Pino Chimenti. Microcosmi 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO D'ARS ​ Via Sant'agnese 12/8 Milano 20123

Milano - mer 26 maggio 2010

Pino Chimenti. Microcosmi

Pino Chimenti. Microcosmi

 [Vedi la foto originale]
STUDIO D'ARS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sant'Agnese 12/8 (20123)
+39 346 6292285
danieledecia75@gmail.com
daniele-decia.tumblr.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Grazia Chiesa, Gillo Dorfles e Gabriele Mazzotta presentano la monografia di Pino Chimenti presso lo Studio D’Ars di Milano. Sarà presente l’artista.
orario: martedì ore 18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 26 maggio 2010. ore 18
catalogo: in galleria. Presentazione di Gillo Dorfles, Edizioni Gabriele Mazzotta, pp. 99, 50 illustrazioni, € 30
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: MAZZOTTA
curatori: Gillo Dorfles
autori: Pino Chimenti
genere: presentazione, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Pino Chimenti è un creatore di utopie,
è un nostalgico dell’ebbrezza delirante del sogno,
è il cartografo d’un mondo che ha attraversato una serie di scosse telluriche,
è il geografo d’una terra capovolta e lacerata
(Janus, Labirinti onirici)


Mai legato ad alcuna tendenza artistica, la pittura di Pino Chimenti si caratterizza per l’estrema sofisticatezza decorativa e per l’inventiva fantastica e fabulatrice. Gillo Dorfles sostiene che quello sviscerato da Chimenti è un “microcosmo, o anzi una vasta favola ben circoscritta nella quale albergano creature arcane e conturbanti. Si tratta di una ricchissima famiglia di personaggi irreali e fantasiosi, che sarebbe troppo facile accostare a certo surrealismo o alle opere d’un Mirò o d’un Klee.”. Questi arcani fumetti, definiti da un tratto minuzioso e preziosissimo, sembrano i protagonisti di miti e leggende perse nel tempo. Un velo di sana ironia ricopre questo immaginoso e vitale magma primordiale.

Nato nel 1952, Chimenti ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Urbino esordendo nel panorama artistico italiano intorno alla metà degli anni Settanta.
Nei primi anni Ottanta partecipa agli Incontri Internazionali di Arte Contemporanea “Anacapri”: questioni delle arti durante i quali conosce Gillo Dorfles, Enrico Baj, Toti Scaloja e Joe Tilson.
Nel 1985 appare tra gli artisti scelti dalla critica nel Catalogo dell'Arte Moderna Italiana n. 20, Edizioni Mondadori. Successivamente espone alla Biennale del Sud – Rassegna d'Arte Contemporanea (Napoli, 1988), alla Rassegna Le donne, i cavalier, l'arme e gli amori tenutasi alla “Galleria dell'Istituto Italiano di Cultura” (Il Cairo, 1997) e presso la XIV Quadriennale, Anteprima (Napoli, 2003-2004). Vengono organizzate anche numerose personali: Galleria “L’Idioma” (Ascoli Piceno, 1991), Galleria “Ammiraglio Acton” (Milano, 1997) e “Gallery@49” (New York, 2003).

La monografia, pubblicata nel 2010 dalla casa editrice Mazzotta, presenta una prefazione di Gillo Dorfles, un’ampia antologia critica (testi di Janus, Giorgio Cortenova, Flaminio Gualdoni, Tommaso Trini, Paolo Balmas, Valerio Dehò, Luca Beatrice, Francesco Gallo)e una selezione di opere (dal 1984 al 2008). Completano il volume una nutrita serie di apparati: biografia, una bibliografia e l’elenco delle esposizioni personali e collettive.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram