Tesori dalle dimore storiche del Veneto. Capolavori dal '300 al '700 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DEI GRANDI FIUMI ​ Piazza San Bartolomeo 18 Rovigo 45100

Rovigo - dal 30 gennaio al 13 giugno 2010

Tesori dalle dimore storiche del Veneto. Capolavori dal '300 al '700

Tesori dalle dimore storiche del Veneto. Capolavori dal '300 al '700

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DEI GRANDI FIUMI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza San Bartolomeo 18 (45100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

in mostra cento dipinti che, per questa unica occasione, passano dalle stanze private di signorili dimore venete ad una mostra pubblica.
orario: tutti i giorni 9–18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 30 gennaio 2010.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
note: La mostra è organizzata dall’Accademia dei Concordi, in collaborazione con il Comune di Rovigo
genere: documentaria, arte antica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nel grande Monastero, eccezionalmente
i tesori delle dimore private venete

In contemporanea con “Bortoloni Piazzetta Tiepolo: il ‘700 veneto”, la grande esposizione allestita a Palazzo Roverella, il Museo dei Grandi Fiumi propone una mostra davvero “rara”: cento dipinti che, per questa unica occasione, passano dalle stanze private di signorili dimore venete ad una mostra pubblica.
Le stanze sono quelle dei soci dell’ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane che, per il tempo della mostra, si sono privati di alcuni capolavori delle loro collezioni.
Il Museo dei Grandi Fiumi è ospitato dall’imponente complesso monastico olivetano che sorge ai limiti dell’attuale centro storico di Rovigo.

“Questo – affermano gli organizzatori della mostra - è un passaggio simbolico che ha un profondo significato: è quasi un rispettoso atteggiamento per delle opere che per anni, nella grande maggioranza, sono state conservate gelosamente con notevoli sacrifici da parte dei proprietari, amorevoli custodi di memorie di un passato”. L’ambito della mostra è quello della pittura veneta, con opere di Guariento, Giovanni Bellini, Jacopo Tintoretto, Vecellio, Savoldo, Solimena, Marco Ricci, Giambattista e Giandomenico Tiepolo. Eccezionalmente sarà esposta anche parte di una importante collezione di nature morte con dipinti di Strozzi, Bonzi, Fede Galizia, Brueghel e altri grandi artisti, una vera e propria mostra nella mostra.

“Se è facile immettere nel mercato antiquario – afferma il Presidente dell’ADSI Veneto Giorgio Zuccolo Arrigoni - un’opera che ha una sua storia ricca di aneddoti per procurarsi una somma da utilizzare magari per delle necessità, la conservazione nelle proprie case di questi oggetti d’arte rappresenta quindi senza dubbio una rinuncia ed è quindi motivo di indubitabile apprezzamento.
Altrettanto rilevante, se non ancor più, è l’impegno di altri che dopo una vita dedicata con fatica e intelligenza ad un intenso lavoro si sono accostati al mercato dell’arte acquistando magari opere in cattivo stato di conservazione che restaurate talvolta hanno portato alla luce esaltanti scoperte.
Esemplificativo è l’aneddoto di un nostro socio che è riuscito, con notevole sacrificio, ad acquistare ad un’asta di Londra un Arcangelo di Guariento facente parte della decorazione pittorica dello studio di Francesco Da Carrara Signore di Padova, decorazione trasferita da tempo presso il Museo degli Eremitani ma incompleta. Troppo facile è il commento: il nostro socio si è sostituito nell’acquisto di un’opera d’alto valore artistico e storico al dovere dell’amministrazione.
Fra le opere selezionate per la mostra vi sono prestigiosi autori di ambito veneto, in quanto la manifestazione farà parte di un programma che la nostra associazione ADSI intende estendere ad altre regioni, con il medesimo intento di mettere a contatto del pubblico manifestazioni culturali esemplificative di un collezionismo autoctono”
La mostra è organizzata dall’Accademia dei Concordi, in collaborazione con il Comune di Rovigo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram