Federico Barocci - E la pittura della maniera in Umbria 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO BALDESCHI AL CORSO ​ Corso Pietro Vannucci Perugia 06121

Perugia - dal 26 febbraio al 6 giugno 2010

Federico Barocci - E la pittura della maniera in Umbria
[leggi la recensione]

Federico Barocci - E la pittura della maniera in Umbria
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO BALDESCHI AL CORSO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Pietro Vannucci (06121)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il percorso espositivo comprende una trentina di opere ed è articolato in quattro sezioni: Il Cristo deposto; L’Annunciazione; Barocci allo specchio; La miniatura baroccesca a Perugia.
orario: dal martedì alla domenica dalle 10,00 alle 19,00 chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: € 5,00 Ridotto: € 3,00 maggiori di 65 anni, gruppi (minimo 15 persone), titolari di apposite convenzioni, universitari con tesserino Gratuito minori di 18 anni, diversamente abili, scuole, due insegnanti accompagnatori, militari, giornalisti con tesserino, possessori della card Perugia Città Museo
vernissage: 26 febbraio 2010. ore 12 anteprima stampa
catalogo: in mostra
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: CIVITA GROUP
autori: Federico Barocci
telefono evento: +39 199151123
note: Promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Organizzazione Civita Servizi s.r.l.
genere: arte antica, personale
web: www.fondazionecrpg.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Federico Barocci e la pittura della maniera in Umbria

Perugia, Palazzo Baldeschi al Corso, 27 febbraio - 6 giugno 2010


La Deposizione dalla croce nel Duomo di Perugia, capolavoro giovanile (1569) di Federico Barocci (Urbino, 1535 circa -1612) di proprietà del Nobile Collegio della Mercanzia, é in assoluto tra le opere più importanti del manierismo europeo, eccezionale per modernità di invenzione e livello qualitativo.

Grazie a un attento restauro, l’opera è stata pienamente recuperata nella sua strabiliante “vertigine cromatica”. Dopo essere stata in mostra a Siena (11 ottobre 2009 - 10 gennaio 2010) e prima di essere definitivamente ricollocata nella Cappella di San Bernardino in cattedrale, la pala viene esposta in una mostra dedicata a Federico Barocci e alla pittura della maniera in Umbria.

Promossa e finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, curata da Francesco Federico Mancini, ordinario di Storia dell’Arte Moderna nell’Università di Perugia, la mostra è allestita nel monumentale Palazzo Baldeschi al Corso, dal 27 febbraio al 6 giugno 2010.

Il percorso espositivo comprende una trentina di opere ed è articolato in quattro sezioni: Il Cristo deposto; L’Annunciazione; Barocci allo specchio; La miniatura baroccesca a Perugia.

Accanto alla Deposizione dalla croce sono riuniti altri sei dipinti del Barocci, di cui tre provenienti dalla Galleria degli Uffizi, due da collezione privata, uno dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli. Di particolare interesse è la Madonna della gatta della Galleria degli Uffizi, magnifico autografo dell’urbinate che un recente restauro ha fatto letteralmente rinascere da una situazione conservativa apparentemente disperata. Vengono posti a confronto con questa mirata selezione di autografi una quindicina di dipinti eseguiti da artisti operanti in Umbria al tempo di Barocci: alcuni sensibili all’insegnamento del maestro, altri orientati verso dinamiche culturali di segno diverso. Così, accanto ad opere di pura ortodossia baroccesca, come quelle realizzate da Felice Pellegrini, vengono esposte tele di gusto naturalistico riformato, di schietto purismo cinquecentista, di analitico descrittivismo nordico, di enfatica teatralità prebarocca.

La mostra riserva, inoltre, ampio spazio alla vasta e interessantissima produzione miniatoria perugina della fine del Cinquecento e del primo Seicento, produzione di livello qualitativo decisamente alto, in larga misura improntata allo stile del Barocci.

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.



Una sezione a parte illustra, con immagini digitali in proiezione continua, le delicate fasi di restauro della Deposizione del Duomo di Perugia.

E’ prevista infine la proiezione di un film-documentario su Barocci (regia di Fausto Dall’Olio, consulenza scientifica Andrea Emiliani, 1989), tratto dall’archivio dell’Istituto Luce (durata 27 minuti).

La Deposizione dalla Croce

Il 24 dicembre 1569 accade a Perugia un fatto artistico di grandissimo rilievo. Federico Barocci consegna al rettore del Nobile Collegio della Mercanzia la Deposizione dalla croce, capolavoro di sconvolgente modernità dove si assiste, come ha scritto Andrea Emiliani, allo “sfaldamento della forma organica e rinascimentale a tutto vantaggio di una forma emotiva e dinamica, che si ripercuote nella composizione”.

Si tratta di un’opera complessa, costruita con incredibile sapienza; un “vortice manieristico” dove tutto è azione, movimento. Alla frenetica operosità degli uomini intenti a calare Cristo dalla croce, ormai privo di “spirito che lo regga”, si contrappone l’amorevole gesto di san Giovanni che trattiene la “gravezza” di quel magnifico corpo esanime; al gesto saettante delle Marie, che si lanciano a soccorrere la Vergine, si contrappone l’abbandono di quest’ultima, “tramortita e distesa” tra le braccia di una compagna, che la fissa con sgomento. Appena più defilato, ma altrettanto partecipe di questo bellissimo intreccio di moti, è Bernardino da Siena che “pare che accorra anch’egli a sostentare le membra divine”. La concitata gestualità delle figure sottolinea il momento culminante del dramma, quando i sentimenti sono al vertice della tensione. “Tali affetti – scrive Giovan Pietro Bellori - sono accompagnati da squisite arie di teste; e ciascuna figura è condotta con emendatissimi dintorni nel temperamento di un vigoroso insieme e soave colorito; e merita il Barocci ogni commendazione ancora per lo buon modo usato ne gli andari de’ panni, e nell’ordinare perfettamente le pieghe alli moti delle figure. Il che vien riputata una delle parti più difficili della pittura”. Giungere a un perfetto accordo tra forma e movimento, fissare sulla tela i moti dell’animo, dipingere i sentimenti grazie a un accesa e insieme tenue gamma cromatica è quanto di grande e inusitato riesce a fare il maestro urbinate: in anticipo di quasi un secolo rispetto al mistico rapimento di santa Teresa d’Avila o all’estatica folgorazione della beata Ludovica Albertoni.

(testo tratto da F. F. Mancini, Il maestro e la scuola. Barocci e il baroccismo in Umbria, in Federico Barocci 1535-1612. L’incanto del colore. Una lezione per due secoli, a cura di A. Giannotti, C. Pizzorusso, Siena 11 ottobre 2009 - 10 gennaio 2010, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo 2009, p. 138)










Ufficio Stampa Civita

Barbara Izzo tel. 06 692050220 cell. 348-8535647 e-mail izzo@civita.it

Arianna Diana tel. 06 692050258 diana@civita.it

www.civita.it – sala stampa



Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.


Elenco delle opere in mostra

In apertura:

Madonna della gatta

1)Federico Barocci, Madonna della gatta, Firenze, Galleria degli Uffizi, cm. 233 x 179

Prima sezione:

Cristo deposto

1. Federico Barocci, Deposizione dalla croce, Perugia, Duomo, cm. 412 x 232
2. Ambito baroccesco, Cristo morto sorretto da un angelo, Perugia, Collezione privata
3. Felice Pellegrini, La sepoltura di Cristo, Perugia, Chiesa di Santa Maria Nuova, Oratorio del Crocifisso, cm. 365 x 195
4. Felice Pellegrini, Compianto sul Cristo morto, Torgiano, Chiesa di San Bartolomeo, cm. 284 x 190
5. Ippolito Borghese, Deposizione dalla croce, Perugia, Fondazione Cassa di Risparmio, cm. 279 x 200
6. Hendrick de Clerck, Compianto sul Cristo morto, Todi, Santa Prassede
7. Giovan Battista Michelini, Cristo Deposto, Gubbio, Pinacoteca Comunale, cm 341 x 248



Seconda sezione

Annunciazione

1) Federico Barocci, Annunciazione, Santa Maria degli Angeli (Assisi), Basilica, cm. 478 x 249

2) Ventura Mazza, Annunciazione, Gubbio, Chiesa di Santa Maria dei Laici detta dei Bianchi, cm. 284 x 190

3) Ferraù Fenzoni, Annunciazione, Foligno, Museo Diocesano, cm. 284 x 170

4) Giulio Cesare Angeli, Annunciazione, Nocera Umbra, Duomo, cm. 324 x 235

5) Ippolito Borghese, Annunciazione, Sigillo, Chiesa di Sant’Agostino, cm. 248 x 182

6) Giovan Francesco Bassotti?, Annunciazione, Perugia, Chiesa di Santa Teresa degli Scalzi, cm 263 x 185

7) Virgilio Nucci, Annunciazione, Gubbio, Duomo, cm 250 x 180

8) Giovan Battista Michelini, Annunciazione, Gubbio, Chiesa di Santa Maria dei Laici detta dei Bianchi, cm. 274 x 182

Terza sezione

Barocci allo specchio

1) Federico Barocci, Autoritratto di mezza età, Firenze, Galleria degli Uffizi, olio su carta, 1570 circa, cm. 31 x 23,

2) Federico Barocci, Autoritratto di tarda età, 1598 c., Firenze, Galleria degli Uffizi, olio su carta incollata su tela, cm. 41 x 31

3) Federico Barocci, Autoritratto di tarda età, 1598 c., Roma, Collezione privata, olio su tela, cm. 65 x 52




Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.



Quarta sezione

Miniatori barocceschi a Perugia

1) Artista perugino del 1599, Matricola, 1599, Perugia, Collegio della Mercanzia

2) Vincenzo Pellegrini detto il Pittor Bello, Catasto della Sapienza Vecchia o Gregoriana, 1606, Perugia, Archivio di Stato, Catastini, 11

3) Vincenzo Pellegrini detto il Pittor Bello, Matricola, 1606, Perugia, Collegio del Cambio

4) Onofrio Marini, Catasto di Sant’Agostino, 1603-1606, Perugia, Archivio Diocesano, Catasto di Porta Sant’Angelo

5) Primo miniatore della Franceschina di Monteluce, Franceschina di Monteluce, ultimo decennio del secolo XVI, Perugia, Monastero di Sant’Erminio

6) Matteuccio Salvucci, Catasto della Cattedrale di San Lorenzo, 1606, Perugia, Archivio Capitolare

7) Maestro dei Monasteri, Catasto di Cesare Meniconi, 1603-1606, Perugia, Archivio di Stato, Catasti, III gruppo, 68, c. 63 r.

8) Monogrammista A.M., Catasto del Convento di San Francesco al Prato, Perugia, Archivio Diocesano, Catasto di Porta Santa Susanna

9)Cesare Franchi detto il Pollino, Incoronazione della Vergine e santi, Perugia, Biblioteca Comunale Augusta (foglio sciolto), ultimo decennio del XVI secolo

10)Cesare Franchi detto il Pollino, Adorazione dei pastori, Perugia, Biblioteca Comunale Augusta (foglio sciolto), ultimo decennio del XVI secolo

11)Cesare Franchi detto il Pollino, Altarolo miniato, Perugia, Convento di Sant’Agostino

In chiusura

Donna con bambina in preghiera

1)Federico Barocci, Donna con bambina in preghiera, Gubbio, Collezione privata, cm. 53 x 45
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram