Salvatore Lovaglio - Incisioni 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO ARTE FUORI CENTRO ​ Via Ercole Bombelli 22 Roma 00149

Roma - dal 27 aprile al 14 maggio 2010

Salvatore Lovaglio - Incisioni

Salvatore Lovaglio - Incisioni - -
2007 - Striscia di fuoco
 [Vedi la foto originale]
STUDIO ARTE FUORI CENTRO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ercole Bombelli 22 (00149)
+39 065578101
info@artefuoricentro.it
www.artefuoricentro.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Salvatore Lovaglio presenta una serie di lavori recenti, tutti realizzati in grandi formati, con l’acquatinta, l’acquaforte, il carborundum e la cera molle.
orario: dal martedì al venerdì dalle 17,00 alle 20,00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: libero
vernissage: 27 aprile 2010. alle ore 18,00
catalogo: in galleria. a cura di Loredana Rea
curatori: Loredana Rea
autori: Salvatore Lovaglio
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra, è il terzo appuntamento di Sguardi eccentrici, ciclo tematico di approfondimento, ideato dal critico Loredana Rea in occasione dei dieci anni di attività dello spazio espositivo.
Nell’arco di tempo compreso tra febbraio e giugno sei artisti – Salvatore Lovaglio, Alfa Pietta, Salvatore Giunta, Oriano Zampieri e Giancarla Frare – differenti per formazione, scelte operative, metodologie espressive e progettualità di lavoro, si confrontano per evidenziare l’importanza di una pratica di continuo e ricercato sconfinamento, strettamente connessa alla molteplicità linguistica della sperimentazione contemporanea. Quello proposto è dunque un percorso assolutamente permeabile in cui gli artisti invitati presentano le loro opere come i segni inequivocabili della complessa articolazione di un mosaico linguistico capace di creare interessanti commistioni, raffinate decontestualizzazioni e seducenti alterazioni, per esprimere tutta la disorientante molteplicità di questo nostro tempo.
L’intento critico è quello di riflettere sul bisogno di contaminazione, che sembra caratterizzare in maniera assolutamente determinante la ricerca contemporanea, intesa non solo come volontà di uscire da canoni espressivi e tecnici considerati tradizionali per raggiungere una maggiore libertà di azione, ma anche come necessità di focalizzare l’attenzione su dettagli che altrimenti sfuggirebbero, per delineare i confini di un territorio ampio in cui prospettive differenti trovano sempre nuove declinazioni.
Per questa esposizione Salvatore Lovaglio presenta una serie di lavori recenti, tutti realizzati in grandi formati, con l’acquatinta, l’acquaforte, il carborundum e la cera molle. L’incisione gli ha permesso di trasformare l’istintiva irruenza del gesto pittorico in una operatività misurata dai tempi lunghi delle morsure degli acidi per creare un linguaggio che, pur conservando l’originaria energia nell’esprimere le emozioni del proprio sentire, si è liberato da ogni forzatura espressionistica.
Nel suo percorso di ricerca, infatti, parallelamente ai grandi dipinti dall’intensa espressività, l’incisione rappresenta negli ultimi anni un importante mezzo espressivo. Dal 2006, con la tecnica dell’incisione, usata negli anni precedenti solo saltuariamente e sempre come supporto all’opera pittorica, l’artista sta realizzando una serie di grandi fogli, ispirati alle forme del paesaggio, che pur suggerendo uno stretto legame con l’opera pittorica evidenziano una loro specifica autonomia. La materia cromatica densa e contemporaneamente liquida evoca la terra impastata di rugiada, il cielo colmo di luce e l’acqua pulsante di vita, a suggerire la necessità di riscoprirsi parte della natura.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram