Paola Crema - Frammenti di Atlantide. Piccole sculture e gioielli 3094 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASINA DELLE CIVETTE - VILLA TORLONIA ​ Via Nomentana 70 Roma 00161

Roma - dal 27 aprile al 20 giugno 2010

Paola Crema - Frammenti di Atlantide. Piccole sculture e gioielli

Paola Crema - Frammenti di Atlantide. Piccole sculture e gioielli
CASINA DELLE CIVETTE - VILLA TORLONIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nomentana 70 (00161)
+39 0644250072
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

la mostra presenta una parte della collezione dei gioielli-scultura e delle sculture-gioiello realizzati dall’Artista nel corso di questi ultimi anni con la tecnica dell’elettroformatura, ovvero per via elettrolitica: si tratta di pezzi unici nei quali l’argento, materia prediletta dall’artista, si sposa a elementi naturali, quali i cristalli di rocca, perle e giade, madreperle e conchiglie, coralli, materiali tutti offerti da madre Natura e resi da Paola Crema ricercati prodotti di una gioielleria nuova, virtuosa e ‘virtuale’.
orario: dal martedì alla domenica, ore 9:00 - 19:00; la biglietteria chiude alle 18:15. Chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 3,00; ridotto € 1,50 Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente La biglietteria si trova all'ingresso della Villa (via Nomentana 70)
vernissage: 27 aprile 2010. ore 19
autori: Maria Grazia Massafra
genere: design, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 27 aprile fino al 20 giugno, la Casina delle Civette, Musei di Villa Torlonia a Roma, dedica una mostra a Paola Crema, l’artista che ha tradotto in raffinati gioielli e preziose sculture le suggestioni del mito di Atlantide, dando corpo a forme dense di significati simbolici e allusivi, cariche di pathos.

La mostra Frammenti di Atlantide. Piccole sculture e gioielli di Paola Crema, presenta una parte della collezione dei gioielli-scultura e delle sculture-gioiello realizzati dall’Artista nel corso di questi ultimi anni con la tecnica dell’elettroformatura, ovvero per via elettrolitica: si tratta di pezzi unici nei quali l’argento, materia prediletta dall’artista, si sposa a elementi naturali, quali i cristalli di rocca, perle e giade, madreperle e conchiglie, coralli, materiali tutti offerti da madre Natura e resi da Paola Crema ricercati prodotti di una gioielleria nuova, virtuosa e ‘virtuale’. Le elaborazioni fantasiose che danno vita ai gioielli e alle sculture di Paola Crema, come ben evidenziato nei pezzi esposti alla mostra, provengono da un mondo intimo e immaginario, in cui l’Autrice si immerge, scava, scopre, in una operazione che lei stessa definisce di ‘archeologia virtuale’: ecco gli animali fantastici, i volti immoti di un passato sommerso, i frammenti di un continente mitico; ecco le forme simbolo di periodi artistici trascorsi, dal Manierismo all’Art Nouveau, contaminazioni che emergono dalle linee e dalle suggestioni dei gioielli-scultura e delle sculture-gioiello, opere di insospettata leggerezza.

La mostra presenta a Roma, per la prima volta in una personale, l’artista Paola Crema, fiorentina, ‘capace di continuo rinnovamento’, dall’antiquariato alle più raffinate e colte espressioni dell’arte applicata, costantemente alla ricerca di realizzazioni inconsuete e intriganti, già nota per la sua partecipazione a importanti mostre, in Italia e all’estero.

L’Artista si cimenta anche nella grande dimensione ed ha al suo attivo una statuaria in bronzo di grande complessità, espressione di una ‘riscoperta archeologica’ concettuale, opere che di recente sono state ospitate al Museo Archeologico Nazionale di Firenze nella mostra “Antinoo, dopo e oltre”.

La Casina delle Civette, luogo intriso di ‘magia’, interviene a sottolineare le valenze fantastiche e magiche dell’opera di Paola Crema. Sede espositiva ricca di espressioni artistiche e di ‘preziosi’ elementi decorativi, la Casina delle Civette a Villa Torlonia ospita da sempre singolari mostre di Arti Applicate. Come sottolinea la Direttrice della Casina delle Civette, Maria Grazia Massafra, “In questa casa-museo, dove tutto è stato pensato nei minimi particolari, dal pavimento, al lampadario, agli stucchi, ai rivestimenti in maiolica, alle boiseries, alle vetrate delle finestre e degli ambienti interni, i gioielli-scultura e le piccole sculture-gioiello di Paola Crema si inseriscono armonicamente e sembrano parlare lo stesso linguaggio simbolico e metaforico, con un rimando continuo agli stessi elementi decorativi”.

La mostra, a cura di Maria Grazia Massafra, con la collaborazione dell'architetto Massimo Domenicucci e del suo studio per l'allestimento, rientra nelle iniziative culturali dei Musei di Villa Torlonia del Comune di Roma, ed è organizzata dal Centro Internazionale Antinoo per l'Arte in collaborazione con il Centro di Documentazione Marguerite Yourcenar. La mostra è sotto il patrocinio della Villa Dipartimentale Marguerite Yourcenar al Mont Noir, nel Nord della Francia ed è inserita nelle celebrazioni del 30° anniversario dell'elezione all’Accademia di Francia di Marguerite Yourcenar.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram