Rino Barillari - Divas: dalla dolce vita agli ultimi scoop 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO GUINIGI ​ Via Guinigi 21 Lucca 55100

Lucca - dall'undici giugno al 22 agosto 2010

Rino Barillari - Divas: dalla dolce vita agli ultimi scoop

Rino Barillari - Divas: dalla dolce vita agli ultimi scoop
Sofia Loren e Marcello Mastroianni
 [Vedi la foto originale]
PALAZZO GUINIGI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Guinigi 21 (55100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

in mostra le grandi dive negli scatti rubati da Rino Barillari "the king of Paparazzi".
orario: da lunedì a giovedì 10-13 / 17-20
venerdì, sabato e domenica 10-13 / 17-20 / 21-23
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 10 giugno 2010.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Rino Barillari
note: è un'anteprima assoluta organizzata dal LUCCAdigitalPHOTOfest con il Comune di Lucca, per anticipare la sesta edizione del Festival. Preview per la stampa:
mercoledì 9 giugno ore 11.30
Palazzo Guinigi, via Guinigi
Incontro con l'autore:
giovedì 10 giugno, ore 21.30
Lucca, Cortile degli Svizzeri
genere: fotografia, personale
web: www.ldpf.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si inaugura a Lucca nelle splendide sale di Palazzo Guinigi, venerdì 11 giugno, la mostra "DIVAS: dalla dolce vita agli ultimi scoop" le più belle fotografie di Rino Barillari "the king of Paparazzi".
La mostra, dedicata alle icone femminili dai mitici anni '60 ad oggi, colte dall'obbiettivo arguto e irriverente di Barillari, è un'anteprima assoluta organizzata dal LUCCAdigitalPHOTOfest con il Comune di Lucca, per anticipare la sesta edizione del Festival, che si terrà come di consueto nei prossimi mesi di novembre e dicembre e che quest'anno sarà dedicato proprio alla donna.

Rino Barillari è un fotografo che ha attraversato la Storia del nostro paese dagli anni '50 fino ad oggi. Nelle sue immagini gli anni del miracolo economico diventano sinonimo di "cronaca rosa" mentre la Hollywood sul Tevere, crea la mitica figura del "Paparazzo" consacrata da Fellini ne "La dolce vita".
La mostra rievoca le atmosfere e i volti di quell'epoca per arrivare fino ai giorni nostri, attraverso il glamour e il fascino intramontabile delle dive: Sophia Loren, Audrey Hepburn, Anna Magnani, Anita Ekberg, Ingrid Bergman, Claudia Schiffer, Sharon Stone, Lady Diana e molte altre.
Il LUCCAdigitalPHOTOfest celebra con questo evento i 50 anni dall'uscita del film di Fellini, e dedica un tributo significativo ad un personaggio, Rino Barillari, che rappresenta un modo di fare fotogiornalismo tipicamente italiano: il paparazzo - dice Barillari - non si arrende di fronte a nulla la "guera è guera"! E poi questa professione è una scelta di vita!
Lo stile fotografico di Rino Barillari è inconfondibile proprio come il suo slang angloromanesco, che si racchiude perfettamente nell'affettuoso appellativo "Er King".

Con l'occhio penetrante della sua macchina fotografica, Rino Barillari è stato testimone e al tempo stesso protagonista, della mondanità romana ingaggiando spesso spettacolari match notturni con i vip sul ring di Via Veneto.
"Sono arrivato a Roma a soli 14 anni e mi sembrava davvero l'America. Ho fotografato tutti, da Richard Burton a Liz Taylor, le ho prese da Peter O'Toole ubriaco, ho fatto a botte con Marlon Brando, karate con Aznavour".

Il fotoreporter che, grazie ai suoi memorabili scoop, è riuscito a rendere l'affresco di un'epoca, vanta con orgoglio una serie di record da Guinness dei primati: 76 macchine fotografiche fracassate, 11 costole rotte e 162 volte al pronto soccorso.
Niente retorica o effetti di maniera, dunque nella sua opera, ma la verità limpida raccontata con il rigore del cronista che fissa nell'attimo, nello scatto a sorpresa, l'immagine "rubata", un documento puntuale e fedele dei tempi.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram