Sambo Gassner / Maya Zignone - FareLuce 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION ​ Via Ur Strdón 11 Cademario 6936

Cademario () - dal 28 aprile al 29 maggio 2010

Sambo Gassner / Maya Zignone - FareLuce

Sambo Gassner / Maya Zignone - FareLuce
Opera di Sambo Gassner
 [Vedi la foto originale]
NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ur Strdón 11 (6936)
+41 0919118809
info@nellimya-exhibition.ch
www.nellimya-exhibition.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

FareLuce é la seconda fase di un progetto espositivo di ampio respiro,chiamato OUTRENOIR e curato da Martina Cavallarin, Alessandro Trabucco e Cristina Trivellin, rivolto all’arte di luce e alla new media art: sperimentazione artistica con strumenti contemporanei.
orario: Lu-Mer-Ven: 10_14
martedì 15_19
giovedì 15_22
sabato 10_17
su appuntamento +41(0)79 626 70 38
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 aprile 2010. dalle 17 alle 20
catalogo: il catalogo OUTRENOIR, riassuntivo di tutte le mostre, uscirà nel 2011
curatori: Cristina Trivellin
autori: Sambo Gassner, Maya Zignone
note: Ogni giovedì dalle 20 alle 22 appuntamenti di Arte_Terapia
genere: arte contemporanea, doppia personale
email: gallery@myalurgo.ch

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
FareLuce a cura di Cristina Trivellin

Fare Luce significa comprendere, evidenziare, svelare il senso profondo di un fatto, un’idea, un concetto. Lo fa lo studioso, lo scienziato come il filosofo. Lo fa chi si percepisce nelle tenebre e cerca lo spiraglio per uscirne, per vedere, nella realtà e nella metafora. In questo caso è l’artista a fare luce sulle cose, accendendo dettagli che altrimenti passerebbero inosservati.
Il suo procedere vigile e lento, fuori dalle logiche accelerate e frenetiche della quotidianità, ci conduce nei reali più celati, sotto la pelle dell’apparenza.
Sambo Gansser è affascinato dagli abissi e da quel mondo variegato e complesso che abita gli oceani: là, dove l’occhio umano vede solo buio immenso, c’è un brulicare di vita e di forme. Creature, migliaia di creature che popolano un ambiente sommerso e invisibile. Paiono esseri viventi così diversi da noi: eppure, nelle nostre cellule conserviamo tracce del brodo primordiale e di tutti quei microrganismi che dalla preistoria a oggi si sono evoluti, adattandosi alle profondità. Il desiderio di Gansser è proprio quello di “fare affiorare” dagli abissi la bellezza di queste vite, entrando in relazione con esse attraverso la rappresentazione artistica; visualizzare l’invisibile e accrescere esponenzialmente la nostra conoscenza del mondo e dell’altro, ri-trovando le ancestrali origini che ci accomunano. La tecnologia concorre come vettore ideale e Sambo Gansser conosce e utilizza tutte le possibilità offerte dalla microilluminazione: diodi ad emissione luminosa, pannelli fotovoltaici, sensori e tutto ciò che gli permette di riprodurre, attraverso le opere, l’affascinante regno degli organismi bioluminescenti.
Maya Zignone, per differenti strade, fa luce sull’invisibile e sul vuoto, per farci vedere quanto invece di pieno esiste nelle pieghe di tutto ciò che non cogliamo o non vogliamo cogliere. Improvvisi bagliori, scatti di luce ed energia, rompono la consuetudine visiva e percettiva catapultando lo spettatore in una visione nuova, un primigenio approccio che coinvolge tutti i sensi e sembra sfuggire al determinismo razionalista. La luce è intesa come energia, elemento indispensabile a trasformare il tracciato luminoso in un moto inarrestabile. Una linea di luce al neon, a tratti spezzata, pare un grafico tracciato sull’anonimato di una figura umana che svapora nella caotica corsa verso la solitudine esistenziale. Talvolta il neon è protagonista assoluto in una teoria di linee blu, che riconciliano spazi, tempi ed energie creando campi magnetici in cui lo spettatore può entrare e lasciarsi permeare dal silenzio e dalla purezza sommessa della radiazione luminosa. Maya Zignone si appropria dello spazio e lo penetra della propria dimensione immaginata. Una condizione di transitorietà, in continua progressione e ridefinizione. Natura e cultura, umano e non umano: guardando alla storia, pensiamo al medioevo come susseguirsi di “secoli bui” senza renderci conto che, malgrado le illusioni illuministe, l’approccio razionale non ha fatto luce su molti aspetti, che restano dunque oscuri. Siamo entrati in una nuova era, i vecchi schemi vanno abbattuti. FareLuce è dare un diverso andamento alle cose, una spinta catartica alle stanche abitudini e ai pensieri ridondanti che ci immergono totalmente nel già visto e già sentito. Per una visione aumentata, possibile spiraglio verso una coscienza più estesa e un’umanità più consapevole.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram