Claudio Cavallaro / Renato Jaime Morgant - … e tutto risplende … solo se c’é luce 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION ​ Via Ur Strdón 11 Cademario 6936

Cademario () - dal 16 marzo al 24 aprile 2010

Claudio Cavallaro / Renato Jaime Morgant - … e tutto risplende … solo se c’é luce

Claudio Cavallaro / Renato Jaime Morgant - … e tutto risplende … solo se c’é luce -
TOCCANDO L'INVISIBILE di R.J.Morganti
 [Vedi la foto originale]
NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ur Strdón 11 (6936)
+41 0919118809
info@nellimya-exhibition.ch
www.nellimya-exhibition.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

“… e tutto risplende … solo se c’é luce”
bi-personale di Claudio Cavallaro e Renato Jaime Morganti a cura di Alessandro Trabucco nell’ambito di OUTRENOIR Light + New Media Art Project 2010_2011
di Martina Cavallarin, Alessandro Trabucco, Cristina Trivelli
orario: Lu. Me. Ve. 10_14 / Ma. Gio* 15_19 / Sa 10_13
*GalleryClub ogni giovedì sera: 20_22
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 marzo 2010. Dalle 17.00 alle 20.00
curatori: Alessandro Trabucco
autori: Claudio Cavallaro, Renato Jaime Morganti
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
È la prima fase di un progetto espositivo di ampio respiro, rivolto all’arte di luce e alla
new media art: sperimentazione artistica con strumenti contemporanei.
La luce è la matrice, la rivelazione delle cose, animate ed inanimate. La luce le determina,
le palesa, le investe irradiandole e le materializza, le accarezza, le plasma, dona
loro la vita. Luce propria, luce riflessa; luce cosmica, luce interiore; luce simbolica, luce
naturale e luce artificiale; emanazione energetica che si propaga dall’esterno verso i
nostri occhi, da essa catturati ed alimentati, sino a raggiungere le profondità
dell’anima; il fiat lux che genera l’universo e crea l’inizio del tempo cronologico e del
flusso vitale, della nascita del mondo e della materia, del calore e del moto, della
presenza e dell’assenza, della visione e dell’oblio.
Osservare con lo sguardo incline alla meraviglia e alla bellezza intrinseca della luce,
equivale ad accorgersi di tutto questo anche quando le immagini, gli oggetti, le situazioni
ci appaiono nella loro ordinaria quotidianità, senza suscitare particolari stimoli.
Nel corso del tempo storico la luce ha goduto maggiori attenzioni nelle speculazioni
filosofiche piuttosto che nella sua materia creativa principale, quella delle arti visive.
Certo, la pittura del Seicento riscopre il valore in sé delle forme del mondo, ricreate dai
drammatici contrasti chiaroscurali di pittori come Caravaggio o Rembrandt van Rijn, o
ancora il raffinato utilizzo della luce da parte di continuatori come Georges de La Tour
o, nel secolo successivo, all’approccio quasi scientifico di Joseph Wright of Derby.
L’impressionismo fa della luce la propria materia privilegiata, i pittori ne dipingono le vibrazioni,
le sensazioni, le trasformazioni che subisce durante le ore della giornata, sino
alla smaterializzazione delle forme che, partendo dai “covoni” di Monet, porta
all’astrazione e al conseguente utilizzo della luce in sé, quale medium espressivo specifico.
Non metaforico ma effettivo.
La luce diviene quindi una “tecnica” adattata ad un metodo di ricerca estetica che ne
valorizzi le caratteristiche intrinseche e le potenzialità espressive.
Il nostro grande Piero Fogliati, maestro della luce, ha realizzato negli anni a cavallo tra i
Sessanta e i Settanta questa fantastica “utopia”, piegando il fascio luminoso alle proprie
esigenze, senza subordinarlo ad altre necessità. La luce come protagonista assoluta,
energia elettromagnetica come nuova “materia” da plasmare ed utilizzare al
posto delle tecniche tradizionali.
La mostra presenta due giovani artisti che hanno scelto la luce quale medium privilegiato,
accostandosi ad essa con approcci differenti ma complementari.
Claudio Cavallaro con i propri interventi installativi site specific sottolinea aspetti suggestivi
ed onirici dell’ambiente introducendo elementi estranei o anomali che, attraverso
un’illuminazione soffusa costituita da lampade di wood, accentuano le sensazioni di
straniamento e stupore nei confronti dello spettacolo visivo al quale lo spettatore è invitato
ad assistere.
L’approccio di Renato Jaime Morganti alla luce e alle sue potenzialità estetiche si sviluppa
attraverso un rigoroso studio dello spazio e delle sue specifiche caratteristiche
geometrico/architettoniche. L’artista opera su elementi preesistenti, sottolineandone
forme, ribadendone estensioni ed instaurando con loro un dialogo attivo attraverso interventi
che sollecitano la nostra visione e che invitano ad un superamento dei limiti
percettivi alla scoperta di inedite esperienze sensoriali.
“… e tutto risplende … solo se c’é luce”
a cura di Alessandro Trabucco
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram