Ulrich Egger - Social Housing 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA TRAGHETTO ​ Campo Santa Maria Del Giglio 2543 Venezia 30124

Venezia - dal 26 agosto al 18 ottobre 2010

Ulrich Egger - Social Housing

Ulrich Egger - Social Housing
Ulrich Egger, Social Housing, 2010, fotografia e tecnica mista, cm. 123x148x5
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA TRAGHETTO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Campo Santa Maria Del Giglio 2543 (30124)
+39 0415221188 , +39 0415221188 (fax)
galleria.traghetto@tin.it
www.galleriatraghetto.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In occasione della 12a Biennale Architettura la Galleria Traghetto è lieta di presentare una personale dell'artista meranese Ulrich Egger, nelle cui opere la rappresentazione del mondo si collega strettamente all’aridità dell’ambiente industriale, alla desolata visione di una periferia abbandonata.
biglietti: free admittance
vernissage: 26 agosto 2010. Ore 19.00
autori: Ulrich Egger
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Degrado fisico e sociale di una città che a volte non si riconosce come propria, ma che brutalmente si impone davanti ai nostri occhi ogni giorno. Ferro e cemento appaiono come lo scheletro della civiltà che avanza, una civiltà fatta di benessere e privilegi, ma anche di miseria e sacrifici. Ed è questa anima mundi che l’occhio indiscreto dell’artista ricerca, individui nascosti al mondo negli squarci degli edifici, celati dai movimenti barocchi di putrelle e tondini di ferro, abbandonati a se stessi nella invisibile intimità degli interni.

La presenza umana nelle opere di Egger anche se fisicamente inquadrata, vive della sua assenza materiale, mentre sono enfatizzati i ricordi, il vissuto, le emozioni che persistono e aleggiano tra gli spazi apparentemente abbandonati. La foto dell’ambiente entra in confronto con gli stessi materiali edili come il ferro e il cemento, che vengono inseriti sulla base fotografica e sovrapposti nella loro molteplicità materica trasformando l’opera in una testimonianza della caducità dell’architettura moderna e post-moderna quando erige un monumento alla propria materia costitutiva dimenticando che essa nasce innanzitutto per ospitare l’uomo.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram