Alberto Gianquinto - Giaquinto. Opere rare 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTEL SISMONDO ​ Piazza Malatesta Rimini 47900

Rimini - dal 23 ottobre all'otto dicembre 2010

Alberto Gianquinto - Giaquinto. Opere rare

Alberto Gianquinto - Giaquinto. Opere rare

 [Vedi la foto originale]
CASTEL SISMONDO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Malatesta (47900)
+39 054154094
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’intento di questa preziosa antologica che raccoglie una ventina di opere rare di Alberto Gianquinto (Venezia 1929-2003), quasi tutte provenienti dalla collezione di famiglia, è quello di dare, se possibile, il senso più completo di questo grande artista, pittore elegante, solitario e coerente, testimone di una profonda conoscenza del colore, del segno, della forma.
orario: Da lunedì a venerdì: ore 9 - 19
Sabato e domenica: ore 9 - 20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: La mostra è visitabile solo acquistando il biglietto di ingresso per la mostra Parigi. Gli anni meravigliosi o Caravaggio e altri pittori del Seicento
vernissage: 23 ottobre 2010. ore 17
catalogo: a cura di Marco Goldin
editore: LINEA D'OMBRA LIBRI
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Marco Goldin
autori: Alberto Gianquinto
note: apertura al pubblico dal 23 ottobre
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa


L’intento di questa preziosa antologica che raccoglie una ventina di opere rare di Alberto Gianquinto (Venezia 1929-2003), quasi tutte provenienti dalla collezione di famiglia, è quello di dare, se possibile, il senso più completo di questo grande artista, pittore elegante, solitario e coerente, testimone di una profonda conoscenza del colore, del segno, della forma.

Gianquinto è un artista complesso, sfaccettato, intellettuale. La sua è una pittura meditata, studiata: indagine e riflessione, composizione e ricerca, avvicinarsi progressivo a quella essenzialità e a quel rigore che paiono spesso segni d’ascetismo, di sobrietà di forme e colori.

Ma accanto a questa marcata componente intellettuale, Gianquinto è anche un poeta indagatore di emozioni e di sentimenti, colmo di passioni forti e solide, un poeta generoso e rigoroso fino alla durezza e all’inflessibilità, ma la cui vena lirica ed elegiaca non rinuncia a prendere il suo spazio, le sue epifanie.

La sua ricerca si è svolta lungo tutto il corso del Novecento senza però mai poter essere incasellata in alcuna specifica corrente artistica. Gianquinto ha dipinto sin dall’inizio il reale così come veniva riducendosi nella sua essenza poetica, nella sua posizione di segno; vedeva le cose disfarsi, sciogliersi sotto l’emozione del guardare e scopriva la loro capacità plastica di deformarsi, subendo l’impronta dell’occhio emozionato. Dalle prime nature morte, attraverso i grandi quadri “storici”, i paesaggi meridionali, i paesaggi veneti, i giardini di Asolo, i frumenti, i quadri dentro il quadro, quello di Gianquinto è stato un percorso che ha sempre costeggiato la realtà, dipingendone le impronte, le ombre, i fantasmi e le essenze. In questo senso ha reinventato la realtà per mezzo dei suoi elementi, ne ha saputo dare un’immagine semplice e ambigua, ridotta in superfici e risonante in profondità, ricca di pensieri e di suggerimenti. La sua pittura sa sciogliere nel ricordo e nella memoria il senso stesso della realtà; è l’attesa di un annuncio di liberazione, la chiamata a un impegno che è soprattutto la pittura, la devozione all’arte come vocazione; una devozione che si traduce nella grammatica sobria dei colori, la geometria sublime di una pittura di solide sorprese, di riflessioni poetiche essenziali, fatta di un colore che definisce e costruisce, che impagina e si fa architettura di quella realtà fantastica e visionaria.

Caratteristiche della sua pittura rimangono la forza della sua ricerca, la coerenza, l’originalità, la serietà, la trama di indagini sommesse e non esibite, lo spessore culturale. Una pittura che non “rappresenta” ma restituisce il massimo degli elementi dell’esperienza visiva; se infatti la si percorre con lo sguardo, essa rivela uno straordinario equilibrio compositivo, una geometria costruttiva, strutturale, che è tutta raccolta nella lucidità architettonica del suo lavoro.

La sostanza ultima della pittura di Gianquinto è dunque un imperativo razionale e poetico; l’intelaiatura dello spazio, l’equilibrio del colore, il taglio sempre sapiente, la nitidezza delle forme evocate e proposte; ed è al contempo anche una lezione di metodo per cui il suo percorso è la testimonianza di uno stile di vita e di un impegno culturale e artistico totale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram