Cammovie. Video art platform 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/12/2018
La cultura dell’olio d’oliva. Fino al 21 dicembre aperte le candidature per il bando OLE@ART
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CAM - CASORIA CONTEMPORARY ART MUSEUM ​ Via Calore Casoria 80026

Casoria (NA) - dal 17 aprile al 30 maggio 2010

Cammovie. Video art platform

Cammovie. Video art platform
SEZIONE IRANIAN GLANCES_Negar Tahsili IRAN_Of one essence…,2005_Video
 [Vedi la foto originale]
CAM - CASORIA CONTEMPORARY ART MUSEUM
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Calore (80026)
+39 0817576167 , +39 3475999666
info@casoriacontemporaryartmuseum.com
www.casoriacontemporaryartmuseum.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

CAMMOVIE è un recipiente multimediale, una piattaforma su cui passa la video arte di tutto il mondo, che ospiterà ogni anno quattro sezioni GLANCES (sull’IRAN), CENSURED (dai format tv italiani ai film di Jafar Panahi), MAGMART, VIDEO LOOP (selezione dai festival internazionali di video arte).
orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 sabato 17.00-20.00 venerdì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 3; ridotto € 2
vernissage: 17 aprile 2010. ore 18.30
curatori: Antonio Manfredi
autori: Resmi Al Kafaji, Simona Bassano di Tufillo, Andrea Biagioni, Christin Bolewsky, Igor Bosnjak, Paul J Botelho, Nicolas Boulard, Mladen Bundalo, Juanma Carrillo, Martux_M e Mattia Casalegno, Russell J. Chartier, Giulia Citterio, Marta Daeuble, Agricola de Cologne, Silvia De Gennaro, Elisabetta Di Sopra, Boris Eldagsen, Francesca Fini, Farhad Fozouni, Frank Gatti, David Geiss, Amirali Ghasemi, Giuseppe Girardi, Farid Jafari-Samarghandi, David Jakubovic, Behnam Kamrani, Behfar Karimi, Khosro Khosravi, Antonio Manfredi, Ami Ali Mohebbi Nejad, David Montgomery, Marta Moreno Munoz, Pasquale Napolitano, Azadek Nilchiani, Rokhshad Nourdeh, Noriko Okaku, Funda Ozgunaydin, Andrea Pagnes & Verena Stenke, Jafar Panahi, Daniela Papadia, Branko Pasìc, Alessandro Perini, Mohammad Razdasht, Emilio Rizzo, Seifollah Samadian, Fabio Scacchioli, Jasper Scheepbouwer, Rozita Sharaf Jahan, Mohammad Shirvani, Hyun Ju Song, Jinoos Taghizadeh, Negar Tahsili, Kezia Terracciano, Vladimir Todorovic, Filippos Tsitsopoulos, Zsolt Vasarhely, Debora Vrizzi, Roland Wegerer, Doug Williams, Pak Yin Wong
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il 17 aprile alle ore 18.30 il CAM apre le sue porte alla video arte. Già noto per l’attenzione al linguaggio visivo, il museo di Casoria, si trasforma in un recipiente multimediale, una piattaforma su cui passa la video arte di tutto il mondo. CAMMOVIE è il nome dell’annuale evento/contenitore che ospiterà quattro sezioni GLANCES, CENSURED, MAGMART, VIDEO LOOP. La prima edizione di CAMMOVIE (17 aprile/30 maggio 2010) a cura di Antonio Manfredi apre con un focus sull’Iran, con uno sguardo (sezione GLANCES) sulla produzione della video arte persiana. Le metafore visive, presenti in Iranian glances, si trasformano in veicolo di messaggi di protesta contro il potere oppressivo del governo e lanciano forti spunti di riflessione sulla società iraniana: dalla condizione subalterna della donna, ai giochi economici con le nazioni confinanti, dalla guerra vissuta, alle teorie legate alle torri gemelle. Il fluire delle immagini spazia dal linguaggio documentaristico a quello finemente onirico ed estraniante per 22 video, alcuni dei quali hanno partecipato ad importanti eventi occidentali (come Documenta 11), mentre altri sono il prodotto di artisti dissidenti costretti a fuggire in Europa. Accompagnerà la visione dei video d’arte un’installazione dedicata a Neda Aqa-Soltan, una delle ragazze uccise durante gli scontri a Teheran contro il governo iraniano, la cui immagine ha fatto il giro del mondo divenendo simbolo dell’onda verde persiana. Faranno da cornice ironica le sagaci vignette di Simona Bassano di Tufillo che rivelano le difficoltà delle donne che indossano il burqua. Interverrà con una performance Rokhshad Nourdeh, artista iraniana che vive a Parigi. Durante la mattinata del 17 aprile, l’artista camminerà per le strade di Napoli distribuendo volantini con testi da lei prodotti, portando successivamente sul Vesuvio una bandiera colorata, simbolo dell’unità. Il camminare di Rokhshad Nourdeh è come riproporre in un altro luogo l’incedere della fiumana di persone che ha popolato le strade dell’Iran negli ultimi mesi. La performance continuerà in serata (17 aprile ore 19.30) presso il CAM durante l’inaugurazione di CAMMOVIE. L’approfondimento culturale tocca anche un’altra sezione della piattaforma, CENSURED, con la visione dei film di Jafar Panahi vietati in Iran. Il regista iraniano è stato arrestato il primo marzo 2010 per la sua attività di opposizione al regime iraniano, per il progetto di un film sugli scontri. Non manca una strizzatina d’occhio anche alla censura di casa nostra, ai format scomparsi dalla televisione e riapparsi in rete (Raiperunanotte). Le altre due sezioni sono un’altra porta aperta verso la produzione artistica nel campo video, un’ennesima indagine esplorativa del museo di Casoria. La sezione VIDEO LOOP presenta una selezione di video provenienti da alcuni dei più importanti festival internazionali di video arte: Optica Festival_Spagna, Streaming Video Festival_Olanda, Video Play Festival_Argentina, Videoholica Festival_Bulgaria, NamaTRE.BaProject_Bosnia Herzegovina, VideoChannel_Germania e AllArtNow New Media Art Festival_Siria in collaborazione con Visualcontainer_Italia. Mentre la sezione MAGMART riconferma la presenza al CAM, che ne è partner, del noto festival internazionale alla sua 5° edizione. Saranno presentati i 30 video vincitori del festival che entreranno a far parte della collezione permanente del CAM.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram