Scultura Internazionale a Racconigi 2010. Presente ed esperienza del passato 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO DI RACCONIGI ​ Piazza Carlo Alberto 1 Racconigi 12035

Racconigi (CN) - dal 6 giugno al 10 ottobre 2010

Scultura Internazionale a Racconigi 2010. Presente ed esperienza del passato
[leggi la recensione]

Scultura Internazionale a Racconigi 2010. Presente ed esperienza del passato
[leggi la recensione]
Igor Mitoraj, Torso di Ikaro, 2002, bronzo, cm 220x298x162
 [Vedi la foto originale]
CASTELLO DI RACCONIGI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Carlo Alberto 1 (12035)
+39 017284005 , +39 0172811531 (fax)
comunica.racconigi@ambienteto.arti.beniculturali.i
www.ilcastellodiracconigi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il parco, il giardino e i locali sottoserra della Reggia Sabauda accolgono quarantasei sculture, realizzate nei materiali e nelle misure più diverse, in un intenso dialogo tra scultura contemporanea, natura, architettura e storia.
orario: da martedì a domenica h. 9 - 18.30. Chiuso lunedì.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: il biglietto di accesso al Parco del Castello € 2,00 consente di visitare la mostra
vernissage: 6 giugno 2010. ore 17
catalogo: con testo critico di Luciano Caramel, saggi di Barbara Tuzzolino, Giovanni Cordero
editore: SILVANA EDITORIALE
ufficio stampa: IRMA BIANCHI
curatori: Luciano Caramel
autori: Franco Batacchi, Zadok Ben-David, Paolo Borghi, Maria Cristina Carlini, Mirta Carroli, Jessica Carroll, Giorgio Celiberti, Ann Christopher, Gerolamo Ciulla, Mariapia Fanna Roncoroni, Marienzo Ferrero, Laura Ford, Elio Garis, Marco Gastini, Annamaria Gelmi, Ale Guzzetti, Nigel Hall, YungHsu Hsu, Gary Hume, Yi Hung, Kenny Hunter, Allen Jones, Phillip King, Masayuki Koorida, Christopher le Brun, Riccardo Licata, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Gino Marotta, Igor Mitoraj, David Nash, Nunzio, Arnaldo Oomodoro, Giovanni Padovese, Mimmo Paladino, Yang Po-Lin, Liu Po-Tsun, Peter Randall-Page, Claudio Rotta Loria, Marina Sasso, Valdi Spagnulo, Mauro Staccioli, Luigi Stoisa, Marialuisa Tadei, Walter Valentini, Rob Ward
note: La rassegna è promossa dalla Regione Piemonte in collaborazione con il Ministero per i Beni Artistici e le Attività Culturali e con il patrocinio della Provincia di Cuneo, organizzata dall’Associazione Piemontese Arte presieduta dallo scultore Riccardo Cordero
genere: arte contemporanea, collettiva
email: piemontearte@libero.it
web: www.piemontearte.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si tiene nello straordinario Castello di Racconigi l’importante biennale internazionale di scultura dal titolo Scultura internazionale a Racconigi, 2010. Presente ed esperienza del passato curata da Luciano Caramel e organizzata dall’Associazione Piemontese Arte presieduta dallo scultore Riccardo Cordero. Dal 6 giugno al 10 ottobre il parco, il giardino e i locali sottoserra della Reggia Sabauda accolgono quarantasei sculture, realizzate nei materiali e nelle misure più diverse, in un intenso dialogo tra scultura contemporanea, natura, architettura e storia.


La rassegna è promossa dalla Regione Piemonte in collaborazione con il Ministero per i Beni Artistici e le Attività Culturali e con il patrocinio della Provincia di Cuneo.


I quarantasei scultori invitati, ognuno rappresentato in mostra con un’opera, sono differenti per nazionalità, generazione e quindi cultura e percorsi creativi. Provengono da Italia, Gran Bretagna e Taiwan: tale scelta deriva, oltre che dalla costitutiva vocazione internazionale dell’iniziativa, dalla volontà di proporre testimonianze di esperienze vive, in un intreccio multiforme, multicolore e multidimensionale.

Gli artisti presenti sono: Franco Batacchi, Zadok Ben-David, Paolo Borghi, Maria Cristina Carlini, Mirta Carroli, Jessica Carroll, Giorgio Celiberti, Ann Christopher, Gerolamo Ciulla, Mariapia Fanna Roncoroni, Marienzo Ferrero, Laura Ford, Elio Garis, Marco Gastini, Annamaria Gelmi, Ale Guzzetti, Nigel Hall, Gary Hume, YungHsu Hsu, Yi Hung, Kenny Hunter, Allen Jones, Phillip King, Masayuki Koorida, Christopher Le Brun, Riccardo Licata, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Gino Marotta, Igor Mitoraj, David Nash, Nunzio, Giovanni Padovese, Mimmo Paladino, Yang Po-Lin, Liu Po-Tsun, Arnaldo Pomodoro, Peter Randall-Page, Claudio Rotta Loria, Marina Sasso, Valdi Spagnulo, Mauro Staccioli, Luigi Stoisa, Maria Luisa Tadei, Walter Valentini, Rob Ward.

Si tratta di artisti affermati nel pieno della maturità creativa, di scultori noti per le personali scelte di poetica, di linguaggio e di giovani emergenti.


Principio fondante della rassegna è l’interazione con l’ambiente e con il pubblico, all’insegna dell’apertura e della relazionalità della scultura. A tal proposito, Luciano Caramel afferma: “pur nell’oggettualità tridimensionale del manufatto, l’artista si propone che la scultura non sia soltanto un oggetto, ma una vera e propria estensione. In questo contesto l’ambiente non è più un fattore esterno e ininfluente, ma un processo in continuo divenire che trasforma l’opera tanto quanto ne è trasformato, entro ampie, flessibili coordinate topologiche comportanti la globalità di uno spazio inteso e frequentato come campo, anche, come avviene a Racconigi, in frizione diretta con un passato carico di memorie storiche e artistiche, col coinvolgimento del pubblico che visiterà l’antica dimora nobiliare in una stimolante esperienza culturale, ricca di creatività e di fantasia.”


La Reggia di Racconigi offre alle sculture un contesto di particolare qualità, bellezza e significato storico-artistico: la storica dimora reale, tra le maggiori di casa Savoia, ha infatti un’articolazione architettonica e funzionale complessa di speciale rilievo che consente alla dislocazione delle sculture ambientazioni inedite.

Alla residenza del castello, costruita tra Seicento e Settecento, si accompagna, ai margini della proprietà, la Margaria, azienda agricola della Real Casa, progettata da Pelagio Pelagi in stile neogotico e costruita fra il 1835 e il 1843. Un tempo celebre tra l’altro per la collezione di piante esotiche ospitata nelle Serre Reali, dalle candide strutture sottili ed eleganti, pur esse neogotiche.


La mostra è accompagnata da un esaustivo catalogo con testo critico di Luciano Caramel, saggi di Barbara Tuzzolino e Giovanni Cordero e testi istituzionali.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram