Gualtiero Redivo - Complesso Musicale 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA VITTORIA ​ Via Margutta 103 Roma 00187

Roma - dal 15 al 28 aprile 2010

Gualtiero Redivo - Complesso Musicale

Gualtiero Redivo - Complesso Musicale
Sabbia di Mare (Aq)
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA VITTORIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Margutta 103 (00187)
+39 0636001878 , +39 063242599 (fax)
tizianatodi@libero.it
www.galleriavittoria.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra Personale

orario: Lun/venerdì 15.00-19.00
fuori orario su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 aprile 2010. ore 18.00
catalogo: in galleria.
curatori: Tiziana Todi
autori: Gualtiero Redivo
patrocini: Governo Italiano Ministro della Gioventù
Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La ragione ideativa della mostra nasce dall’esigenza di richiamare l’attenzione sulla grave carenza dell’insegnamento della musica nelle scuole italiane. Trascurare e svilire la cultura musicale, significa negare ai giovani il completo esercizio della cultura nel suo complesso che è il requisito fondamentale per la comprensione del rapporto tra sviluppo, organizzazioni e mercati globali e per l’individuazione di nuovi modelli di società più sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale.

Pur nella consapevolezza che la musica non si guarda e la pittura non si ascolta, Redivo vuole evidenziare le affinità esistenti tra le sue opere e la musica contemporanea, un parallelismo da ricercare nel gesto cognitivo e nel gioco della mente umana di fronte al problema della descrizione della complessità del mondo. E a queste sue idee ha dato forma realizzando per l’occasione una specifica installazione: un trombone, sorretto da un cavalletto, reso funzionante dal fiato dell’artista contenuto in un palloncino applicato al bocchino dello strumento, da cui scaturiscono note che si materializzano come nodi.

La pittura di Redivo e la musica contemporanea hanno progressivamente accolto all’interno dei propri universi dei rumori, oggetti pittorici e sonori non codificati, e introdotto cambiamenti di ritmo, accettando l’urgenza del tempo, fino a trovare la loro linfa vitale.

Con pochissime eccezioni la musica è l’arte che non ha adoperato i suoi mezzi per ritrarre la natura e il mondo visibile, analogamente l’artista indaga la realtà, senza fare ricorso al simbolico, per ricercare un senso la dove la luce della ragione fatica a far giungere il suo raggio.

Così come il movimento di forme non visibili è l’essenza stessa della musica, i nodi, gli intrecci, i tagli sono i mezzi con i quali Redivo propone itinerari espressivi che non siano solo visione e mera decorazione ma il luogo ove si compie il destino delle sue idee.

L’inaugurazione della mostra sarà accompagnata da una performance del musicista Gianetti Bruno (direttore della banda “Musicanti di Brema”) che suonerà, accompagnato da altri musicisti, alcuni brani inediti di musica jazz, la cui tessitura ritmica fa pendant con le emozioni di indeterminatezza e fragilità che scaturiscono dalle opere esposte.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram