Giulio Asso - Femme Fatale 3197 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche

Padova - dal 17 aprile al 15 maggio 2010
Giulio Asso - Femme Fatale


 [Vedi la foto originale]
LA YOUNG PHOTO GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riviera Tito Livio 35 (35123)
layoungphotogallery@yahoo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una nuova mostra fotografica di Giulio Asso dal titolo "Femme Fatale". La mostra è presso La Young Photo Gallery di Riviera Tito Livio 35, Padova presso lo Sfizio Break Bar.

orario: da luned' a sabato ore 7.00-24.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Padova:
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 17 aprile 2010. ore 18.30
curatori: Sergio Bergami, Roberta Lotto
autori: Giulio Asso
patrocini: RCE Padova
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La seconda mostra dell’ architetto Giulio Asso - conosciuto con lo pseudonimo Verdekiwi - riguarda il tema della “Femme Fatale”. Le donne sono forti, auliche, eleganti e perfettamente consapevoli del loro fascino. E, in quanto consapevoli del loro potere sull’uomo, molto pericolose.
Queste foto di Verdekiwi si caratterizzano anche per la presenza insistente dell'architettura che incornicia e orienta gli scatti. In molti casi è proprio l'ambientazione in luoghi abbandonati che diventa co-protagonista della foto accanto all’immagine della modella, rappresentando non solo una scenografia decadente, ma un'allegoria sulla decadenza dell'animo umano. L’uso sapiente della luce e ancor di più delle zone d’ombra è un ulteriore elemento descrittivo che crea una suggestione evocante dalla quale emerge il corpo delle modelle.
La figura femminile illumina allora lo scatto riscattando l’ambiente degradato: in luoghi dove ormai tutto sembra perduto ecco che appare e domina con il suo corpo e la sua seduzione la “Femme Fatale”.
Le donne secondo Verdekiwi, in conclusione, sono figure potenti e quasi mitiche. Superiori a tal punto che l'uomo può solo inchinarsi a guardarle, mentre loro, sprezzanti e silenziose consapevoli del loro potere, decidono delle sorti del maschio. E gli scatti qui presentati rendono perfettamente questa interpretazione della femminilità.
 
trovamostre