Il Sabato di Artepensando #3 3060 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ASSOCIAZIONE CULTURALE IN ART ​ Piazza Di Spagna 66 Roma 00187

Roma - sab 17 aprile 2010

Il Sabato di Artepensando #3

Il Sabato di Artepensando #3
ASSOCIAZIONE CULTURALE IN ART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di Spagna 66 (00187)
+39 3391748957 , +39 3889258452
inartroma@gmail.com
www.inartroma.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Artepensando è un ciclo di appuntamenti ideato da Valentina Chiais, Guido D’Angelo e Beatrice Scaccia, che con l’ausilio di storici e critici d’arte, operatori di settore e artisti propongono approfondimenti sull’Arte contemporanea e sul suo mondo
biglietti: free admittance
vernissage: 17 aprile 2010. ore 17.30
curatori: Barbara Martusciello
note: a cura di Associazione culturale inart
genere: incontro - conferenza, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In questo terzo incontro, in compagnia di Barbara Martusciello, si affronterà il rapporto degli ARTISTI con il DANDYSMO, cioè di DONNE ED UOMINI CHE HANNO FATTO DI SE STESSI OPERA D'ARTE. Più o meno, e alcuni anche loro malgrado…

In questo contesto incontreremo personaggi del mondo della letteratura, del teatro e della danza, della musica e del cinema, passando per il divismo e per i tanti artisti che usano il proprio corpo per comunicare o per essere arte.

Si parte da Oscar Wilde e Gabriele D'Annunzio per raccontare dell’eccentricità della Marchesa Casati e dei travestimenti della Contessa di Castiglione, dei futuristi e dei surrealisti che con Dalì ebbero un prim’attore stravagante come le sue muse e la moglie Gala; e poi: Isadora Duncan e l’ambigua Tamara de Lempicka, il cinema muto, Rodolfo Valentino, Josephine Bacher, le tante star di celluloide, le luminose Marlene Dietrich, Greta Garbo, Marilyn Monroe… E ancora: gli eroi dannati della vita on the road, James Dean, il “selvaggio” Marlon Brando, Elvis Presley, i Rolling Stones, i Beatles e Yoko Ono, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Carnaby Street, Mary Quant con la sua minigonna e l’acconciatura a caschetto di Vidal Sassoon che diede impulso alla versione italiana bionda di Caterina “casco d’oro” Caselli; accanto, le nuove lolite alla Bardot, i protagonisti dei favolosi anni Sessanta e dell’epoca ribelle, le factory girls di Andy Warhol e la sua profezia che “Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti”. Vicino, tanti esponenti della Body Art, Urs Luthi, Ontani, le irrefrenabili Louise Bourgeois, Carol Rama e la poetica, intensità di Alda Merini che svetta sulle tante pop star più attuali, da a quelle del Glam Rock, a Madonna e alla sfrontata rotondità di Beth Ditto… E mentre l’artista Enzo Cucchi, l’errante, si avvicina, Francesco Vezzoli ricama…
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram