Giovanni Frangi - Wabi-Sabi 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BARBARA PACI - VIA GARIBALDI ​ Via Giuseppe Garibaldi 45 Pietrasanta 55045

Pietrasanta (LU) - dal 6 agosto all'otto settembre 2010

Giovanni Frangi - Wabi-Sabi

Giovanni Frangi - Wabi-Sabi
Meduse, 2010
 [Vedi la foto originale]
BARBARA PACI - VIA GARIBALDI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Garibaldi 45 (55045)
+39 0584 792666
info@barbarapaciartgallery.com
www.barbarapaciartgallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un labirintico wall drawing a tema marino in cui Giovanni Frangi inserisce una serie di dipinti che dialogano con l’ambiente e con lo spettatore. “Wabi-sabi” è il titolo dell’intervento artistico presentato alla Galleria Barbara Paci di Pietrasanta.
orario: tutti i giorni, ore 10-13; 17.30-20.30 e 21.30-24
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 6 agosto 2010. ore 19.00
catalogo: in galleria. a cura di Mimmo Di Marzio
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Giovanni Frangi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Un magico acquario. Un milione di piccoli pesci che si agitano e si muovono in gruppo, come piccoli atomi impazziti, schegge di un universo biologico. Un segno leggero ed ininterrotto che coinvolge tutto lo spazio espositivo. In questo labirintico wall drawing, Giovanni Frangi inserisce una serie di dipinti che dialogano con l’ambiente e con lo spettatore, sino a creare un vero e proprio ritmo sinfonico. “Wabi-sabi” è il titolo dell’opera che, dal 6 agosto al 5 settembre, Giovanni Frangi presenta a Pietrasanta, alla Galleria Barbara Paci.
Dopo l’apertura della personale “Giardini pubblici” al MART di Rovereto, dopo l’intervento al Politecnico di Lecco, Frangi sviluppa, anche in questa occasione, le sue tematiche naturali realizzando una grande installazione ispirata alla vita nelle profondità del mare.
Artista milanese il cui percorso è contraddistinto da un uso poliedrico di linguaggi e da una particolare riflessione sulle tematiche naturali, Giovanni Frangi da tempo si mostra interessato a portare il suo lavoro ad interagire con l’ambiente che lo abita. Così nel “Richiamo della Foresta” alle Stelline di Milano (1999), o in “Nobu at Elba” a Villa Panza a Varese (2004); così a Pietrasanta dove Frangi sceglie l’opera totale; pur essendo un artista con una storia legata ad una visione in senso classico della pittura, il suo lavoro, ancora una volta, entra in sinergia con l’ambiente trasformando lo spazio della galleria in un immenso acquario.
Nella nuova storia che Frangi racconta, riprende, in realtà, il filo di un racconto interrotto da poco: da un lato il “View-Master” del fondo del mare presentato a Firenze da Poggiali nel 2006, dove aveva creato una grotta tridimensionale in gommapiuma e dall’altro di “Underwater”, realizzato per la Galleria dello Scudo di Verona nel 2007 con una serie di immagini su tele emulsionate che rappresentavano grotte, alghe, pesci rossi, pesci azzurri, anemoni e stelle marine.
“La natura da oggetto di attrazione diventa oggetto di indagine – scrive Giorgio Verzotti - e per meglio dire schermo su cui proiettare istanze psicologiche, gli effetti di uno spirito quasi visionario. Cieli e fiumi e montagne e pietre che non hanno mail il colore appropriato, come in un passaggio all’acido lisergico dipinto da una mente sovraeccitata. Da qui la forza insieme toccante e artificiosa del suo lavoro”.
Catalogo, disponibile in mostra, con testo critico di Mimmo Di Marzio.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram