.
Il rifare di Notargiacomo non è solo un semplice riprodurre, ma azione che investe in pieno il processo creativo e che necessariamente si avvale di tutta l’esperienza estetica fin qui condotta dall’artista.
Gianfranco Notargiacomo ha sempre lavorato sul filo di una frontiera sperimentale che lo ha portato ad abbreviare i tempi, giungendo alla pittura già nel 1973 con i suoi Autoritratti, esposti alla Galleria La Salita, e l’anno successivo con i ritratti di filosofi presentati alla Galleria La Tartaruga in Storia privata della filosofia.
Da allora l’opera dell’artista, nel corso degli anni, è stata caratterizzata da una energia sempre più intensa, presente nei cicli pittorici di Tempesta e Assalto e nelle sue sculture, i Takète, nei quali si riconosce un unico procedimento creativo. La stessa energia, veicolata dalla materia e dal colore vibrante è evidente anche nell’uso pittorico della plastilina colorata, il Pongo, che nella installazione de Le nostre divergenze sostituisce in tutto la pennellata.
Il catalogo, edito da Electa, riunisce i contributi di Mariastella Margozzi, Luigi Ficacci, Giacomo Marramao e Barbara Martusciello. Il progetto dell’allestimento è stato realizzato da Giusto Puri Purini.
Light Designer Filippo Cannata.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram