Bruno Cattani - Memorie 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DEI PRINCIPI ​ Corso Camillo Benso Conte Di Cavour 7 Correggio 42015

Correggio (RE) - dal 17 aprile al 23 maggio 2010

Bruno Cattani - Memorie

Bruno Cattani - Memorie

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DEI PRINCIPI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Camillo Benso Conte Di Cavour 7 (42015)
+39 0522693296 , +39 0522641105 (fax)
museo@comune.correggio.re.it
museo.comune.correggio.re.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione, che si tiene nell’àmbito di Fotografia Europea 2010, presenterà 70 fotografie dell’artista reggiano, che documentano un percorso di ricerca iniziato cinque anni fa, incentrato sul tema della memoria.
orario: sabato, 15.30-18.30, domenica e festivi: 10.00-12.30; 15.30-18.30; altri giorni su appuntamento.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 17 aprile 2010. ore 18
catalogo: in mostra
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: CLP
curatori: Francesca Baboni, Sandro Parmiggiani, Stefano Taddei
autori: Bruno Cattani
patrocini: del Comune di Correggio, della Provincia di Reggio Emilia, di Palazzo Magnani di Reggio Emilia
genere: fotografia, personale
web: www.brunocattani.it/

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 17 aprile al 23 maggio, al Palazzo dei Principi di Correggio (RE) si terrà la mostra di Bruno Cattani, Memorie. L’esposizione, curata da Sandro Parmiggiani, Francesca Baboni e Stefano Taddei, col patrocinio del Comune di Correggio, della Provincia di Reggio Emilia, di Palazzo Magnani di Reggio Emilia, nell’àmbito di Fotografia Europea 2010 - Reggio Emilia, presenterà 70 fotografie dell’artista reggiano, che documentano un percorso di ricerca iniziato cinque anni fa, incentrato sul tema della memoria collettiva.

La serie delle “Memorie” si è sviluppata infatti a partire dal 2004 quando il Comune di Reggio Emilia commissionò, ad alcuni fotografi del territorio, un lavoro legato a questo argomento.

Le fotografie di Cattani evocano ricordi che provengono dal passato, dalla storia minima di ciascuna persona. I soggetti immortalati nei suoi scatti, siano essi strade deserte o popolate soltanto da una panchina o da un bambino che gioca in mezzo alle foglie, altalene e giochi che si mischiano a nebbiosi paesaggi padani e a interni spogli di fabbriche abbandonate, vecchie foto ingiallite, immagini di giocattoli di legno, hanno il potere di rendere vivi e attuali queste reminiscenze ricostruendo, attraverso il dettaglio, piccoli frammenti di vicende private che non scadono mai nella banalità.

Come afferma lo stesso Bruno Cattani “da sempre la memoria è il sottile fil rouge che lega indissolubilmente il mio lavoro ano. A tutti è capitato di ritornare in luoghi dove abbiamo passato la nostra vita e che ci richiamano la storia come se fosse incisa sulla pietra: la malinconia di momenti che non rivivremo più, il rimpianto del passato che si trasforma in sottile piacere, l’immagine impallidita, solo accennata, che riemerge ad un tratto tra le pagine di un libro sfogliato. Ricercare e fotografare questi luoghi significa recuperarli dal passato salvandoli dall’oblio”.

Accompagna la mostra un catalogo Allemandi.


Bruno Cattani nasce a Reggio Emilia nel 1964. Inizia a fotografare dal 1982 e nel 1995, dopo alcuni anni di ricerca e mostre personali, partecipa alla mostra collettiva Musica in Fotografia organizzata da IF Immagine Fotografia a Milano. Nel 1996 partecipa a una ricerca fotografica collettiva sui Musei Civici di Reggio Emilia che si concluderà con la mostra Metti il fotografo al Museo. Continua in questi anni il suo percorso sui Luoghi dell'arte arricchendo la sua raccolta di immagini in vari musei d'Europa. Viene selezionato da Italo Zannier per l'esposizione Giovani e sconosciuti che si tiene a Spilimbergo nel 1997. Nel 1998 è invitato a realizzare una ricerca sul Pergamonmuseum di Berlino, dove esporrà parte del lavoro. Seguono negli anni numerosi incarichi di ricerca fotografica in musei quali il Musée Rodin (1999), il Musée du Louvre (2000), l’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi, l’Istituto Nazionale per la Grafica e Calcografia a Roma e la Soprintendenza Archeologica di Pompei (2001).

Nel 2003 espone nella collettiva Ritratto di una collezione alla Fondazione Maeght. Nello stesso anno il Museo Archeologico Nazionale di Napoli acquisisce le fotografie ivi realizzate. Nel 2004 partecipa alla proiezione sulla scuola fotografica di Reggio Emilia alla Maison Europeenne de la Photographie. Nel 2005 partecipa alla collettiva Architettura come paesaggio, che espone i lavori più importanti realizzati dallo Studio Gabetti e Isola Isolarchitetti di Torino e che porta alla realizzazione di un volume con testi di Valter Bordini, Federica Dal Falco, Carlo Olmo e Paolo Portoghesi (Allemandi Editore). Nel 2006 partecipa alla mostra collettiva Uno sguardo sulla città nell’ambito della manifestazione “Reggio Emilia - Settimana della fotografia europea”. Nello stesso anno partecipa alla mostra collettiva ITALIA 1946-2006 organizzata dal CRAF di Spilimbergo e curata da Cesare Colombo, Claudio Emè e Walter Liva. Nel 2007 è invitato ad esporre alla Biennale della fotografia di Salonicco e partecipa alla collettiva Italia-Provenza organizzata dalla Fontaine Oscure di Aix En Provance. Partecipa, a Pordenone, ad una mostra collettiva curata da Elio Grazioli dal titolo Movimento- Emozione, che porta alla realizzazione di un catalogo. Nello stesso anno, una sua mostra personale dal titolo Figure nel tempo viene realizzata presso le Officine Fotografiche di Roma. Nel 2008, ai Musei Civici di Reggio Emilia, si è tenuta la mostra Dialogo di corpi, una delle iniziative di Fotografia Europea - Reggio Emilia 2008.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram