Le origini del libro ebraico in Italia 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUNICIPIO ​ Piazza Del Municipio 2 Ferrara 44100

Ferrara - dal 17 al 30 aprile 2010

Le origini del libro ebraico in Italia

Le origini del libro ebraico in Italia

 [Vedi la foto originale]
MUNICIPIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Municipio 2 (44100)
www.comune.fe.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Non solo libri da acquistare e leggere oggi, ma anche da ammirare in quanto esempi della grandezza dell'editoria ebraica del passato.
vernissage: 17 aprile 2010. presso il Salone di onore
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Gadi Luzzatto Voghera
patrocini: del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Provincia e del Comune di Ferrara e dell'Unione delle Comunità Ebraiche in Italia e con il supporto organizzativo di Ferrara Fiere
note: in occasione della prima Festa del libro ebraico in Italia, proposta dal MEIS - Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah
genere: documentaria
web: www.festalibroebraico.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Non solo libri da acquistare e leggere oggi, ma anche da ammirare in quanto esempi della grandezza dell'editoria ebraica del passato.
A Ferrara, dal 17 al 21 aprile, in occasione della prima Festa del libro ebraico in Italia, proposta dal MEIS - Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Provincia e del Comune di Ferrara e dell'Unione delle Comunità Ebraiche in Italia e con il supporto organizzativo di Ferrara Fiere, si potrà ammirare una importante mostra dedicata alle origini del libro ebraico..

La mostra, a cura di Gadi Luzzatto Voghera, sarà ospitata presso il Salone di onore del palazzo del Municipio e resterà aperta dal 18 al 30 aprile.
Nell'ebraismo il libro ha goduto sempre della massima importanza. Nel corso dei millenni si è assistito a due passaggi fondamentali nei modi "materiali" di proporre i testi: fra l'VIII e il IX secolo si è passati dalla forma del rotolo pergamenaceo a quella del codice rilegato, mentre nella prima età moderna si è registrato il passaggio dal testo manoscritto al volume a stampa. La mostra si occupa di questo secondo momento cruciale. La stampa assunse subito un valore rilevante sia sul piano della diffusione dei testi tradizionali sia in rapporto alle ricadute sociali e culturali determinate da questo sviluppo tecnologico.
In tale contesto, l'Italia giocò un ruolo centrale sul piano tanto qualitativo quanto quantitativo. A partire da 1475, anno nel quale a Reggio Calabria venne stampato il primo libro ebraico al mondo, è impossibile fare una storia dell'editoria ebraica nel suo insieme senza dedicare un ampio spazio al ruolo centrale assunto dagli stampatori (ebrei e cristiani), dagli intellettuali, dagli artigiani e dai commercianti che operarono in Italia rendendola, per un secolo e mezzo, la patria privilegiata del libro a stampa.
La mostra rende accessibile tesori dell'editoria ebraica troppo spesso chiusi nelle biblioteche. Essa aiuterà il visitatore a capire come la stampa abbia mutato il testo ebraico e il suo utilizzo e a fargli comprendere perché attorno alla stampa e al rogo del Talmud e di altri libri ebraici voluta dall'Inquisizione (1553) si sia giocata gran parte della storia culturale dell'Italia ebraica del passato millennio.
I volumi in mostra provengono dai fondi della Biblioteca Ariostea di Ferrara, dal Centro bibliografico dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, dalle Comunità ebraiche di Ferrara e di Padova e da collezioni private.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram