Giulio Asso - Femme Fatale 3227 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CURATORIAL PRACTISES
la lavagna
senti chi parla
la lavagna
reading room
reading room
Exibart.segnala
sondaggio
Il Guardian ha stilato una classifica dei dieci musei più belli del mondo, nei quali è stata premiata la Centrale Montemartini di Roma. Poi ci sono il Museo del Mobile di Vienna, quello delle Borse di Amsterdam. la Casa Museu Medeiros di Lisbona, la Caixa Forum di Madrid e altri. Se a decidere foste voi, quale museo mettereste sul podio?
• La Galleria Borghese di Roma
• La Fondazione Beyeler di Basilea
• altri
• Il Centre Pompidou di Parigi
• Il New Museum di New York
• Il Guggenheim di Bilbao
• Il Kiasma di Helsinki
recensioni
rubriche

Padova - dal 17 aprile al 15 maggio 2010
Giulio Asso - Femme Fatale


 [Vedi la foto originale]
LA YOUNG PHOTO GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riviera Tito Livio 35 (35123)
layoungphotogallery@yahoo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una nuova mostra fotografica di Giulio Asso dal titolo "Femme Fatale". La mostra è presso La Young Photo Gallery di Riviera Tito Livio 35, Padova presso lo Sfizio Break Bar.

orario: da luned' a sabato ore 7.00-24.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Padova:
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 17 aprile 2010. ore 18.30
curatori: Sergio Bergami, Roberta Lotto
autori: Giulio Asso
patrocini: RCE Padova
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La seconda mostra dell’ architetto Giulio Asso - conosciuto con lo pseudonimo Verdekiwi - riguarda il tema della “Femme Fatale”. Le donne sono forti, auliche, eleganti e perfettamente consapevoli del loro fascino. E, in quanto consapevoli del loro potere sull’uomo, molto pericolose.
Queste foto di Verdekiwi si caratterizzano anche per la presenza insistente dell'architettura che incornicia e orienta gli scatti. In molti casi è proprio l'ambientazione in luoghi abbandonati che diventa co-protagonista della foto accanto all’immagine della modella, rappresentando non solo una scenografia decadente, ma un'allegoria sulla decadenza dell'animo umano. L’uso sapiente della luce e ancor di più delle zone d’ombra è un ulteriore elemento descrittivo che crea una suggestione evocante dalla quale emerge il corpo delle modelle.
La figura femminile illumina allora lo scatto riscattando l’ambiente degradato: in luoghi dove ormai tutto sembra perduto ecco che appare e domina con il suo corpo e la sua seduzione la “Femme Fatale”.
Le donne secondo Verdekiwi, in conclusione, sono figure potenti e quasi mitiche. Superiori a tal punto che l'uomo può solo inchinarsi a guardarle, mentre loro, sprezzanti e silenziose consapevoli del loro potere, decidono delle sorti del maschio. E gli scatti qui presentati rendono perfettamente questa interpretazione della femminilità.
 
trovamostre