L'arte è una parola 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ASSOCIAZIONE MARA COCCIA - VIA DEL VANTAGGIO 46/A ​ Via Del Vantaggio 46/a Roma 00186

Roma - dal 21 aprile al 22 maggio 2010

L'arte è una parola

L'arte è una parola
Ben Vautier, acrilico su tavola, 1970
 [Vedi la foto originale]
ASSOCIAZIONE MARA COCCIA - VIA DEL VANTAGGIO 46/A
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Vantaggio 46/a (00186)
+39 063224434 , +39 063224434 (fax)
maracoccia7@gmail.com
www.maracoccia.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La rassegna indaga l’utilizzo della parola nell’arte quale fattore significativo. Vengono avvicinate opere dalla metà degli anni ’60 alla metà degli anni ’80, realizzate da artisti che hanno riflettuto sul potere visivo ed espressivo del linguaggio come muovo medium del fare artistico.
orario: da martedì a sabato ore 11.30-19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 21 aprile 2010. ore 18.00-21.00
curatori: Andrea Alibrandi, Mauro Panzera, Enrico Pedrini
autori: Art and Language, Vincenzo Agnetti, Robert Barry, Gianfranco Baruchello, Mel Bochner, Alighiero Boetti, Giuseppe Chiari, Pierluigi Fresia, Pippo Isgrò, Joseph Kosuth, Ketty La Rocca, Salvatore Mangione, Mario Merz, Bruce Nauman, Giulio Paolini, Edward Joseph Ruscha, Ben Vautier
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“[…] una particolare opera d’arte è arte, il che significa che è una definizione dell’arte”. Così Joseph Kosuth in Art after philosophy (1969) sottolinea la necessità di considerare l’arte prima di tutto un linguaggio: essa é costituita da significanti che veicolano significati o idee che possono essere compresi da tutti coloro che condividono con l’artista lo stesso codice linguistico.

Dalla seconda metà degli anni Sessanta infatti, l’obiettivo dell’arte si sposta dalla forma del linguaggio al contenuto di quest’ultimo, da un problema di morfologia a uno di funzione, dalla forma alla concezione. Da cui il termine “arte concettuale” che denota il movimento che più di ogni altro si è interessato a tale argomento.

Se l’uso della parola nell’arte era già presente nei collages cubisti e futuristi, nei dadaisti, in Magritte e in Duchamp, è soltanto a partire dagli anni Sessanta e con l’arte concettuale appunto, che si ha una riflessione sulla struttura stessa della lingua. L’arte come linguaggio inizia quindi ad analizzare visivamente anche le problematiche che da sempre sono connesse all’utilizzo di quest’ultimo: dai giochi e combinazioni di parole indagati da Boetti, alle differenze tra segno iconico e linguistico presenti in Kosuth, dalla potenza evocatrice e visiva di parole cancellate messe in luce da Isgrò, agli enunciati utilizzati come mezzi per sovvertire e decostruire i parametri del linguaggio da Vincenzo Agnetti.

La mostra organizzata in collaborazione con la Galleria Il Ponte di Firenze si propone di fornire un breve excursus di questa tendenza giunta fino ai giorni nostri che, se a prima vista sembra spostare l’attenzione dall’arte al linguaggio, in realtà concentra tutta la sua riflessione sullo statuto dell’arte sostenendo che l’arte esiste solo per se stessa, o meglio, l’arte è una definizione dell’arte, “l’arte è una parola” (citazione tratta dall’opera di Ben Vautier, l’arte è una parola, 2007).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram