Taiabati - Falsa testimonianza 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO CESANA DELLA RIVA ​ Via Roma 64 Vittorio Veneto 31029

Vittorio Veneto (TV) - dall'undici settembre al 4 ottobre 2009

Taiabati - Falsa testimonianza

Taiabati - Falsa testimonianza

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO CESANA DELLA RIVA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Roma 64 (31029)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le immagini della campagna comunicativa di Comodamente, il festival di cultura contemporanea di Vittorio Veneto. Gli scatti di Taiabati che spiegano, mostra ma anche alludono e nascondono i pezzi di realtà che costituiscono il nostro mondo. Uno di seguito all’altro.
orario: ore 10-22 (11-13 settembre); fino al 4 ottobre sabato e domenica 10-12, 15-18 o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 11 settembre 2009.
catalogo: con testi di Claudio Bertorelli, Roberto del Grande e del curatore
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Daniele Capra
autori: Taiabati
telefono evento: +39 0438553969
genere: fotografia, personale
email: info@comodamente.it
web: www.comodamente.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le immagini della campagna comunicativa di Comodamente, il festival di cultura contemporanea di Vittorio Veneto. Gli scatti di Taiabati che spiegano, mostra ma anche alludono e nascondono i pezzi di realtà che costituiscono il nostro mondo. Uno di seguito all’altro.
Il presagio, il presentimento, la profezia: il vedere prima. Niente di più lontano dalla fotografia, meccanismo che registra un presente per raccontare un passato. Un racconto sistematicamente sfalsato da quello che la macchina vede, seleziona, omette o nasconde. Quante verità si possono costruire ex post con una fotografia? Quante false testimonianze potrebbero reggere di fronte a una giuria distratta? Dov’è il confine tra il reale e il possibile, tra il credibile e il probabile?
Il progetto fotografico ci mette di fronte a un impossibile documentato, come il resoconto di una realtà che non si è ancora manifestata. Come sogni premonitori o deja-vu queste immagini ci sorprendono, ci privano di solidi punti di riferimento e si lasciano assimilare solo se rinunciamo alla pretesa di capirle.
Le immagini saranno raccolte in un catalogo con testi di Claudio Bertorelli, Roberto del Grande e del curatore.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram