Gilllo Dorfles 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA ​ Corsia Gambero 12/13 Brescia 25121

Brescia - dal 25 settembre al 18 dicembre 2010

Gilllo Dorfles

Gilllo Dorfles

 [Vedi la foto originale]
COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corsia Gambero 12/13 (25121)
+39 0303758583 , +39 3389528261
info@colossiarte.it
www.colossiarte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra personale dedicata a Gillo Dorfles, protagonista del Novecento, critico, saggista, artista internazionale, attraverso una selezione di opere che dedicheranno particolare attenzione a due momenti centrali della sua produzione: il periodo del Movimento Arte Concreta; dagli anni Ottanta ad oggi.
orario: Da martedì a sabato 10-12 e 15-19
Domenica 15-19
Lunedì chiuso.

(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 settembre 2010. ore 16.30
catalogo: a cura di Luigi Sansone
editore: MAZZOTTA
autori: Gillo Dorfles
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La nostra stagione autunnale prosegue con una importante esposizione di ampio respiro culturale e internazionale, dedicata a Gillo Dorfles, figura fondamentale di riferimento del Novecento e protagonista di spicco dei linguaggi astratti contemporanei.

Non avrebbe certo bisogno di presentazioni, il famoso e ancora iper-attivo esteta, filosofo e critico triestino, che ha scoperto e fatto scoprire il fascino indiscreto della modernità (erano gli anni del Mac, il Movimento d' Arte Concreta creato da Monnet, Soldati, Munari e dallo stesso Dorfles), autore di testi fondamentali quali "Nuovi riti Nuovi miti", il "Kitsch, antologia del cattivo gusto" e il volume di storia dell'arte contemporanea "Ultime tendenze dell'arte oggi" che ciascun collezionista e appassionato d’arte dovrebbe possedere nella sua biblioteca.

Definitosi egli stesso pittore senza etichette, la sua ispirazione nasce da Klee e Mirò, ma anche da quegli artisti che recensì e seguì, fra i quali Capogrossi, Fontana e Scialoja, oltre che da istanze espressioniste e surrealiste che rivendicano il potere del sogno, dell'inconscio, della libertà gestuale e segnica che deve essere intrinseca all’espressione contemporanea.

Già presente nella nostra Galleria, nel contesto della grande mostra “Luna e l'altra, the art side of the moon”, dedicata allo sbarco dell’uomo sulla luna, nel suo quarantesimo anniversario, con questa importante esposizione personale intendiamo oggi indagare a fondo il suo desiderio, quasi una sorta di rapimento, prima tenuto segreto, poi ad alterne riprese esposto e dichiarato, per la pittura.

Una passione che, unita alle sue molteplici identità di estetologo, di critico dell’arte e della società, ma anche, come è noto, di laureato in medicina e psichiatra, lo rende figura trasversale del Novecento, capace di unire conoscenze disparate e di fonderle in un linguaggio espressivo denso di rimandi e di riflessioni.
Dagli esordi metafisico-surreali all’adesione al Movimento Arte Concreta nel decennio 1948-1958, fino alle opere più recenti, realizzate tra gli anni Ottanta ed…oggi, caratterizzate da un ritorno alle forme organiche in composizioni cariche d’ironia e di energia.

Dopo la mostra antologica allestita nella prestigiosa sede di Palazzo Reale a Milano, l’esposizione che presentiamo in Galleria vuole puntare l’attenzione sulla freschezza linguistica e sulla ricchezza semantica di una ricerca pittorica che “non dimostra gli anni che ha il suo artefice”, nato nel 1910 a Trieste e tuttora vivace protagonista della cultura internazionale, dai salotti di primo novecento ai talk show ai vernissage contemporanei.

Non poteva mancare, come è oramai nostra tradizione, a completamento della mostra la presentazione di un catalogo ricco di immagini e fotografie che ritraggono e raccontano le sue vicende creative e biografiche, ulteriormente approfondite dall’esclusiva intervista su DVD, occasione unica per entrare nelle pieghe di un Gillo Dorfles che ancora riserva sorprendenti intuizioni e affascinanti potenzialità per collezionisti e appassionati d’arte.
Seguiteci…


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram