Osvaldo Licini - I capolavori 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Via Magenta 31 Torino 10128

Torino - dal 23 ottobre 2010 al 20 marzo 2011

Osvaldo Licini - I capolavori
[leggi la recensione]

Osvaldo Licini - I capolavori
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Magenta 31 (10128)
+39 0114429518 , +39 0114429550 (fax)
gam@fondazionetorinomusei.it
www.gamtorino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra antologica dedicata a Osvaldo Licini (Monte Vidon Corrado, 1894 - Ascoli Piceno, 1958), maestro del Novecento italiano e internazionale e rappresentante di spicco dell’arte astratta, presenterà al pubblico i cento capolavori dell’artista.
orario: martedì - domenica 10-18 chiuso lunedì. La biglietteria chiude un’ora prima. Venerdì 24 dicembre APERTO dalle 10.00 alle 14.00 (chiuso il pomeriggio)

Sabato 25 dicembre CHIUSO

Domenica 26 dicembre APERTO dalle 10.00 alle 18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 7,50 ridotto € 6,00 Dal 1 febbraio al 3 marzo 2011 il costo del biglietto per visitare la mostra di Osvaldo Licini e il nuovo percorso di fotografia è di 4 euro.
vernissage: 23 ottobre 2010. ore 18
editore: ELECTA
ufficio stampa: Daniela Matteu 011 4429523 daniela.matteu@fondazionetorinomusei.it; ufficio.stampa@fondazionetorinomusei.it
autori: Osvaldo Licini
note: Anteprima per la stampa: venerdì 22 ottobre alle ore 12
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra antologica dedicata a Osvaldo Licini (Monte Vidon Corrado, 1894 - Ascoli Piceno, 1958), maestro del Novecento italiano e internazionale e rappresentante di spicco dell’arte astratta, presenterà al pubblico i cento capolavori dell’artista.
Lo sforzo di questa ricerca è stato di ricongiungere i dipinti che appartengono al nucleo forte di Silvia e Lorenzo Licini, quelli ora nella Pinacoteca Civica a lui intitolata, le molte opere che compongono la collezione di Bruno e Matteo Lorenzelli, oltre che di importanti collezionisti italiani, e di quei quadri di Licini che sono entrati a far parte delle principali collezioni pubbliche. Tra le opere esposte in mostra, anche i lavori dell’artista che fanno parte della collezione permanente della GAM, alcuni dei quali sono già integrati nel percorso del nuovo ordinamento museale.

Le opere esposte in mostra rappresenteranno il percorso dell’artista dagli esordi, a partire dagli anni Dieci, fino al 1958, anno della sua morte, lo stesso in cui alla XXIX Biennale di Venezia ottenne il Gran Premio Internazionale per la Pittura: principalmente quelle segnate dai suoi contatti con l’ambiente parigino, ma soprattutto quelle dell’avvicinamento all’Astrattismo internazionale, e con una sosta speciale sulla sua gloriosa variante fantastica finale, alternativa agli sviluppi dell’arte informale.

Nel 1968 la Galleria Civica d’Arte Moderna di Torino inaugurava la grande rassegna antologica dedicata alla pittura di Osvaldo Licini, che nasceva con un’ambizione altamente esaustiva. Quella mostra assegnava alla ‘consacrazione’ dell’artista un ruolo non indifferente nella politica museale della Galleria, che già nel 1957 aveva acquistato due opere per la collezione, in vista del futuro allestimento: La sera (grande), 1950 e L’inverno, 1951.

Oggi, con questa esposizione, ci si è proposti di evidenziare, con opportune sottolineature, i momenti decisivi, di più intenso livello di ricerca, e di più solitaria resa immaginifica dell’arte di Osvaldo Licini; di riconoscere la sua capacità di porsi al riparo delle molteplici istanze linguistiche che andavano affacciandosi sulla scena artistica del dopoguerra, per approdare ancora a proposte fortemente autonome e di qualità.






Il progetto di questa ampia retrospettiva è stata affidata ad un comitato scientifico di prim’ordine composto da Zeno Birolli, critico, curatore e storico dell’arte, gran conoscitore della personalità di Licini, Luciano Caramel, professore ordinario all’Università La Cattolica di Milano, Fabrizio d’Amico, già professore associato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa, Danilo Eccher e Riccardo Passoni, rispettivamente Direttore e Vice Direttore della GAM.

Un ricco catalogo edito per i tipi di Electa Mondadori di circa 240 pagine, accompagnerà l’esposizione presentando, oltre alle riproduzioni di tutte le opere esposte, i contributi critici e filologici del Comitato Scientifico.





 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram