Sara Alavi - Walking 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KUNSTHAUS ​ Via Giovanni Pierluigi Da Palestrina 21 Roma 00193

Roma - dal 16 al 30 aprile 2010

Sara Alavi - Walking

Sara Alavi - Walking

 [Vedi la foto originale]
KUNSTHAUS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Pierluigi Da Palestrina 21 (00193)
+39 3394852954
info@kunsthaus.it
www.kunsthaus.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le opere di questa giovane artista hanno una grande forza simbolica, pluralità di relazioni possibili e il loro effetto è sconcertante. Lo spettatore che si avvicina ai mondi creati da Sara Alavi
orario: Dal lunedi al venerdi 16.00 - 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 16 aprile 2010. ore 18.30
autori: Sara Alavi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Giocando, a quanto pare, con le forme spaziali, usando elementi che potrebbero appartenere sia ad edifici e oggetti che ad esseri umani, Sara Alavi crea nei suoi dipinti dei mondi che appaiono fantastici e giocosi, ma nello stesso tempo ben ordinati - ordinati però piuttosto secondo la logica dei sogni, e a volte anche degli incubi.

Le opere di questa giovane artista hanno una grande forza simbolica, pluralità di relazioni possibili e il loro effetto è sconcertante. Lo spettatore che si avvicina ai mondi creati da Sara Alavi,

e invitato a diventare attivo a pensare ad impegnare la mente e la sua immaginazione a rimuovere cose sopite messe da parte. Ciò che sta sotto la superficie è portato alla luce dall’ artista attraverso forme semplici e straordinarie, di grande espressività

e forza rivelatrice.

Guardando i dipinti di Sara Alavi, ci si rende conto anche della fragilità del essere umano e della fragilità del suo mondo che egli stesso mette in pericolo, del suo stato estremamente civilizzato ma non più sostenuto da una cultura e da una visione d'insieme, minacciato da un progresso tecnologico scatenato.




Nata a Tehran (Iran) il 12/9/1979, Sara Alavi si è laureata in pittura presso l’Accademia delle Belle Arti di Tehran "ALZAHRA". Attualmente studia grafica multimediale presso la Facoltà di Architettura, Sede Valle Giulia dell'Università "La Sapienza" di Roma.

Sara avverte l’esigenza di esprimersi attraverso il linguaggio pittorico fin da bambina, quando dava forma con lo strumento della linea alle storie fantastiche nate dall'osservazione di forme non definite, come macchie sul soffitto. Oggi queste storie nascono delle sue emozioni e del suo stato d'animo, e si trasformano in sculture o pitture che lei usa come punto di partenza della propria riflessione.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram