Upside down - Maurizio Savini 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO VALENTINI ​ Via Iv Novembre 119a Roma 00187

Roma - dal 15 aprile al 25 maggio 2010

Upside down - Maurizio Savini

Upside down - Maurizio Savini

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO VALENTINI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via IV Novembre 119a (00187)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’opera Suffer apre un ciclo di quattro installazioni d’artista a Palazzo Valentini, che si snoderanno in quattro diverse date tra aprile e ottobre 2010.
orario: da Lunedì a venerdì 10.00 - 19.00; sabato 10.00 - 13.30; chiuso la domenica
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 aprile 2010. ore 18
catalogo: edito da Livello 4 Editrice.
ufficio stampa: CIVITA GROUP
curatori: Claudio Libero Pisano
autori: Maurizio Savini
note: Promossa dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura – in collaborazione con il CIAC di Genazzano
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’opera Suffer apre un ciclo di quattro installazioni d’artista a Palazzo Valentini, che si snoderanno in quattro diverse date tra aprile e ottobre 2010.


Il primo appuntamento (a partire dal 15 aprile) è con Maurizio Savini, che ha creato per lo spazio della Sala Stampa, al pianterreno di Palazzo Valentini, un grande plastico del Palazzo dal quale escono una serie di mappamondi che vengono gonfiati a ritmo alterno, cosicché il modellino del Palazzo non fa che mimare il grande respiro del mondo. L’edificio stesso diventa così l’emblema del pianeta nel quale viviamo e siamo quotidianamente immersi. I numerosi mappamondi, che stanno accanto e che respirano in modo alterno, null’altro sono che un invito a guardare le cose sempre da un punto di vista “altro”, e non necessariamente il più rassicurante. Upside down appunto, ovvero guardare le cose “sottosopra”, può essere l’inizio di una rinnovata regolarità piuttosto che il disordine.


La mostra viene inaugurata dal Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, giovedì 15 aprile alle ore 18, presso la sala Stampa di Palazzo Valentini e resterà aperta fino al 25 maggio.


Promossa dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura – in collaborazione con il CIAC di Genazzano –, la mostra è parte di un più ampio progetto che comprende quattro installazioni d’artista, della durata di un mese ciascuna, a cura di Claudio Libero Pisano.


In Upside Down è la storia stessa di Palazzo Valentini, in quanto luogo fisico, ad esser messa in risalto, attraverso la creazione di un ideale “ponte” tra la sua storia e gli esiti della ricerca contemporanea, grazie anche alle opere di quattro artisti di chiara fama: Paolo Canevari; Marina Paris; Maurizio Savini; Donatella Spaziani.



Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.



Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.













La fisicità del seicentesco Palazzo è, insieme, contenitore di esperienze artistiche che formano una “mappa” tra passato e presente in una continuità e linearità che solo una città come Roma, assieme al suo territorio circostante, riesce a riprodurre nel tempo ininterrottamente.

Queste quattro installazioni d’artista renderanno il Palazzo protagonista per trasformarlo di volta in volta al fine di evocarne la forza simbolica, ora in modo ironico ora attraverso la monumentalità di un singolo elemento che ne evidenzi l’essenza della Memoria nel corso dei secoli. Il punto di vista di ogni artista solleciterà nel visitatore queste diverse linee di lettura, costituite da un indissolubile legame nel tempo.


Il Progetto ABC, fortemente voluto dal Presidente della Provincia di Roma, è nato per sostenere le eccellenze culturali e territoriali al fine di avvicinare i cittadini, specie i più giovani, al “bello” e ai suoi luoghi fisici.



In occasione dell’ultima inaugurazione sarà presentato un breve catalogo edito da Livello 4 Editrice.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram