Teotihuacan. La città degli Dei 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI ​ Via Nazionale 194 Roma 00184

Roma - dall'otto novembre 2010 al 27 febbraio 2011

Teotihuacan. La città degli Dei

Teotihuacan. La città degli Dei

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nazionale 194 (00184)
+39 06489411 , +39 0668301087 (fax)
info@palazzoesposizioni.it
www.palazzoesposizioni.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, nella quale saranno esposti più di 450 oggetti straordinari, per la prima volta in Italia, darà una visione completa dell’arte, della vita quotidiana e della religione di questa importante e per certi versi enigmatica civiltà dell’antico Messico: Teotihuacan.
orario: domenica, martedì, mercoledì e giovedì: dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato: dalle 10.00 alle 22.30; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 12,50; ridotto € 10,00. Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni. Biglietto integrato Palazzo delle Esposizioni e Scuderie del Quirinale, valido per 3 giorni: intero € 18,00; ridotto
€ 15,00
vernissage: 8 novembre 2010. ore 11.30 per la stampa
catalogo: in mostra
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI, PALAEXPO
curatori: Felipe Solís Olguín
patrocini: Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica; con il Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
note: Promossa da: Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali; Azienda Speciale Palaexpo; Fondazione Roma
In collaborazione con: Consejo Nacional para la Cultura y las Artes – Instituto Nacional de Antropología e Historia - México Sponsor Palazzo delle Esposizioni: Gioco del Lotto – Lottomatica
Sponsor tecnici: Hotel Bettoja, iGuzzini, Roma Multi Servizi, Pierreci- Codess
Vettura ufficiale: Toyota Allestimento: Marisa Coppiano N4Studio
genere: documentaria, archeologia, arte etnica
email: ufficio.stampa@palaexpo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra, nella quale saranno esposti più di 450 oggetti straordinari, per la prima volta in Italia, darà una visione completa dell’arte, della vita quotidiana e della religione di questa importante e per certi versi enigmatica civiltà dell’antico Messico: Teotihuacan.
Si potranno ammirare sculture monumentali, vasi policromi, sculture in pietre pregiate, maschere e figurine fittili, oltre a eccezionali esempi di pitture murali che, sebbene antiche di 1500 anni, conservano ancora i brillanti colori originali.
I 15 grandi frammenti di pitture murali sono esposti per la prima (e probabilmente ultima) volta al di fuori del territorio messicano, mentre molti degli oggetti in mostra sono il frutto delle più recenti campagne di scavo condotte nelle rovine della grande città.
La città
Nel corso del cosiddetto periodo Classico (tra il 100 a.C. e il 650 d.C.), Teotihuacan era la più grande e potente città del continente americano. Le sue rovine, dichiarate dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità sin dal 1987, si trovano ad appena 50 chilometri a nord di Città del Messico e sono oggi dominate dalle possenti moli delle piramidi della Luna e del Sole; quest’ultima, con i suoi 215 metri di lato e i 63 metri di altezza è uno dei più grandi edifici mai costruiti nell’America precolombiana. Recenti scavi al di sotto della Piramide della Luna hanno invece messo in luce una straordinaria sequenza di ceste contenenti numerosi uomini e animali sacrificati, oltre a eccezionali manufatti in giadeite, ossidiana e conchiglia. Le due piramidi sono unite dall’ampia strada processionale del Viale dei Morti, che conduce sino alla Cittadella, un complesso architettonico al cui centro sorge il Tempio del Serpente Piumato o Quetzalcóatl, decorato da sculture policrome dell’importante divinità messicana ed eretto al di sopra di una serie di fosse contenenti più di duecento individui sacrificati.
Attorno al centro monumentale centinaia di complessi residenziali quadrangolari e ortogonali si estendono su una superficie di oltre 20 chilometri quadrati. Tutti gli edifici della possente capitale erano ricoperti di intonaci raffinati, gran parte dei quali decorati da pitture policrome. Quando, all’apice della sua fioritura, ospitava più di 150 mila abitanti, Teotihuacan era una delle più grandi e sfarzose città del mondo intero. La presenza di quartieri abitati da gruppi di stranieri come Maya e Zapotechi testimonia non solo il carattere multietnico della sua popolazione, ma anche l’ampiezza delle reti politiche e commerciali che facevano capo alla metropoli messicana.
Una potenza dell’antica Mesoamerica
Capitale indiscussa del Bacino del Messico, Teotihuacan estese la sua influenza su gran parte della Mesoamerica, dal Messico centro-settentrionale all’Honduras. Un possente esercito e il controllo del commercio di beni come la pregiata ossidiana verde del Messico centrale permisero la creazione di una vasta e capillare rete politico-commerciale. Tra il IV e il V secolo d.C. importanti personaggi di vera o presunta ascendenza teotihuacana giunsero a salire al trono di importanti e splendide città maya come Tikal e Copán, dove esibirono con orgoglio i loro legami con la metropoli dalla quale emanava una sorta di legittimità regale superiore. Dalle regioni lontane, pregiate materie prime come giadeite, mica, minerali di ferro, piume di quetzal e pelli di giaguaro affluivano a Teotihuacan dove gli artigiani locali le trasformavano in beni di lusso il cui uso testimoniava lo sfarzo e il potere cittadino.
La caduta di Teotihuacan e la persistenza della sua memoria
Alla metà del VII secolo un grande incendio che devastò il centro monumentale segnò il punto di non ritorno di un declino inarrestabile che mise fine allo splendore teotihuacano. La caduta della città innescò una sorta di “crisi pan-mesoamericana” che culminò con il celebre “collasso” maya nel corso del IX secolo. Dopo essere stata popolata per qualche secolo da poche migliaia di occupanti stranieri, Teotihuacan fu definitivamente abbandonata allo scadere del I millennio, ma non fu mai dimenticata. Il ricordo della grande e sfarzosa città fu ammantato da un’aura mitica, dando luogo al diffuso mito mesoamericano di Tollan, “il Luogo delle Canne”, la meravigliosa città governata da Quetzalcóatl che divenne un modello ideale per molte delle capitali che nei secoli successivi dominarono il Messico centrale. Quando gli Aztechi, nel XIV secolo, osservarono le rovine della città abbandonata da quasi mille anni, le diedero il nome di Teotihuacan – il “Luogo Dove gli Uomini Diventano Dei” e immaginarono che proprio lì gli Dei si fossero riuniti per creare il Quinto Sole, cioè l’astro che illumina il mondo attuale.
La mostra
Nella mostra, organizzata dall’Instituto Nacional de Antropología e Historia (INAH), sono esposti tesori provenienti principalmente dal Museo Nazionale di Antropologia della Città del Messico e dai due Musei di Teotihuacan; per la prima volta, sono inoltre esposti oggetti provenienti dal Museo Anahuacalli, nato dalla collezione privata del celebre artista messicano Diego Rivera.
La mostra è suddivisa in 7 sezioni. Il Giaguaro di Xalla, straordinaria scultura policroma rinvenuta di recente, accoglie i visitatori nella Rotonda del Palazzo delle Esposizioni. Il percorso inizia poi con una sezione dedicata alla struttura urbanistica e architettonica della città, con modelli, sculture, fregi e pitture murali; figurine e vasi in terracotta, gioielli di giadeite e sculture in pietra compongono invece la seconda sezione dedicata ai temi della politica, dell’economia e della guerra. Il sacrificio è il tema della terza sezione, dove sono esposti gli eccezionali oggetti provenienti dalle sepolture sacrificali del Tempio del Serpente Piumato e dai recenti scavi nella Piramide della Luna. La quarta sezione è dedicata poi alla religione, con sculture e raffigurazioni delle principali divinità cittadine come il Dio della Pioggia e il Dio del Fuoco. La vita quotidiana e l’artigianato sono invece i temi della quinta e della sesta sezione, mentre la settima è dedicata alle relazioni tra Teotihuacan e le altre regioni mesoamericane, esemplificate mediante l’esposizione di alcuni tra le più eccezionali opere d’arte dell’antica Mesoamerica.
In memoria di Felipe Solís Olguín (1944–2009)
Iniziatore e curatore di questa mostra era Felipe Solís Olguín, già curatore della mostra “Aztechi” giunta a Roma nel 2004. Specialista di arte e archeologia del Messico centrale e direttore del Museo Nacional de Antropología di Città del Messico, Solís Olguín è morto nell’aprile del 2009, poche settimane prima che la grande esposizione su Teotihuacan fosse inaugurata a Città del Messico. Questa mostra è dedicata alla sua memoria.
Il catalogo della mostra “Teotihuacan. La Città degli Dei”, ricco di foto a colori e corredato da saggi dei maggiori specialisti di arte e archeologia teotihuacana, sarà pubblicato da Skira.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram